Domenica fronte polare e neve a quote collinari: ecco dove

Conferme sull’avvento di una depressione alimentata da aria molto fredda di provenienza polare e artica nella fine settimana con rischio neve a quote basse sulle regioni centrosettentrionali.

Marco Virgilio Marco Virgilio 02 Mag 2019 - 11:08 UTC
EVOLUZIONE METEO
Perturbazione fredda in arrivo domenica con nevicate a quote basse per la stagione su Alpi e Appennini (foto Marco Virgilio)

Una “voragine” fredda si aprirà nel cuore dell’Europa nel corso della prossima fine settimana e raggiungerà anche l’italia, soprattutto il centronord. Assisteremo ad una imperiosa espansione verso nord dell’anticiclone atlantico che si spingerà fino alla Groenlandia, un’altra alta pressione assumerà uno sviluppo meridiano a est del Mar Caspio (modello ECMWF). Fra le due accentuate onde anticicloniche si formerà una profonda saccatura depressionaria estesa dall’Artico ai mari italiani.

Arriva il fronte polare sull’Europa centrale

Arriva il fronte polare sull’Europa centrale portando con sé aria molto fredda per il periodo stagionale. Le analisi odierne per domenica 5 maggio indicano isoterme comprese tra -2 e -6 gradi a 1400/1500 metri su Francia e Germania, fino a -1/-4 gradi a 1400 metri circa su Alpi, nordest in generale e Toscana. Entro sera il nucleo freddo raggiungerà anche Lazio, Umbria e Marche.

Effetti previsti

Come sempre in queste occasioni l’irruzione fredda, varcando le Alpi, favorirà la genesi di un’area di bassa pressione sul centro-nord italiano. Il brusco abbassamento delle temperature in quota atteso nelle prime ore di domenica al nord, il richiamo umido ed il probabile innesco di attività convettiva favorita dal contesto primaverile, saranno tutti ingredienti che potrebbero portare a non poche sorprese dal punto di vista dei fenomeni meteorologici, soprattutto in relazione alla quota neve. Oggi procederemo per zone...

Previsioni meteo nord Italia

Graduale deterioramento delle condizioni atmosferiche a causa di correnti sudoccidentali più umide già a partire da giovedì ma in particolare venerdì e sabato. In questa fase piogge via via più diffuse anche se a carattere intermittente e con delle pause. Le precipitazioni più abbondanti nel complesso dei tre giorni in esame, sono attese tra Liguria di levante e alta Toscana, Rilievi alpini e prealpini centrali, Friuli Venezia Giulia in generale. La neve cadrà ancora a quote medio-alte, attorno ai 1700/2000 metri.

Domenica deciso cambio di marcia! Potremmo definirla, proseguendo con la metafora automobilistica, una repentina scalata dalla quinta alla prima. Tra la notte e la prima mattina di domenica cessano le precipitazioni sul Piemonte che si troverà più riparato rispetto alla depressione in formazione. Pioggia invece sul resto del nord con quota neve in abbassamento fino a quote collinari su Lombardia, Veneto ed Emilia.

Quota neve un po’ più alta in Friuli Venezia Giulia, comunque probabile fino a 500/700 metri salendo verso il tarvisiano. Possibile qualche rovescio, anche temporalesco, a ridosso dell’Appennino emiliano che potrebbe portare i fiocchi a tratti ancora più in basso. Dal pomeriggio attenuazione dei fenomeni su Alpi e nordovest mentre tra Emilia e Romagna permarrà il rischio di neve fino a quote piuttosto basse fino a sera.

Previsioni centro Italia

Venerdì piogge sparse ma in genere deboli sulla Toscana, tempo variabile sulle altre regioni. Tendenza a peggioramento nel corso di sabato con piogge più diffuse su tutto il settore e possibili rovesci, anche temporaleschi. Miglioramento in serata sabato in attesa di un nuovo progressivo peggioramento domenica con piogge in estensione a Toscana, Lazio e Marche. Nevicate sui rilievi appenninici a quote via via più basse, fino a 600/800 metri. Dalla sera attenuazione sulle zone tirreniche.

Previsioni sud Italia e isole maggiori

Tempo inizialmente variabile ma con aumento del rischio pioggia venerdì dalla Sicilia verso il basso tirreno e la Calabria. Tempo migliore sulla Sardegna. Sabato piogge possibili ed intermittenti su tutto il sud e sulla Sicilia. Qualche debole pioggia possibile sulla Sardegna occidentale.

Domenica cielo tra poco nuvoloso ed irregolarmente nuvoloso su tutte le regioni con parziale nuvolosità in aumento sul basso Tirreno. Non esclusi isolati piovaschi sulla Calabria tirrenica.
Temperature ovunque in diminuzione, sensibile al nord tranne che sul Piemonte, dove si avranno venti di caduta da nord, e su parte del centro, lieve al sud.

Temperature in diminuzione, sensibile al nord tranne che sul Piemonte, dove si avranno venti di caduta da nord, e su parte del centro, lieve al sud.

Pubblicità