ilmeteo.net

Meteo, Immacolata sotto la neve al Nord ed ora arriva il gelo!

Festività dell'Immacolata sotto la neve per Piemonte, Valle d'Aosta, Trentino Alto Adige e parte di Lombardia, Emilia e Liguria. Nei prossimi giorni la situazione potrebbe cambiare a causa di aria fredda di origine artica in arrivo sul nostro Paese.

Prima neve a Torino
Torino dopo la neve dell'Immacolata

Freddo e neve in questo giorno dell’Immacolata su gran parte del Nord, in particolare imbiancata la pianura piemontese, il settore occidentale della Lombardia, il Trentino alto Adige e parte di Liguria ed Emilia, ha prevalso la pioggia altrove nonostante il sensibile calo delle temperature.

Allerta meteo al Centro-Sud, neve su Emilia e Triveneto nelle prossime ore

Allerta meteo della Protezione Civile oggi su Toscana, Lazio, Abruzzo, Molise e gran parte delle nostre regioni meridionali a causa di una perturbazione di origine artica accompagnata da temperature in diminuzione e forti piogge sui settori tirrenici del nostro Paese, niente allerta per il settore centro-meridionale della Calabria e la Sicilia centro-orientale.

La perturbazione giunta nelle prime ore del mattino sul Piemonte tende a spostarsi verso levante lasciando al suolo fino a 20 cm di neve sulla pianura piemontese ed accumuli consistenti nell’immediato entroterra ligure, così come sulle province di Parma, Piacenza e sul Pavese, fiocchi coreografici a Bergamo e Milano, mentre più ad est ha prevalso la pioggia ad eccezione dell’arco alpino, dove continua nevicare anche in queste ore, sia sul settore veneto che su quello friulano. Le immagini radar mostrano la situazione in tempo reale.

Nel corso delle prossime ore assisteremo ad un abbassamento delle temperature in quota e la neve potrebbe raggiungere la pedemontana veneta, friulana e le città di Bologna e Modena che fino ad ora hanno visto soltanto pioggia.

Forte maltempo con piogge e temporali su regioni tirreniche

L’intenso flusso di correnti di Libeccio che spazzano il Tirreno porterà nelle prossime ore piogge e temporali su Toscana, Umbria e Lazio con tendenza a peggioramento in serata anche sulla Campania. I fenomeni risulteranno di forte intensità con rischio allagamenti su Roma e Napoli, mentre piogge intense sono previste anche su Venezia e su tutto il Friuli Venezia Giulia con vere proprie tempeste di neve su Cadore, Carnia e Alpi Giulie.

Cielo molto nuvoloso o coperto con acquazzoni sparsi sul settore occidentale della Sardegna e quota neve in calo in serata sull’Appennino centrale dove si prevedono delle nevicate al di sopra degli 800 metri di quota, 1200 metri per Basilicata e Campania, nevicate accompagnate da forti raffiche di vento ed effetto blizzard nelle aree di alta montagna.

Previsioni meteo 9 dicembre: maltempo al Centro-Sud

Le previsioni meteo per la giornata di domani giovedì 9 dicembre vedono un ulteriore peggioramento al Sud ed una graduale attenuazione di pioggia e neve al Nord, soffieranno forti venti di Maestrale in Sardegna con temporali sul settore occidentale dell’isola, su bassa Toscana, Lazio, Campania e Sicilia, mentre l’abbassamento delle temperature permetterà alla neve di cadere a quote più basse nelle prime ore del mattino su Friuli Venezia Giulia, alte pianure venete, Romagna e Centro-Sud, dove la diminuzione sarà piuttosto marcata.

La neve potrebbe tornare sulle città appenniniche di Campobasso e Potenza, così come nelle zone interne della Sicilia al di sopra degli 900 metri facendo la sua comparsa in maniera coreografica anche ad Enna e Prizzi, località montane della Sicilia.

Previsioni meteo 10 dicembre: gelo intenso al Nord, maltempo al Sud

Le previsioni meteo per venerdì 10 dicembre vedono la formazione di una circolazione depressionaria alimentata ad aria gelida di origine artica sull’Italia. Si prevedono forti piogge in Sicilia, sul settore tirrenico della Calabria e sulle coste campane, mentre la quota neve è prevista in ulteriore calo con possibili nevicate fino a bassa quota in Emilia-Romagna e sulle colline umbro-marchigiane e toscane.

La neve potrebbe fare la sua comparsa per la prima volta quest’anno sulla parte più alta dei Castelli Romani, mentre il rischio mareggiate sarà piuttosto alto sulle coste esposte al Maestrale della Sardegna . Gelo intenso a Nord-Ovest con un brusco calo delle temperature minime su Piemonte, Valle D’Aosta, Trentino alto Adige e Lombardia, in particolare nelle zone innevate, non si escludono valori fino a -10°C nelle vallate alpine e nella pedemontana delle Alpi occidentali.

Gelo e neve nel weekend

Le previsioni meteo per sabato 11 dicembre vedono il ritorno bel tempo al Nord, gli ampi rasserenamenti determineranno intense gelate durante la notte sulle pianure del Nord-Ovest, venti di Bora su alto Adriatico e neve a quote collinari su Marche, Abruzzo e Molise.

Il maltempo insisterà al Sud con forti piogge sui versanti tirrenici di Calabria e Sicilia, burrasche di Maestrale colpiranno i settori esposti delle nostre due isole maggiori e della Calabria, mentre le condizioni del mare saranno proibitive al Sud.

Domenica 12 dicembre avremo un deciso miglioramento delle condizioni del tempo al Centro-Nord, le ultime piogge ed isolati temporali colpiranno il versante tirrenico della Sicilia, mentre il Maestrale soffierà impetuoso su Ionio e Adriatico.