ilmeteo.net

Attenzione all'influenza, più freddo e più contagi nell'inverno 2022?

Siamo ormai nel pieno dell'autunno e molte persone si ammalano di influenza. L'influenza stagionale si diffonde facilmente, ancor di più ora che l'inverno si avvicina. Quali previsioni per la stagione invernale 2022?

gripe
La stagione influenzale 2021-2022 raggiungerà il culmine tra la seconda settimana di gennaio e la seconda di febbraio.

Come molti sapranno, il freddo favorisce la comparsa dei raffreddori e questo ha una spiegazione. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista PNAS, un chiaro esempio è nei Rhinovirus. Sono i principali responsabili del raffreddore ed i ricercatori hanno scoperto che si riproducono meglio in ambienti più freschi. E allora, sta arrivando un inverno molto freddo e per questo si teme una maggior incidenza dell'influenza stagionale?

Cos'è esattamente l'influenza?

L'influenza stagionale è un'infezione virale acuta che circola in tutto il mondo. Si tratta di un'infezione virale del naso e della gola che secondo l'OMS di solito provoca: febbre, tosse (spesso secca), dolori muscolari e malessere generale. È generalmente innocuo, anche se nelle persone ad alto rischio l'influenza può essere una malattia grave e talvolta fatale. Ad esempio, si stima che le epidemie annuali causino fino a 5 milioni di casi gravi, di cui circa 500.000 con esito fatale.

Simile al coronavirus, ha un'alta incidenza nelle persone asintomatiche. Il periodo di tempo che intercorre tra l'infezione e l'insorgenza della malattia va da 1 a 4 giorni. Sebbene la maggior parte delle persone si rivolga alle cliniche per ricevere una diagnosi, altri virus respiratori come il rinovirus possono causare sindromi influenzali che rendono difficile la diagnosi.

Come influisce il freddo?

L'influenza stagionale è facile da diffondere e si diffonde rapidamente in ambienti come scuole, palestre e case di cura durante il periodo invernale. Tossendo o starnutendo, le persone infette diffondono nell'aria goccioline infettive, che vengono poi respirate da altre persone.Secondo l'articolo del PNAS, tornando al caso del rinovirus, la maggior parte dei ceppi si replica meglio con temperature più basse. Per effettuare tale studio, si è lavorato con le cellule dei passaggi nasali dei topi ed è stata confrontata la risposta immunitaria al rinovirus in condizioni di alte e basse temperature. I risultati sono stati evidenti, concludendo che ovunque ci sia inverno ci sono più raffreddori.

Quest'anno è prevista una maggiore incidenza, perché?

La stagione influenzale in Europa è appena iniziata. In Spagna, ad esempio, il suo picco sarà tra la seconda settimana di gennaio e la seconda di febbraio. Durante l'inverno, le persone trascorrono più tempo al chiuso con le finestre chiuse e senza ventilazione. Le giornate sono più brevi e la mancanza di luce solare porta a bassi livelli di vitamina D e melatonina.

Il graduale ritorno alla normalità consentirà una maggiore interazione negli spazi chiusi, tuttavia la mascherina può essere un buon alleato affinché il picco dell'influenza non sia come negli inverni pre-pandemia.

Gli esperti sostengono che il graduale ritorno alla normalità provocherà una maggiore interazione in ambienti chiusi e che favorirà una più rapida diffusione del virus. Tuttavia, grazie alle mascherine e alla straordinaria diminuzione dell'incidenza dell'influenza nell'anno precedente, nonostante questo rimbalzo, si ritiene che il picco non sarà paragonabile ai tempi pre-pandemia. Il freddo, dunque, non sarà più colpevole che in altri anni.

Le temperature più basse però genereranno un clima perfetto per l'aumento della diffusione del virus. Per il momento la campagna di vaccinazione è già iniziata e lo ha fatto in un contesto segnato dalla convivenza di questo virus con il COVID-19.