ilmeteo.net

Meteo: piogge sparse da domenica, lunedì peggioramento con maltempo al sud

Giornate stabili e miti fino a sabato ma da domenica graduale peggioramento per l’avvicinarsi di nuclei perturbati mediterranei e prime piogge. Lunedì rischio piogge più intense su Sicilia e Campania.

PREVISIONI METEO
Ancora sole e clima mite ma da domenica le nubi aumenteranno a partire da occidente e arriverà la pioggia in alcune regioni italiane (foto Marco Virgilio)

Il tempo si mantiene stabile e prevalentemente soleggiato in tutte le regioni italiane grazie alla presenza di un promontorio anticiclonico attivo sui mari italiani. Attorno ai 1600 metri di quota si rilevano temperature piuttosto miti per il periodo, mediamente comprese tra 12 e 16 gradi a seconda della zona. Al momento il settore più caldo è quello alpino ma nei prossimi giorni valori di 16 gradi potranno interessare anche le regioni centrali Adriatiche. Questo si riverbera al suolo dove riscontriamo e riscontreremo temperature massime da tarda estate, attorno ai 23/26 gradi in tutte le regioni con qualche punta superiore al sud e sulle isole maggiori.

Questa fase si andrà ad esaurire nel corso della fine settimana, in realtà da domenica 9 quando le nubi aumenteranno a partire dal settore tirrenico e avanzeranno progressivamente anche le piogge. Le precipitazioni non riguarderanno, tuttavia, tutto il territorio, tenderanno a prediligere i settori occidentali e non si tratterà di fenomeni intensi. Attenzione a lunedì! Il maltempo colpirà più direttamente le regioni meridionali con fenomeni localmente intensi, in particolare su Sicilia occidentale e Campania

Evoluzione: la pioggia arriva dal Mediterraneo

L’annunciato peggioramento prenderà avvio dal settore occidentale mediterraneo dove si registrerà un calo della pressione a tutte le quote mentre sui Balcani resisterà il promontorio anticiclonico. Nuclei umidi si muoveranno verso l’Italia nella giornata di domenica poi il sistema perturbato raggiungerà il sud lunedì dando il meglio di sé sulle regioni centromeridionali tirreniche e la Sicilia.

Nell’attesa sole e temperature miti

Come anticipato tra oggi e sabato prevarranno su tutte le regioni sole e temperature miti con punte massime attorno ai 24/26 gradi. In realtà il clima sarà decisamente mite in tutto il week-end e localmente si potrebbero sfiorare i 30 gradi in Sicilia dove inizieranno a spirare venti meridionali.

Domenica 9 ottobre le prime piogge

Nubi in aumento al nord con piogge deboli o moderate già al mattino su arco alpino e regioni centroccidentali. La nuvolosità, più irregolare, aumenterà anche sul settore tirrenico tra Sardegna, Sicilia e zone continentali centromeridionali con qualche pioggia in serata. Sulle altre regioni cielo tra poco nuvoloso e variabile, anche sereno lungo le coste adriatiche.

Maltempo al centrosud da lunedì 10 ottobre

Mentre al nord il tempo migliorerà, tranne che su Piemonte e Valle d’Aosta dove nubi e deboli piogge sparse potrebbero insistere fino al mattino, il peggioramento si farà più franco sulle regioni centromeridionali e sulla Sicilia. Le piogge arriveranno già nella notte su Sicilia e Campania per poi estendersi alle altre regioni con il passare delle ore. Saranno possibili temporali sparsi, localmente di forte intensità, soprattutto sulla Sicilia occidentale e sulla Campania. Sul fronte termico non si registreranno variazioni di rilievo anche se le nubi e le piogge porteranno un contenuto calo sulle regioni centromeridionali. Il clima più mite è atteso su Nordest, Sardegna e Puglia.

E poi che accadrà? L’autunno cambierà marcia?

Pare proprio di no, nel senso che non sembrano in vista scossoni particolari. I sistemi perturbati più intensi scorreranno a latitudini molto elevate in Europa mentre il mediterraneo occidentale ed i mari italiani saranno interessati da una circolazione poco definita sia al suolo che in quota (modello ECMWF), di matrice mediamente occidentale. Questo determinerà condizioni di tempo variabile fino a mercoledì accompagnato da un lieve calo termico. Possibile un nuovo peggioramento più incisivo al centrosud giovedì prossimo. Seguite i nostri aggiornamenti per capire se questa evoluzione si concretizzerà.