ilmeteo.net

Zecche, meduse e vespe: cosa fare e cosa NON fare in caso di puntura

È meglio tenerlo presente il prima possibile, dobbiamo condividere l'estate e la terra con gli insetti e altri animali che sì, ci morderanno. Di solito le conseguenze sono lievi: prurito, gonfiore, arrossamento... ma per evitare che questo si complichi meglio sapere cosa fare e, soprattutto, cosa non fare.

puntura occhi gonfi zanzara
Se il morso è in una zona a rischio, devi andare ai servizi medici.

Non c'è estate senza punture. Con l'aumento delle temperature possiamo trovarci di fronte a insetti molesti. La maggior parte delle punture arriverà da zanzare, api, vespe, oppure da zecche e meduse. Nessuno ci libererà dal pungiglione, ma possiamo sapere cosa fare contro di loro in modo che il danno sia minore.

Vespe ed api

Le api lasciano il pungiglione all'interno della pelle insieme a un sacchettino di veleno. Dovremmo cercare di rimuoverlo il prima possibile, evitando di graffiare la zona, e, come se non fosse già abbastanza difficile, dobbiamo cercare di non schiacciare il sacco.

vespa
Contro api e vespe, l'applicazione del freddo riduce il gonfiore.

Le vespe non lasciano i loro pungiglioni, ma possono pungere più di una volta. Particolare attenzione deve essere prestata con il calabrone asiatico e, in caso di complicazioni, rivolgersi ai servizi sanitari. In entrambi i casi bisogna lavare la zona con acqua e sapone e applicare del ghiaccio (mai direttamente ma attraverso un panno). Se il ghiaccio non è disponibile, puoi usare un fazzoletto freddo e umido per alcuni minuti.

Le possibili complicazioni

Se la puntura è stata in zone critiche come la bocca, le palpebre... è meglio ricevere cure mediche il prima possibile. In caso di difficoltà respiratorie, pressione al torace, gonfiore delle labbra, svenimento, vomito... potremmo essere di fronte a una reazione allergica. Le cure mediche devono essere urgenti e, se già note, applicare le cure di soccorso che abbiamo a disposizione.

Zecche

Non è un morso, ma questo piccolo artropode (sì, la zecca non è un insetto, fa parte della famiglia degli Aracnidi, la stessa di ragni, acari e scorpioni) è fissato con la nostra pelle. È frequente nelle zone boschive, quindi la prevenzione quando camminiamo per le campagne, come indossare abiti lunghi, eviterà mali maggiori. Dovremo controllare che, sulla via del ritorno, né noi, né i bambini né gli animali domestici siamo tornati con questo animaletto. Oltre al disagio della zecca, è possibile che possa trasmettere malattie, come la borreliosi di Lyme.

zecca
È necessario verificare se abbiamo delle zecche attaccate alla pelle al ritorno da una passeggiata in campagna.

Se ne trovi una, è meglio andare al centro medico. Possiamo usare le pinzette per tenerla e tirare senza ruotarla troppo o spostarla. Secondo quanto riporta l'ISS, la zecca deve essere afferrata con una pinzetta a punte sottili, il più possibile vicino alla superficie della pelle, e rimossa tirando dolcemente cercando di imprimere un leggero movimento di rotazione.

Quindi, laveremo e disinfetteremo l'area. Se non abbiamo la forza di rimuoverlo, al centro sanitario sanno come farlo correttamente.

Meduse

In questo caso è fondamentale mantenere il controllo ed essere consapevoli di cosa non fare. Il primo passo per mantenere il controllo è non fare un passo. Correre fuori dall'acqua e versare acqua fresca è un errore tipico. L'acqua dolce romperà le cellule urticanti per pressione osmotica e verserà il veleno sulla nostra pelle, facendo ancora più danni. Circa 15 minuti in acqua ridurranno l'effetto.

medusa
Non verseremo mai acqua fresca su una puntura di medusa.

Nell'acqua salata rimuoveremo eventuali residui attaccati alla nostra pelle, meglio con le pinzette, non con le mani e, se possibile, evitiamo di strofinare o meglio farlo con molta delicatezza. Si può somministrare un antistaminico e, se necessario, un analgesico, ma se il dolore è intenso o in peggioramento, la cosa migliore è andare al centro medico per essere valutati da uno specialista.

Cosa non si dovrebbe fare di fronte a una puntura?

Sapere cosa fare è importante quanto sapere cosa non fare. I rimedi "casalinghi" possono causare infezioni, tra queste dobbiamo evitare:

  • Cataplasmi di fango: nonostante l'idea iniziale della sensazione di freddo, assumeremo un necessario rischio di infezione.
  • Provare a rimuovere la zecca con vaselina o bruciandola. Potrebbe andare più in profondità nella pelle e la reazione potrebbe essere ancora più grave.
  • Stringere i bordi della puntura d'ape, romperemo il sacco del veleno e sarà peggio.
  • Assunzione di farmaci non prescritti. Qualsiasi trattamento medico in caso di puntura richiede una prescrizione. Se necessario si può assumere paracetamolo o ibuprofene, ma se i sintomi persistono è meglio recarsi al centro sanitario.
  • Con le meduse: niente urina, niente sabbia, niente aceto o ammoniaca. Nessuno di loro ha mostrato efficacia, quello che fa è aumentare la possibilità di infezioni.

Dobbiamo condividere l'estate con loro, non c'è altra scelta. La nostra migliore arma saranno le misure per prevenire, evitare e agire contro i loro morsi.