ilmeteo.net

Si intensifica il 25° ciclo solare: gravi blackout in Asia e Australia

A metà aprile sono stati segnalati gravi blackout radiofonici a onde corte, nel bel mezzo di una grande tempesta geomagnetica. Potremmo essere diretti verso un ciclo solare insolitamente intenso, avvertono gli esperti.

Ciclo solare tempesta geomagnetica
I cicli solari hanno iniziato a essere numerati nel 1755. L'attuale numero 25 si sta dirigendo verso un massimo previsto per luglio 2025.

A metà aprile la Terra è rimasta nel mezzo di una tempesta geomagnetica che ha causato un grave blackout radiofonico a onde corte nel sud-est asiatico e in Australia. Secondo lo Space Weather Prediction Center (SWPC) degli Stati Uniti, dipendente dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), il brillamento solare ha raggiunto il suo picco alle 03:34 UTC del 17 aprile. Il bagliore, classificato come R3 X1 per la sua (forte) intensità, ha innescato un'espulsione di massa coronale. L'esplosione è stata registrata come una tempesta solare di classe X1.1 ed è durata circa 34 minuti, secondo i funzionari dell'SWPC.

Il ciclo solare numero 25

Questo recente evento si è verificato nel contesto dell'aumento dell'attività nell'attuale ciclo solare 25, il cui massimo è previsto per luglio 2025. Il minimo solare più recente si è verificato nel 2019, quando per un periodo di 274 giorni il Sole non ha avuto macchie solari. Dal dicembre di quell'anno è iniziato il ciclo attuale. Secondo quanto segnalato sul giornale spagnolo "El Mundo" da Rafael Bachiller, direttore dell'Osservatorio Astronomico Nazionale spagnolo, tutto sembra indicare che il ciclo solare 25 potrebbe essere molto più attivo del ciclo 24.

Le immagini del Sole catturate in questi ultimi giorni rivelano un'intricata struttura di zone attive sulla superficie della nostra stella: macchie solari, rigonfiamenti, bagliori e buchi nella corona. In effetti, da settembre 2020, il numero di macchie solari supera i livelli previsti, suggerendo che potremmo trovarci in un ciclo di attività insolitamente intenso.

Se al massimo del 24° ciclo il Sole era popolato da 115 macchie, alcune previsioni indicano che nel 25° ciclo potremmo raggiungere un massimo di circa 130. Tuttavia, secondo altre previsioni, il Sole potrebbe arrivare ad avere duecento macchie nel suo picco massimo previsto nel 2025 .

La storia dei cicli solari

L'attività solare è misurata dal numero di macchie solari visibili: il cosiddetto numero di Wolf. Questo numero varia periodicamente, seguendo un ciclo di circa 11 anni (la durata dei cicli può variare da circa 9 a 13 anni). All'inizio di un ciclo, la superficie solare è libera da macchie: questo è il momento di minimo solare. Poco a poco, iniziano ad apparire delle macchie alle alte latitudini solari, che poi si moltiplicano e si diffondono verso le regioni equatoriali, fino a raggiungere il massimo solare, spiega Bachiller.

Studiare l'evoluzione delle macchie solari è estremamente importante perché queste sono quelle che causano brillamenti ed eruzioni solari. Quando il ciclo delle macchie solari raggiunge il suo massimo, il Sole è più attivo, ed è allora che si innescano le più grandi tempeste solari, che, se dirette verso la Terra, possono danneggiare i sistemi di alta tecnologia da cui dipendiamo così tanto. I cicli solari iniziarono ad essere enumerati nel 1755. Il ciclo 1 era chiamato periodo 1755-1766 e, da allora fino ad oggi, sono stati completati 24 cicli.