ilmeteo.net

L'incredibile caso della donna rimasta congelata per 6 ore e sopravvissuta

Quattro decenni fa una giovane donna rimase congelata per quasi 6 ore in una piccola città del Minnesota, negli Stati Uniti. La cosa più incredibile di questa situazione è che la donna è sopravvissuta senza conseguenze e vive una vita normale.

donna sopravvive congelata ghiaccio
Il caso della giovane donna sopravvissuta dopo essere stata congelata per 6 ore a una temperatura di -30°C è ancora un mistero!

40 anni fa una donna è rimasta congelata per quasi 6 ore ed è riuscita a sopravvivere! Questa è l'incredibile storia di Jean Hilliard, che all'età di 19 anni, in una fredda notte di dicembre del 1980, nella cittadina di Lengby (Minnesota) negli Stati Uniti, si schiantò con la sua auto in un fosso e, mentre cercava di uscire , finì per congelarsi.

L'incidente coinvolse la giovane mentre tornava a casa dei suoi genitori dopo una serata fuori. Vestita con un cappotto invernale, guanti sottili e stivali da cowboy, camminò per circa 3 chilometri a meno 30 gradi Celsius per chiedere aiuto a un amico che viveva nella zona. Tuttavia, a un certo punto, Jean inciampò e perse conoscenza. Il suo corpo, dopo aver trascorso sei ore sotto la neve, si congelò.

Titular Jean
Titolo di giornale locale poco dopo l'incidente di Jean: "'Una donna di 19 anni sconvolge i medici: un'esperienza terribile ha un lieto fine'. Giornale di Thirteen Towns, Fosston.

Al mattino, il suo amico Wally Nelson ha trovato il suo corpo a pochi metri dalla porta di casa, sdraiato in giardino, e rapidamente lo ha raccolto e lo ha messo all'interno della sua casa. "Pensavo fosse morta. Il suo corpo era come un pezzo di carne congelata, ma ho visto delle vesciche uscire dal suo naso", ha spiegato Nelson anni dopo in un'intervista alla Minnesota Public Radio.

"Il corpo era freddo, completamente solido, come un pezzo di carne congelata", ha detto George Sather, il medico che ha curato Jean all'ospedale cittadino.

Wally portò Jean di corsa in ospedale, perché la giovane donna sembrava non rispondere alla stimolazione. All'arrivo in ospedale, il suo viso era pallido, i suoi occhi sbarrati e la sua pelle era molto dura, tanto che i medici non furono in grado di posizionare una flebo nel braccio congelato, rompendo diversi aghi. Jean aveva una temperatura corporea vicina a 27 ºC, 10 gradi al di sotto della temperatura normale di una persona sana.

donna congelata
Foto recente di Jean in un'intervista per Fox 9. Foto: Fox 9.

Nonostante la grave situazione e le poche speranze di sopravvivenza della giovane donna, i medici iniziarono subito a riscaldarla con dei termofori (materiale disponibile in quel momento in quell'ospedale) e in poche ore il suo corpo tornò al suo stato normale, fatta eccezione per alcune dita dei piedi che erano ancora insensibili e piene di vesciche.

Sorprendentemente, poco dopo essere stata visitata, Jean stava già bene e venne dimessa dall'ospedale subito dopo. Non ha avuto conseguenze o problemi di alcun tipo.

Poco dopo, Jean era cosciente e parlava in modo coerente, venendo dimessa poco dopo per condurre una vita normale, come vive ancora oggi. Oggi Jean vive bene a Cambridge (Minnesota), senza conseguenze o problemi di salute a seguito di quanto accaduto. La sua unica limitazione, secondo quanto affermato da lei stessa, è che di notte non guida più su strade ghiacciate.

Come può un corpo sopravvivere dopo essere stato congelato?

Sebbene questi casi siano rari, un corpo apparentemente congelato, come quello di Jean, in uno stato di estrema ipotermia, può sopravvivere per qualche tempo se portato in ospedale. Attualmente, ci sono dispositivi speciali che i medici usano per aiutare a pompare il sangue di questi pazienti, riscaldando così i loro organi vitali. Secondo il professore di medicina dell'Università del Minnesota David Plummer, quando una persona diventa più fredda, il flusso sanguigno rallenta, il metabolismo rallenta e il corpo richiede meno ossigeno, andando in una sorta di letargo.

Aumentando il flusso sanguigno alla stessa velocità con cui il corpo si riscalda, ci sono buone probabilità che il corpo si riprenda. La cosa curiosa del caso di Jean è come si è ripresa, perché all'epoca Jean era stata portata in un ospedale rurale dove erano disponibili solo piastre riscaldanti per rianimarla, e oggi sono necessari dispositivi speciali per questo tipo di soccorso. Ecco perché il suo caso è considerato un miracolo fino ad oggi, o un caso molto fortunato!