ilmeteo.net

Come si è formato il misterioso "occhio di cristallo" dell'Artico?

Nel Pleistocene un enorme meteorite colpì l'Artico. Il risultato fu la nascita di Crystal Eye, un cratere pieno di acqua ghiacciata che simboleggia una finestra sul passato geologico. Ecco la storia del cratere di Pingualuit e le tracce lasciate dall'impatto di altri meteoriti sulla Terra.

Crystal Eye
Conosciuto anche come Cratere Pingualuit, rappresenta una "cicatrice" del Pleistocene.

1,4 milioni di anni fa, un enorme meteorite cadde nel nord del Canada, lasciando un cerchio perfetto che ancora oggi viene utilizzato per studiare il clima passato. Conosciuto come Pingualuit dai popoli artici, il cratere "Crystal Eye" si trova nell'estremo nord del Quebec, nella regione di Nunavik, caratterizzata da un paesaggio desolato di tundra segnato da burroni e depressioni.

Il cratere, di almeno 3,5 km di diametro e 270 m di profondità, contiene acqua ghiacciata e si presenta come un'enorme laguna vista dalla superficie terrestre. Tuttavia, se ci alziamo in volo e lo osserviamo dall'alto, appare come un occhio blu indaco con una perfetta simmetria. Date le sue dimensioni, si stima che il meteorite che lo ha originato possa aver rilasciato la forza di 8.500 bombe nucleari.

Crystal Eye è una cicatrice del passato che racconta i cambiamenti climatici avvenuti durante l'ultima era glaciale, spiega la NASA.

Questa meraviglia naturale nasconde un grande mistero: stupisce gli scienziati perché non è collegata a nessun corpo idrico. Il Parco Nazionale di Pingualuit ospita diverse lagune più piccole che ricoprono il terreno attorno all'"occhio di vetro", ma sono completamente estranee al cratere. È molto probabile che mantenga le stesse condizioni preistoriche, in quanto non è contaminato da agenti esterni.

Un po' di storia

Il cratere è anche conosciuto in Canada e in altre parti del Nord America come "Ungava Crater", "New Quebec Crater" e "Chubb Crater". Il primo della lista significa "luogo lontano" in Inuktitut, una lingua originaria della zona, secondo quanto riporta Britannica. Inoltre, Ungava è il nome della penisola dove si trova il grande buco. Il nome Pingualuit è stato dato anche dagli Inuit e "si riferisce alle imperfezioni o alle bolle sulla pelle causati dal clima molto freddo", ha spiegato alla BBC Isabelle Dubois, coordinatrice del progetto turistico Nunavik.

Parco Nazionale Pingualuit
Il "Crystal Eye" è riconosciuto per essere la struttura più simmetrica di tutte. Credito: Jesse Allen/ NASA.

Come spiegato dalla NASA, il mondo occidentale lo scoprì durante la seconda guerra mondiale, quando l'equipaggio di un aereo dell'aeronautica militare degli Stati Uniti notò un cratere nel nord del Quebec. Negli anni '50 fu effettuata la prima spedizione geologica, che arrivò alla conclusione che si trattava di un cratere prodotto dall'impatto di un grande meteorite. L'identificazione di questo cratere ha portato al riconoscimento di oltre 20 altre strutture di impatto nel Canada orientale.

Altri incredibili crateri di impatto da meteorite sulla Terra

La Terra ospita luoghi unici nel Sistema Solare, inclusi incredibili crateri da impatto. In generale, il nostro pianeta è periodicamente colpito dai detriti spaziali, che, fortunatamente, sono per lo più bruciati dall'atmosfera prima del loro impatto, dando origine a splendidi sciami meteorici (che noi conosciamo come "stelle cadenti"). Ma altri, per le loro grandi dimensioni, riescono a superare questa barriera, lasciando una "cicatrice" sulla superficie terrestre.

Gosses Bluff
L'Australia ospita alcuni dei crateri da impatto più impressionanti al mondo, tra cui Gosses Bluff, che è quello mostrato nell'immagine.

Il Planetary and Space Science Center (PASSC) presso l'Università del New Brunswick in Canada, tiene traccia di 190 strutture di impatto confermate sulla Terra. Tra queste, ci sono diversi siti imperdibili che vi invitiamo a scoprire. Sul portale Space.com troverai un elenco di 10 crateri incredibili, tra cui il Gosses Bluff, il cratere da impatto più studiato in Australia.

Nördlingen
Le mura esterne della città antica coincidono con l'anello interno del cratere. Credito: Ferienland Donau-Ries.

Nel sud della Germania si trova il cratere Ries, e la cosa più incredibile in questo caso è che ospita una bellissima città medievale conosciuta come Nördlingen. La NASA afferma che gli europei medievali probabilmente fecero coincidere inconsapevolmente le mura della città con l'anello interno del cratere. Una meraviglia!