ilmeteo.net

Caos nel Medio Oriente per una tempesta di sabbia estrema

Otto tempeste di sabbia hanno colpito l'Iraq da metà aprile. Di recente sono stati chiusi aeroporti e uffici, con la sospensione delle lezioni nelle scuole e nelle università. Aumentano i casi di persone con problemi respiratori.

Gli iracheni si sono svegliati questo lunedì con un cielo ocra causato da una nuova tempesta di sabbia che ha costretto alla chiusura di aeroporti e uffici, oltre alla sospensione delle lezioni nelle scuole e nelle università. La tempesta ha ricoperto i tetti delle case e delle automobili con un sottile strato di sabbia, riducendo drasticamente la visibilità. A seguito della ridotta visibilità "a 300 metri", l'autorità aeroportuale di Baghdad ha annunciato "la chiusura dello spazio aereo e l'interruzione del traffico in aeroporto" per tutta la giornata, secondo l'agenzia di stampa ufficiale Ina. "Abbiamo avuto 75 casi di persone con problemi respiratori", ha detto Ihsan Mawlood, medico di pronto soccorso in un ospedale di Baghdad. "Stiamo curando i pazienti con macchine ad ossigeno, se necessario".

L'Iraq potrebbe affrontare 272 giorni di polvere all'anno nei prossimi due decenni.

Sono state chiuse anche tutte le scuole del Paese e gli esami sono stati posticipati a martedì, ha affermato il ministero dell'Istruzione. La tempesta si sta dissolvendo gradualmente a partire da lunedì notte, secondo il servizio meteorologico.

Tempeste di sabbia e polvere sempre più frequenti in Medio Oriente

È l'ottava tempesta di sabbia da metà aprile a colpire l'Iraq. L'ultima, all'inizio di questo mese, ha causato la morte di una persona mentre altre 5.000 hanno dovuto essere ricoverate in ospedale per problemi respiratori. Il Medio Oriente è sempre stato colpito da tempeste di polvere e sabbia, ma negli ultimi anni sono diventate più frequenti e intense. Ad aprile, un funzionario del ministero dell'Ambiente ha avvertito che l'Iraq potrebbe affrontare "272 giorni di polvere" all'anno per i prossimi due decenni.