Catastrofiche alluvioni fra Germania, Belgio e Olanda: ecco i video

In queste ore catastrofiche alluvioni stanno colpendo la Germania, il Belgio e l'Olanda, provocando morti e feriti: ecco i video che arrivano dalle zone colpite.

Le piogge intense e i temporali che negli ultimi giorni hanno interessato vaste aree della Germania occidentale e il Belgio hanno causato delle “catastrofiche alluvioni”. Come riporta il quotidiano tedesco Die Welt, citando fonti della polizia, le gravi alluvioni, che hanno colpito la città di Schuld, nel distretto di Ahrweiler, hanno causato diversi morti, fra cui due Vigili del Fuoco. Secondo fonti qualificate almeno 70 sarebbero le persone disperse, mentre 200mila sono le persone rimaste senza elettricità nella Germania occidentale.

I Lander più colpiti sono il Norderno-Vestfalia e la Renania-Palatinato. Quattro persone sono morte ad Eifel, nel distretto di Ahrweiler, a Solingen due uomini sono morti annegati in cantina e la stessa sorte è toccata a un uomo e una donna, a Colonia.

La forte pioggia, caduta ininterrottamente ieri, ha provocato la piena di tutti i piccoli e medi corsi d'acqua dei Laender del Saarland, della Vestfalia e della Renania. Sale nel corso delle ore anche il livello della Mosella, e c'è molta attenzione alle condizioni del Reno. I Vigili del Fuoco sono impegnati in centinaia di interventi, anche per liberare le persone rimaste intrappolate nelle case, a causa delle inondazioni.

Ma l’ondata di maltempo non ha risparmiato neppure il Belgio, con la provincia di Liegi che ha subito pesanti inondazioni. Numerose le inondazioni che hanno allagato case, fattorie e impianti industriali. Il fiume Mosa, che attraversa Liegi e Maastricht, rischia di esondare.

In Olanda, invece, si è deciso di schierare l'esercito nel sud del Paese per far fronte a quello che è stato definito ''il peggior maltempo degli ultimi 300 anni''. Decine di persone sono state costrette a fuggire dalle loro case nella provincia sudorientale di Limburg, al confine con la Germania, e sono state ospitate in hotel e in centri sportivi. Centinaia di persone sono rimaste senza elettricità e il compito dei militari è quello di aiutarli a mettersi in salvo, anche dopo la chiusura di diverse strade e autostrade.