Ancora caldo e sole al centro-sud, qualche temporale al nord

Mentre le regioni meridionali verranno interessate da condizioni di tempo stabile e soleggiato, al nord arriverà qualche temporale. Ecco le previsioni meteo per questa settimana.

Daniele Ingemi Daniele Ingemi 19 Ago 2019 - 10:30 UTC
previsioni-caldo
Ecco le previsioni meteo per questa settimana.

Mancano ormai una decina di giorni alla fine dell’estate meteorologica. L’anticiclone africano continua a mantenersi ben solido sul Mediterraneo, tanto che nei prossimi giorni tornerà nuovamente a rinforzarsi sulle nostre regioni centro-meridionali e le due Isole Maggiori, aprendo una nuova fase calda e soleggiata.

Caldo in aumento al centro-sud, possibili picchi di oltre +37°C

L’elemento saliente dei prossimi giorni sarà rappresentato dalla nuova risalita sul bacino centrale del Mediterraneo del promontorio anticiclonico africano, il quale contribuirà anche ad “avvettare” masse d’aria calde e secche dal Sahara algerino in direzione delle nostre regioni centro-meridionali.

Difatti, proprio a partire da domani le temperature cominceranno ad aumentare in tutto il centro-sud e sulle nostre Isole Maggiori, con punte di oltre +35°C sulle aree più interne. Un po’ di caldo si avvertirà anche sulle regioni centrali e in Emilia-Romagna, dove si potranno raggiungere picchi isolati di +35°C, localmente anche +36°C.

Nuova ma più breve ondata di calore

Nella giornata di mercoledì si dovrebbe raggiungere il picco di questa nuova ma più breve ondata di calore, con valori che potranno raggiungere e superare pure i +37°C, soprattutto nelle aree interne e le pianure del sud. Solo da giovedì la calura dovrebbe cominciare, pian piano, ad allentare la sua morsa, con un progressivo calo delle temperature, ad iniziare dal centro ed in seguito pure al sud.

Rischio temporali sparsi al nord

Mentre le regioni del centro-sud saranno ancora una volta protette dall’anticiclone nord-africano le regioni settentrionali, invece, saranno interessate dall’entrata in quota, nella media troposfera, di aria più fresca in quota che contribuirà ad inasprire il “gradiente termico verticale”, innescando lo sviluppo di fenomeni temporaleschi, anche intensi.

Ecco le aree più a rischio

Domani, 20 agosto, durante le ore pomeridiane, dei temporali, anche di moderata e forte intensità, si potranno sviluppare fra Valle d’Aosta e alto Piemonte. Questi temporali si sposteranno verso levante, interessando pure Alpi e Prealpi lombarde e l’Alto Adige, dove sono attesi dei rovesci, localmente pure intensi.

Mercoledì 21, invece, altri temporali si dovrebbero generare a ridosso delle Alpi Piemontesi, per l’ingresso di un impulso di aria fresca. Alcuni di questi temporali potrebbero sconfinare fin sulla pianura piemontese, con rovesci, anche di moderata e forte intensità, accompagnati da raffiche di vento e possibili grandinate.

Giovedì 22 agosto l’aria più fresca dilagherà anche al meridione

Da giovedì 22 l’aria più fresca raggiungerà pure il centro-sud, favorendo un generale calo termico e l’innesco di condizioni di instabilità “termoconvettiva” (temporali di calore) anche lungo l’Appennino e sui rilievi più interni delle Isole Maggiori.

I venti spireranno generalmente deboli a regime di brezza lungo le coste. Solo sui mari a ridosso della Sardegna è atteso un rinforzo della ventilazione da SE nella giornata di mercoledì.

Pubblicità