ilmeteo.net

Un terzo delle morti per caldo sono attribuibili alla crisi climatica

Uno degli studi più completi effettuati su questo tema è stato in grado di stabilire che i decessi aggiuntivi generati dal caldo eccessivo raggiungono il 37% del totale. Centro e Sud America sono una delle regioni più colpite.

Olas de calor
Le ondate di caldo sono sempre più intense nelle aree urbane.

Un approfondito e completo studio condotto dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine e dall'Università di Berna ha cercato di rispondere a questa domanda: quante morti per eccesso di calore sono legati alla crisi climatica? Le conclusioni sono sorprendenti e preoccupanti: una morte per calore eccessivo su tre sarebbe infatti correlata al cambiamento climatico antropogenico, cioè causato dalle nostre attività umane.

Questo risultato corrisponde al periodo di anni compreso tra il 1991 e il 2018. A differenza di altre indagini, questa è supportata dall'analisi di una enorme quantità di informazioni. Sono stati studiati i dati di 732 luoghi in 43 paesi in tutto il mondo. Secondo la dott.ssa Ana María Vicedo-Cabrera, che ha guidato il lavoro, il 37% di tutti i decessi dovuti al caldo nelle ultime estati può essere attribuito all'aumento del calore prodotto dal cambiamento climatico antropogenico.

Gli effetti del cambiamento climatico sono già evidenti

La cosa più sorprendente è che questa derivazione indica che le conseguenze del cambiamento climatico prodotto dall'uomo non sono qualcosa che deve ancora venire, ma che le abbiamo già subite per diversi decenni quasi senza rendercene conto. Ci sono alcune aree del pianeta in cui questa conseguenza è molto più marcata e gli effetti più evidenti.

I risultati in numeri

Un altro dei punti rilevanti di questa ricerca è che l'America centrale e meridionale e il sud-est asiatico sono le regioni più colpite dagli effetti del caldo. Nel rapporto completo pubblicato sulla rivista Nature , per il Sud America si segnala un dato sconvolgente: in Colombia fino al 76% dei decessi attribuibili al caldo può essere legato alla crisi climatica. Questo valore deriva dal confronto dei record storici in ciascuna posizione.

Nel caso del sud-est asiatico, tra il 48 e il 61% potrebbe essere collegato ai cambiamenti climatici. In entrambi i casi, questi valori erano superiori al 37% attribuiti a livello globale. Poiché sono stati utilizzati molti dati da un ampio numero di luoghi, i ricercatori sono stati in grado di stabilire valori per un importante elenco di città in tutto il mondo.

I decessi per caldo legati al cambiamento climatico nelle città del mondo

Alcuni esempi: 136 decessi in più all'anno a Santiago del Cile (44,3% del totale dei decessi dovuti al caldo in città), 189 ad Atene (26,1%), 172 a Roma (32%), 156 a Tokyo (35,6% ), 177 a Madrid (31,9%), 146 a Bangkok (53,4%), 82 a Londra (33,6%), 141 a New York (44,2%) e 137 a Ho Chi Minh City (48,5%).

Secondo lo studio a Roma il 32% dei decessi dovuti a ondate di caldo sono attribuibili al cambiamento climatico causato dalle attività umane

Nel caso dell'Argentina, il rapporto ha stabilito che la città di Buenos Aires ha avuto 68 decessi aggiuntivi all'anno (20,7% di tutti i decessi legati al caldo); Córdoba con 21 decessi aggiuntivi (21,6%) e Rosario 21 casi (18,8%).

Gli scenari possibili nel futuro

I ricercatori che hanno partecipato a questo lavoro indicano nelle conclusioni che in alcuni paesi questa realtà è molto più palpabile e che è necessario adottare politiche importanti per mitigare la crisi climatica per ridurre d'ora in poi l'aumento delle temperature. Indipendentemente da ciò, è urgente stabilire politiche che consentano di proteggere la popolazione più vulnerabile.

Olas de calor en Japón
In Giappone le ondate di caldo causano sempre più morti ogni anno.

Le temperature all'interno di molte abitazioni salgono a livelli pericolosi per l'essere umano, laddove non vi è la possibilità di ottenere una buona ventilazione o raffreddamento (spesso associato a disponibilità economica). È in questi casi che le persone con problemi di salute possono soccombere con maggior facilità. Si prevede che la percentuale di decessi dovuti alla crisi climatica antropogenica continuerà ad aumentare se il cambiamento climatico non verrà mitigato.

Finora la temperatura media globale è aumentata "solo" di 1°C, che è una piccola frazione di quanto potrebbe aumentare se le emissioni rimanessero incontrollate, chiariscono i partecipanti alla ricerca. Da parte sua, il professor Antonio Gasparrini, anche lui membro del team, ha spiegato che "si tratta del più grande studio sugli attuali rischi per la salute del cambiamento climatico". I valori potrebbero essere peggiori, poiché uno dei limiti dello studio era la mancanza di dati in paesi con poche informazioni, come alcune aree dell'Africa o dell'Asia meridionale.