ilmeteo.net

Grande variabilità primaverile sull'Italia, temporali il 1°maggio

Nei prossimi giorni la primavera proporrà la sua tipica indole volubile: gran sole fino a venerdì e tempo più instabile nel week-end del Primo Maggio, specie al centronord. Ma come si presenta la prima settimana di maggio?

Previsioni Meteo
Nei prossimi giorni godremo della classica variabilità primaverile con più sole fino a venerdì e Primo Maggio più instabile al centronord (foto Marco Virgilio)

Nei prossimi giorni la primavera darà il meglio di sé regalandoci belle giornate di sole e temperature miti ma ricordandoci nella fine settimana che comprenderà la festività del Primo Maggio, che il suo fascino sta nella capacità innata di mutare umore. Qualcuno la definirebbe “capricciosa” ma aprile e maggio sono tra i più bei mesi dell’anno proprio per questo carattere indomabile della primavera, capace di vestirsi improvvisamente in livrea invernale e invitarci altrettanto velocemente a godere del prepotente risveglio della natura.

E variabilità sia!

Un campo di alta pressione al suolo con massimi tra l’Islanda e le Isole Britanniche interesserà tutte le regioni italiane fino a venerdì determinando condizioni di tempo prevalentemente soleggiato. In quota il campo di pressione sarà livellato o blandamente depressionario per il transito di una innocua saccatura.

una circolazione depressionaria scenderà dal Mare del Nord raggiungendo entro domenica il centronord Italia

Nel week-end le condizioni atmosferiche cambieranno un po’: una circolazione depressionaria scenderà infatti dal Mare del Nord raggiungendo entro domenica il centronord Italia. Non si tratta di un sistema perturbato particolarmente incisivo ma il calo di pressione e l’arrivo di aria più umida in quota potranno favorire una moderata instabilità in progressiva espansione dal nordovest a gran parte delle regioni centrosettentrionali. Non si tratterà di severo maltempo ma di maggiore variabilità nuvolosa associata a piogge sparse, rovesci o locali temporali.

Fino a venerdì 29 aprile il sole sarà protagonista

Sia oggi, giovedì 28, che venerdì 29, il tempo si presenterà prevalentemente soleggiato su tutte le regioni. Non ovunque sereno però! Qualche annuvolamento si manifesterà sulle zone prealpine e pedemontane e anche su Sicilia ed estremo sud si potrà formare della parziale nuvolosità medio alta. Le temperature massime saranno comprese mediamente tra 20 e 24 gradi ma si potranno raggiungere valori superiori di un paio di gradi nel Lazio, in Sardegna ed in Sicilia.

Meteo week-end del Primo Maggio: aumenta l’instabilità

Sabato mattina splenderà ancora il sole su gran parte del territorio nazionale ma si noteranno i primi segnali di cambiamento sulle Alpi centroccidentali e sul nordovest in generale dove aumenterà la nuvolosità che potrà produrre dalle ore centrali piogge sparse e locali rovesci o temporali.

Per altri motivi dovrebbero temporaneamente aumentare nel pomeriggio parziali addensamenti nuvolosi anche a ridosso dei rilievi interni su Sicilia orientale e regioni meridionali peninsulari con la possibilità di locali rovesci o brevi temporali.

Le zone dove appare più alta la probabilità di piogge e dove dovrebbero rilevarsi i maggiori accumuli giornalieri sono l’Appennino tosco-emiliano e le Alpi occidentali

1°maggio, nuvolosità variabile dalle Alpi a Roma

Domenica 1°maggio nuvolosità variabile dalla Alpi a Roma con temporanei addensamenti più consistenti associati a piogge sparse e locali rovesci, anche temporaleschi. Le zone dove appare più alta la probabilità di piogge e dove dovrebbero rilevarsi i maggiori accumuli giornalieri sono l’Appennino tosco-emiliano e le Alpi occidentali.

Tempo da buono a discreto sulla Sardegna, sulla Sicilia e all’estremo sud dove, tuttavia, non mancheranno parziali annuvolamenti nelle ore più calde, eventualmente associati ad isolati e brevi piovaschi. Temperatura in lieve diminuzione al centronord e sulla Sardegna.

Piogge in vista ad inizio maggio

Analizzando la tendenza a più lungo termine si può supporre che la prima settimana di maggio possa mantenersi variabile e a tratti molto instabile con progressiva estensione di piogge e temporali dal centronord al sud.

Una depressione in quota, inizialmente posta con i suoi minimi tra il Golfo di Biscaglia (modello ECMWF) ed il nord Italia potrebbe poi evolvere in saccatura estesa fino al Mediterraneo occidentale.

Nella seconda parte della settimana la saccatura in quota si porterebbe gradualmente sui mari italiani e anche al suolo si formerebbe una depressione

Questa configurazione penalizzerebbe maggiormente il centronord nella prima parte della settimana a causa del richiamo umido sud-occidentale. Nella seconda parte della settimana la saccatura in quota si porterebbe gradualmente sui mari italiani e anche al suolo si formerebbe una depressione con minimo sulle regioni centromeridionali che quindi verrebbero coinvolti da piogge e temporali come il resto delle regioni italiane. Situazione da verificare con i prossimi aggiornamenti dei colleghi.