Previsioni: tempo variabile al centronord, caldo solo al sud

Fase estiva un po’ sottotono con variabilità e clima relativamente fresco sulle regioni centrosettentrionali. Il caldo resiste solo sull’estremo sud e sulle isole maggiori.

Marco Virgilio Marco Virgilio 11 Lug 2019 - 10:28 UTC
foto-alpi
La situazione meteo sull'Italia: ancora temporali.

Nei prossimi giorni, e presumibilmente per la gran parte della prossima settimana, latiteranno le alte pressioni sull’Italia, in particolare sul centronord. Solo Sicilia, Sardegna e Calabria saranno ancora interessate da masse d’aria calda che favoriranno maggiore stabilità.

Sulle altre regioni domineranno in quota correnti tra nordovest e nord, più fresche e a tratti più umide che determineranno condizioni di tempo variabile con fasi di maggiore instabilità, fatta in parte eccezione per la pianura Padana occidentale. Le regioni più esposte a fenomeni temporaleschi sembrano essere, in ordine di probabilità, quelle centrali del versante adriatico, le zone appenniniche in generale e i rilievi alpini centro-orientali.

Area depressionaria sull'Europa

Il motore di questo schema circolatorio sarà una depressione con i suoi minimi posti in quota tra la penisola di Kola e la Finlandia, capace di abbracciare con le sue spire anche buona parte dell’Europa centrale e orientale.
Questa situazione non sembra potersi sbloccare a breve anche se i centri di pressione subiranno degli spostamenti, la dinamica favorirà sempre flussi di aria tra nordovest e nord sulle regione settentrionali e centrali italiane, in parte anche sulle regione meridionali adriatiche e ioniche.

Il tempo dei prossimi giorni

Giovedì prevalenza di bel tempo su tutte le regioni ma con tendenza a formazione di addensamenti nuvolosi più consistenti sulle zone alpine e prealpine che nelle ore pomeridiane potrebbero dare luogo a locali rovesci, anche temporaleschi. Clima relativamente fresco al nord con temperature massime attorno ai 28 gradi, più caldo sulla Toscana, la Sardegna ed il sud in generale anche se i valori massimi assoluti sono attesi in Sicilia con locali punte di 36 gradi.

Venerdì nuvolosità variabile sulle zone alpine e prealpine di nordest con associati rovesci sparsi e locali temporali dal pomeriggio. Cresce l’instabilità pomeridiana anche nelle zone interne appenniniche tra l’Emilia e l’Abruzzo, meno esposto sembra il settore tirrenico.

Il tempo del week-end

Sabato probabilità abbastanza alta di rovesci sparsi, anche temporaleschi, sulle zone di pianura di Friuli Venezia Giulia e veneto, sulle Marche e le aree appenniniche tra Emilia e Toscana. Nel corso della giornata instabilità più diffusa su tutte le regioni centrali e parte del sud con rovesci e locali temporali.

Permane ancora il rischio temporali su tutto il nordest, tempo migliore sulle altre regioni del nord e sulle isole maggiori. Clima più fresco sulle regioni adriatiche del centro-nord, più caldo su nordovest, Toscana, Puglia e isole maggiori con valori massimi superiori ai 30 gradi. In Sicilia, possibile raggiungere i 35 gradi nelle zone interne.

Il meteo domenica 14 luglio

Domenica mattina residui fenomeni lungo tutto il settore adriatico tra le Marche e la Puglia e localmente nelle zone interne della dorsale appenninica. Qualche temporale locale sarà possibile nel pomeriggio sulle Alpi orientali. Su tutte le altre regioni prevalenza di bel tempo con palma di zona più calda ancora una volta alla Sicilia dove localmente si potrebbero toccare i 40 gradi nel catanese ed in provincia di Siracusa nelle zone interne. Temperature massime tra 28 e 32 gradi sulle altre zone.

Attenzione! Le condizioni generali sono tali da poter generale localmente fenomeni temporaleschi di forte intensità con grandine e colpi di vento.

Tendenza successiva

La situazione generale per l’Italia non pare cambiare in modo deciso, fino a metà settimana insisteranno correnti settentrionali sul nord e sul centro Italia che saranno più umide a tratti sul nordest e sulle aree appenniniche del centro.

Questo significherà ancora predisposizione a formazione di temporali sulle zone menzionate, soprattutto presso i rilievi. Farà più caldo sulle regioni più occidentali da nord a sud e su quelle affacciate sul mar Ionio. Un po’ più fresco sulle regioni del versante adriatico. Probabilmente per tutta la prossima settimana non si verificheranno situazioni atmosferiche favorevoli a rimonte anticicloniche significative e condizioni favorevoli a nuove ondate calde.

Pubblicità