Il maltempo si sposta al sud, possibili nubifragi e calo termico

Lo scivolamento di un minimo depressionario dal Tirreno allo Ionio causerà condizioni di forte instabilità, dalle tirreniche fino alla Sicilia, dove localmente saranno possibili anche dei nubifragi

Daniele Ingemi Daniele Ingemi 15 Lug 2019 - 15:42 UTC

Dopo la violenta ondata di maltempo che la settimana scorsa ha coinvolto le regioni adriatiche, con forti temporali e grandinate, anche di carattere estremo, una nuova e intensa ondata di maltempo in queste ore si appresta ad interessare le nostre regioni tirreniche, per estendersi in seguito anche alle regioni del centro-sud e alla Sicilia.

Situazione sinottica sull’area euro-atlantica

La circolazione sinottica sull’area euro-atlantica è caratterizzata da una tipica configurazione ad “Omega”, caratterizzata da ben due distinte saccature, una in azione sull’Atlantico settentrionale e l’altra estesa dall’Artico russo fino al mar Nero, intervallate da un promontorio anticiclonico disteso verso l’Europa occidentale.

Un minimo depressionario sta scivolando sulla Penisola

In tale contesto l’Italia è interessata dallo scivolamento, verso sud-est, di un minimo depressionario a mesoscala che dal mar Ligure sta scivolando verso il Tirreno, apportando condizioni di tempo spiccatamente instabile, a tratti anche perturbato, con piogge, rovesci e temporali sparsi che interesseranno un po' tutto il versante tirrenico, dalla Toscana fino alla Campania. Localmente, specie a ridosso dell’Arcipelago Toscano, sono attesi fenomeni di forte intensità.

Delle precipitazioni, anche a sfogo di rovescio, ma meno diffuse, potranno interessare pure le regioni adriatiche. Nel corso della serata il maltempo si trasferirà al sud e sulla Sicilia, dove l’interazione fra l’aria più fresca che segue il minimo barico sul Tirreno con l’umido flusso pre-frontale in risalita dallo Ionio potranno innescare dei temporali, anche intensi fra la Sicilia ionica e la bassa Calabria.

Domani maltempo al sud, migliora al centro-nord

Nella giornata di domani il minimo depressionario traslerà sullo Ionio, apportando condizioni di maltempo, anche intenso, fra la Sicilia orientale, la Calabria, specie il settore ionico, dove sono attesi anche dei locali nubifragi. Piogge e rovesci interesseranno pure la Campania, la Basilicata e la Puglia, mentre per un miglioramento bisognerà aspettare fino alla tarda serata/notte.

Migliora al centro-nord, tornerà il sole

Mentre il sud farà i conti con il maltempo e con i temporali al centro-nord, da domani, il tempo migliorerà un po' ovunque, con ampi spazi di sereno e cieli limpidi in val Padana, ma anche su Toscana, Umbria e Marche. Il bel tempo dovrebbe persistere anche mercoledì, mentre da giovedì un nuovo peggioramento dovrebbe coinvolgere nuovamente le regioni settentrionali.

Temperature attese in ulteriore diminuzione

Lo scivolamento verso lo Ionio del minimo barico richiamerà correnti più fresche dai Balcani che causeranno un ulteriore calo termico da domani. In particolare sulle regioni adriatiche e al sud, dove i venti di grecale faranno abbassare le temperature su valori al di sotto delle medie.

Mari e venti

Domani spireranno sostenuti dai quadranti settentrionali, con ulteriori rinforzi sul Canale di Sicilia e Ionio. Mercoledì, mentre i venti settentrionali andranno ad attenuarsi sui mari del sud, una tesa ventilazione di libeccio investirà il mar Ligure. Mari da mossi a molto mosso il Canale di Sicilia e lo Ionio a largo.

Pubblicità