ilmeteo.net

C'è un fenomeno che potrebbe causare il collasso totale del pianeta

Gli esperti hanno scoperto, attraverso gli anelli degli alberi, che la Terra è stata colpita in passato da flussi cosmici altamente energetici. Se qualcosa del genere dovesse accadere oggi, regnerebbe il caos. Scopri quali sarebbero le conseguenze e cosa si potrebbe fare per evitare questa catastrofe.

tempesta solare
Le tempeste solari più potenti potrebbero mettere fuori uso le forniture di energia a livello globale. Un altro evento Carrington o anche uno più grande sarebbe possibile nei prossimi decenni.

All'emergenza climatica si aggiunge un'altra preoccupazione. L'attenzione si rivolge allo spazio: per proteggersi dalla futura crisi globale non basta più mitigare i cambiamenti climatici, portando a zero le emissioni, poiché minacce maggiori potrebbero arrivare dall'esterno della Terra.

Periodicamente, flussi di particelle cariche provenienti da esplosioni o brillamenti solari raggiungono il nostro pianeta. Questi sono quelli che causano aurore polari, interrompono le comunicazioni in certi intervalli di tempo o causano danni minori ai satelliti.

In questo caso non ci riferiremo a tipiche tempeste solari, ma a "super-brillamenti", meglio conosciuti in campo scientifico come eventi di Miyake, la cui origine è ancora incerta. Finora ci sono pochi record di gravi incidenti generati da tempeste solari dopo la Rivoluzione Industriale. Uno in particolare, l'evento Carrington del 1859, paralizzò la popolazione mondiale dell'epoca, provocando un'impennata di corrente nelle reti telegrafiche fino alla loro distruzione. Potremmo immaginare un effetto molto più catastrofico sulla società odierna.

Gli anelli degli alberi rivelano qualcosa di preoccupante

Di recente, un gruppo di esperti dell'Università del Queensland, in Australia, ha scoperto che la storia dei "superflare" è registrata negli anelli degli alberi. È stato possibile decifrare che una misteriosa tempesta cosmica colpisce il nostro pianeta ogni mille anni. E questo lo si è capito attraverso le alte concentrazioni di carbonio 14 radioattivo contenute negli anelli.

Un evento di Miyake distruggerebbe la rete elettrica globale, trascinando l'umanità indietro nel Medioevo.

I flussi di particelle cariche, quando entrano in contatto con l'atmosfera terrestre, interagiscono con gli atomi di azoto: da questa reazione si produce una nuova forma di carbonio —carbonio 14— che viene infine assorbito dagli alberi. È così che è stato possibile interpretare questa impronta "impressa" sugli anelli. Questa scoperta potrebbe aiutarci a prevedere i futuri eventi di Miyake. Ma la ricerca non basta.

Cosa potrebbe accadere se non ci prepariamo a questa eventualità

La rete di cavi Internet sottomarini verrebbe danneggiata durante una tempesta cosmica supermassiccia. A causa della mancanza di protezione, questo e altri sistemi di telecomunicazioni ed elettrici sarebbero devastati da un evento di Miyake. Sanità, banche e servizi di ristorazione sarebbero paralizzati se le reti elettriche crollassero. Gli ospedali, quando smetteranno di usare i propri generatori, esporrebbero tutti i pazienti assistiti da macchine respiratorie. Senza dubbio ne deriverebbe un'apocalisse industriale e sociale.

Nonostante tutto, la speranza non è persa. Se paesi come la Cina e gli Stati Uniti investissero nella protezione delle reti energetiche, ridurrebbero sostanzialmente il rischio. In un'intervista condotta da El Confidencial con esperti, vengono raccomandati alcuni passaggi da seguire in queste circostanze.

Esiste la possibilità di proteggere i nostri sistemi energetici e di comunicazione per evitare l'apocalisse industriale e sociale di fronte a un possibile evento Miyake.

"Organizzare l'infrastruttura elettrica per renderla più resiliente, creando reti locali e regionali che possano agire autonomamente quando necessario", è uno dei punti sollevati dal dottor Ethan Siegel, astrofisico teorico. Inoltre, i trasformatori devono essere protetti, utilizzando condensatori in serie o neutro, aggiunge John Kappenman, ingegnere elettrico.

Infine, rafforzare e migliorare il sistema di allerta precoce con modelli di intelligenza artificiale sarebbe ottimale per prevedere questi eventi, conclude la dott.ssa Holly Gilbert, direttrice dell' High Altitude Observatory negli Stati Uniti.