ilmeteo.net

Ecco com'è stata la prima storica discesa nella Fossa di Atacama!

Due oceanografi cileni insieme a un esperto esploratore americano hanno completato due viaggi nelle profondità della fossa di Atacama, raggiungendo gli 8.069 metri sotto il livello dell'oceano!

Fossa Atacama Cile
"Questa è stata l'avventura della mia vita", ha detto il 60enne Ulloa. Foto: @udeconcepción

La scorsa settimana, gli oceanografi cileni Osvaldo Ulloa e Rubén Escribano hanno compiuto un enorme passo avanti nella conquista e nella conoscenza dei luoghi più profondi del pianeta, scendendo nella Fossa di Atacama insieme all'esperto americano Víctor Vescovo. Ulloa ed Escribano, rispettivamente direttore e vicedirettore del Millennium Institute of Oceanography dell'Università di Concepción, in Cile, hanno passato anni a immaginare come dev'essere il paesaggio della Fossa di Atacama, un'imponente fenditura che scende a oltre 8.000 metri di profondità di fronte alle coste del Cile e del Perù.

I dettagli dell'impresa

In due distinte immersioni, Ulloa prima ed Escribano poi, insieme a Vescovo, sono saliti a bordo di una piccolissima sfera di titanio ricoperta da uno spesso strato protettivo di schiuma sintetica, secondo quanto indicato da BBC Mundo. Soprannominato Limiting Factor, in omaggio ai romanzi di fantasia di Ian Banks, il sommergibile è la meraviglia tecnologica che apre regolarmente le porte all'esplorazione della cosiddetta zona adopelagica degli oceani, cioè tutto ciò che c'è sotto i 6.000 metri.

Ciascuno dei due viaggi è durato un totale di dieci ore, per le quali gli acquanauti hanno dovuto disidratarsi letteralmente la sera prima, indossare abiti pesanti e assicurarsi di avere cibo. La discesa fino al punto più profondo della fossa è stata compiuta da Ulloa insieme a Vescovo, il 20 gennaio, in un viaggio durato tre ore e mezza e che ha raggiunto gli 8.069 metri, secondo le mappe che erano state fatte il giorno prima. La seconda immersione, effettuata da Escribano e Vescovo, ha raggiunto la profondità di 7.330 metri giorni dopo.

Fossa Atacama Cile
Ciascuno dei due viaggi è durato un totale di dieci ore. Foto: Dssv Pressure Drop-Caladan Oceanic
Ulloa, Escribano e Vescovo sono i primi esseri umani ad aver compiuto una missione con equipaggio nella Fossa di Atacama.

L'esperto esploratore americano Víctor Vescovo, che ha accompagnato gli scienziati cileni, già nel 2019 è diventato la prima persona a visitare i cinque punti più profondi dei cinque oceani pilotando un sommergibile appositamente costruito.

“È stato magico, come atterrare su un altro pianeta”

Parlando con BBC Mundo, il 60enne Ulloa ha dichiarato che "questa è stata l'avventura della mia vita e l'apice della mia carriera di ricercatore in scienze marine". Una volta in fondo, Vescovo ha manovrato la navicella spaziale su uno straordinario terreno di valli, creste e altre formazioni rocciose che forniranno importanti informazioni sulla geologia caratteristica di questa regione del pianeta.

"Siamo rimasti colpiti anche dal gran numero di oloturie, una specie di cetriolo di mare che è stata trovata anche in altre fosse profonde, ma che qui era presente in grande abbondanza", dice Ulloa. "Ma se c'è qualcosa che io, come microbiologo, volevo in questa spedizione, era ammirare le vaste colonie di microrganismi. E per questo, vederli con i miei occhi è stato qualcosa di straordinario, la conferma per la prima volta della loro esistenza nella Fossa di Atacama già a più di 8.000 metri".

Fossa di Atacama Cile
Rubén Escribano e Osvaldo Ulloa. Foto: Angela Posada.

Due giorni dopo Escribano è sceso da solo a 7.330 metri, esplorando il versante orientale della trincea alla ricerca di organismi più abbondanti. "Era qualcosa di magico; come scendere su un altro pianeta e vedere le strutture costruite da questi esseri. Ho immaginato che fossero minuscole città fatte di vermi e crostacei che creano percorsi nel sedimento", ha detto.