ilmeteo.net

Astronomi restringono la fonte del misterioso segnale alieno

Il famoso segnale Wow! è stato rilevato quasi 45 anni fa, ma rimane ancora oggi il miglior candidato come segnale radio extraterrestre.

Radio Telescopi
Il segnale Wow! rimane ancora oggi il miglior candidato come segnale extraterrestre.

È passato quasi mezzo secolo da quando l'astronomo Jerry R. Ehman identificò un segnale radio a banda stretta molto forte e insolito, mentre esaminava i dati registrati dal radiotelescopio Big Ear della Ohio State University nell'agosto del 1977. Il segnale anomalo, che sembrava provenire dalla direzione della costellazione del Sagittario, portava tutti i segni di una origine extraterrestre e rimane ancora oggi il miglior candidato ad essere l'unica trasmissione radio extraterrestre mai rilevata.

Non solo era continuo, della durata di almeno 72 secondi, ma la sua intensità era molto superiore al rumore di fondo. Ehman rimase così colpito dall'osservazione che cerchiò il segnale su una stampa del computer e scrisse: "Wow!" accanto ad essa, dandole un nome che è durato nei decenni. Ad oggi, il segnale Wow! non si è mai ripetuto, nessun altro segnale simile è stato rilevato e nessuna teoria ampiamente accettata sulla sua origine è stata concordata. Ma grazie a nuove ricerche, ora potremmo sapere da quale sistema stellare proveniva.

Da dove è arrivato il segnale Wow?

Nonostante la fonte del segnale rimanga un mistero, gli astronomi si stanno avvicinando sempre più all'individuazione del punto di origine nell'universo. In un articolo, pubblicato di recente sull' International Journal of Astrobiology, l'astronomo Alberto Caballero presenta i risultati di una ricerca dettagliata sul sistema stellare da cui potrebbe essere arrivato il segnale Wow. Spulciando nel database Gaia dell'Agenzia spaziale europea, che contiene circa 1 miliardo di stelle, Caballero ha cercato stelle nella regione del segnale che assomigliano molto al nostro Sole, una stella di tipo G. Poiché questo tipo di stella è l'unico finora noto ad ospitare la vita, è il primo candidato nella ricerca della vita extraterrestre. Caballero ha incluso nella ricerca anche stelle di tipo K, poiché si ritiene che possano ospitare pianeti abitabili, nonostante siano leggermente più piccole del nostro Sole.

via lattea
Delle innumerevoli stelle nell'universo, alcune sono candidate alla vita migliori di altre.

Delle 66 stelle di tipo G e K identificate nella regione da cui è arrivato il segnale, solo una sembra essere una stella simile al Sole, dice Caballero, con un raggio e una luminosità quasi identici e una temperatura di appena 5 gradi Kelvin in più. "L'unica potenziale stella simile al Sole in tutta la regione del segnale Wow! sembra essere 2MASS 19281982-2640123", afferma Caballero. "Nonostante questa stella si trovi troppo lontano per inviare qualsiasi risposta sotto forma di trasmissione radio o di luce, potrebbe essere un ottimo obiettivo per effettuare osservazioni alla ricerca di esopianeti attorno alla stella".

Come afferma Caballero, 2MASS 19281982-2640123 si trova a circa 1.800 anni luce dalla Terra, il che significa che qualsiasi tentativo di rispondere al segnale richiederebbe secoli per arrivare. Tuttavia, una ricerca dettagliata del sistema stellare potrebbe rivelare le firme della vita extraterrestre, che sarebbe un'altra svolta nella coda di questo mistero interstellare, e sicuramente degno di un altro "Wow!".