Eclissi di Luna, ecco quando e dove vederla

La sera del 27 luglio del 2018 si verificherà una eclissi di Luna totale. Sarà molto lunga e sarà visibile anche in Italia. Ecco quando e dove vederla, e qualche curiosità.

Lorenzo Pasqualini Lorenzo Pasqualini 25 Lug 2018 - 01:01 UTC
luna-piena-eclissi
L'eclissi totale di Luna del 27 luglio 2018 sarà la più lunga del XXI secolo

Il 27 luglio, ultimo venerdì del mese, sarà possibile ammirare l’eclissi totale di Luna più lunga del XXI secolo. Per 1 ora e 43 minuti, la Luna verrà oscurata dalla Terra, regalando uno spettacolo imperdibile. Il 27 sarà giorno di Luna piena e lo spettacolo è assicurato.

L’eclissi lunare di venerdì è causata dall'interposizione della Terra fra il Sole e la Luna. In sostanza il nostro pianeta farà da scudo ai raggi solari, impedendogli di raggiungere la Luna e di illuminarla.
La Luna entrerà nel cono d’ombra creato dalla Terra, regalando uno spettacolo raro. Non rarissimo: le eclissi di Luna sono piuttosto frequenti e si ripetono ogni pochissimi anni. Tuttavia, in Italia era da diverso tempo che non si osservava una eclissi lunare totale.

Ecco quando sarà l'eclissi lunare

In Italia il 27 luglio la Luna sorgerà dopo le 20, con grandi differenze a seconda della latitudine (in certe zone sorge quasi alle 21).Si può consultare quando sorge la Luna nella nostra pagina di previsioni, inserendo il nome della località nella barra di ricerca e consultando poi, nel box specifico, il calendario solare e lunare.

La fase clou dell’eclissi sarà comunque dopo le 21.30 ed il massimo dopo le 22. Sarà questo il momento più spettacolare, in cui la Luna verrà completamente oscurata dall'ombra della Terra.

In Italia l’eclissi sarà visibile in serata, e così sarà anche in tutta Europa. L'eclissi sarà visibile anche in Asia, Sud America ed Africa, anche se in queste aree geografiche varierà l'ora di osservazione, nel cuore della notte o quasi all'alba. Non sarà visibile nel Nord America.

Alcune curiosità

Nel giorno dell’eclissi, la Luna si troverà alla massima distanza dalla Terra, pari ad oltre 406 mila chilometri. Questa posizione si chiama apogeo (stessa cosa accade con il Sole, si chiama afelio e ne abbiamo parlato qui). Sarà quindi una “mini luna”, con diametro apparente minore della media.

La sera del 27 luglio ci sarà anche un altro spettacolo astronomico: Marte (proprio in questi giorni al centro di una importante scoperta) sarà particolarmente luminoso, perché si troverà nella posizione opposta al Sole rispetto alla Terra: questo fenomeno si chiama "opposizione". Un consiglio per chi ama guardare il cielo, è cercare le iniziative organizzate da osservatori astronomici ed associazioni locali. Le iniziative organizzate la sera del 27 luglio sono davvero tantissime!

Pubblicità