Spettacolare atterraggio dentro il banco di nebbia: il video

La possibilità di atterrare con visibilità ridotta dipende dalla precisione di un apparato denominato, con sigla inglese "ILS". Guardate l'impressionante video di questo atterraggio nella nebbia in Uruguay.

Il robusto anticiclone, con massimi di oltre 1030 hPa, che da giorni interessa il Brasile meridionale, l’Uruguay, Paraguay e nord dell’Argentina, sta favorendo anche il frequente sviluppo di banchi di nebbia d’irraggiamento, capaci di ridurre la visibilità orizzontale anche a pochi metri.

Queste nebbie, particolarmente intense durante le ore notturne e al primo mattino, nei giorni scorsi hanno creato non pochi disagi al traffico aereo. All’aeroporto internazionale General Mariano Escobedo, situato a 5 km dalla capitale uruguaiana Montevideo, si è assistito ad uno spettacolare atterraggio dentro il banco di nebbia, con una visibilità orizzontale pressoché nulla sulla pista.

La possibilità di atterrare con visibilità ridotta dipende dalla precisione di un apparato denominato, con sigla inglese “ILS” (sistema di atterraggio strumentale) e dalla sua capacità di guidare l'aereo in tutta sicurezza fino ad un'altezza predeterminata, che i piloti definiscono "minima". Per atterrare bisogna che il pilota, arrivato a questa quota, veda una parte ridottissima delle luci di pista, ma occorre assolutamente avere un "contatto visivo col suolo".

Un ILS, normalmente, ha una "minima di 60 metri”, e da quell'altezza, per avvistare con certezza la pista, occorre una visibilità di poco superiore al mezzo chilometro. Ma in certi aeroporti, se la possibilità di nebbia e il volume di traffico giustificano la spesa, vengono installati degli ILS particolarmente precisi che consentono, se l'equipaggio è debitamente addestrato, di arrivare a soli 6 metri da terra prima di vedere la pista.