StoreWindows10

Temporali al sud, migliora al nord

Una depressione, attiva oggi in quota tra il centrosud Italia ed i Balcani, manterrà condizioni di marcata instabilità sulle regioni centromeridionali. Tempo migliore nel week-end ma...

Marco Virgilio Marco Virgilio 14 Giu 2018 - 16:52 UTC
METEO WEEKEND
Nel fine settimana previsti temporali pomeridiani nelle zone interne ed appenniniche, specie al sud

Tra oggi e domani l’Italia sarà ancora interessata da una depressione che è posta tra le zone centromeridionali della penisola ed i Balcani. La depressione tenderà a muoversi gradualmente verso sudest, indebolendosi progressivamente. Questo favorirà un miglioramento del tempo nella fine settimana, per altro già in atto al nord dove fluiscono venti orientali più secchi nei bassi strati.

Anche nel week-end, tuttavia, sul meridione permarrà una certa instabilità ad evoluzione diurna dovuta a venti settentrionali ancora piuttosto umidi sia in quota che negli strati più bassi dell’atmosfera. Con questo tipo di circolazione le aree più a rischio di rovesci o temporali pomeridiani sono quelle interne ed appenniniche. Al nord il tempo sarà migliore anche se sulle Alpi centro-occidentali qualche piovasco nelle ore più calde non è escluso.

Fino a venerdì instabile al centrosud

La depressione presente sui mari italiani (modello ECMWF) interesserà ancora le regioni adriatiche del centro, il sud e le isole maggiori. Fino a venerdì, quindi, su queste zone tempo variabile con nuvolosità a tratti intensa, associata a rovesci e temporali sparsi. Sul sud e sulle isole maggiori attenzione alla possibilità di qualche temporale di forte intensità con locali grandinate e colpi di vento nelle aree temporalesche.

Al nord tempo migliore con cielo tra poco nuvoloso ed irregolarmente nuvoloso per transito di nubi medio-alte. Solo sulle Alpi Cozie e Marittime, lungo l’appennino ligure, potrebbe verificarsi qualche piovasco.

METEO IN CORSO
La situazione in corso: giovedì e venerdì nubi, piogge e temporali su centrosud e isole maggiori, tempo migliore al nord

Evoluzione week-end

Sabato 16 giugno la depressione sarà ormai disposta tra Grecia e Balcani ed interesserà solo marginalmente il sud con venti settentrionali ancora umidi sia in quota che nei bassi strati. Al nord e sulle isole maggiori una certa umidità sarà presente in quota mentre nei bassi strati l’aria sarà più secca. Questo favorirà tempo più stabile e maggiormente soleggiato sul centronord anche se con una parziale nuvolosità di tipo medio-alto.

Al sud e sulla Sicilia il tempo sarà variabile ma con sviluppo di nuvolosità cumuliforme nelle zone interne, specie lungo il versante tirrenico. Non mancherà su queste qualche rovescio o temporale. Qualche temporale non è da escludersi anche tra Lazio e Campania lungo il lato tirrenico. Le temperature massime saranno comprese tra 26 e 29 gradi su tutte le zone anche se mediamente farà più caldo al nord e al centro.

Domenica situazione sempre stabile al nord con più sole e qualche addensamento parziale. Solo tra Piemonte e ponente ligure sui rilievi potrà manifestarsi qualche annuvolamento cumuliforme più intenso nel pomeriggio, associato a locali piovaschi.

Più alto, invece, il rischio di temporali pomeridiani al centrosud, ad esclusione delle isole maggiori. Poche le variazioni nel campo delle temperature con tendenza generale a lieve aumento e punte attorno ai 30/31 gradi da nord a sud nelle zone pianeggianti.

METEO WEEKEND
Nella fine settimana centrosud più esposto a moderata instabilità pomeridiana

Evoluzione successiva: Bel tempo ma qualche temporale al sud

L’espansione verso levante dell’alta pressione atlantica determinerà ancora condizioni di prevalente bel tempo su gran parte d’Italia ma i venti orientali in quota risulteranno un po’ più umidi sulle regione centromeridionali. Questo favorirà sul meridione una moderata instabilità pomeridiana ad evoluzione diurna sui rilievi e nelle zone interne a ridosso dei monti, il che si può tradurre in qualche acquazzone o breve temporale pomeridiano. Clima estivo con temperature abbastanza omogenee sul territorio nazionale, caratterizzate da valori massimi di 30/32 gradi.

Pubblicità