ilmeteo.net

Influenza delle microplastiche nei cicli di fusione della neve

Le microplastiche stanno invadendo tutti gli habitat del nostro pianeta. A seguito della loro degradazione, la contaminazione ambientale si sta estendendo.

Plásticos en degradación mezclados con nieve
Le particelle microplastiche presenti in tutto il pianeta danneggiano l'equilibrio radiativo della Terra.

Le microplastiche hanno raggiunto luoghi remoti, dalle scogliere più lontane dalle attività umane fino alle fosse oceaniche profonde. Ricerche recenti hanno scoperto che anche i ghiacciai e le calotte glaciali contengono tracce di questi inquinanti. Uno studio pubblicato a marzo dall'American Geophysical Union (AGU-EOS) esamina come le microplastiche creino cambiamenti negli ecosistemi polari e montani, ed è fondamentale riconoscerle come un'altra forma di inquinamento, ad esempio nella neve.

Ti potrebbe interessare: In Siberia nevicano microplastiche

Rifiuti di plastica come bottiglie d'acqua, mozziconi di sigarette, pannolini, fibre di abbigliamento, mascherine per il viso, buste, involucri, e tanti altri residui, finiscono in ecosistemi diversi. Questi pezzi di plastica si rompono in piccoli pezzi, vengono degradati dalle acque oceaniche, dal vento e dalle intemperie. Questi microframmenti si chiamano microplastiche.

Come arrivano alla neve le microplastiche?

Il più delle volte, le microplastiche finiscono nella neve per deposizione nell'aria. Questi frammenti minuscoli tendono ad essere più leggeri delle particelle di polvere e sono più facili da trasportare. Queste particelle, a causa della loro forma, possono rimanere nell'aria e raggiungere un'altezza sufficiente per circolare con il tempo su larga scala ed essere trasportate in parti diverse del globo.

Un'altra forma comune di trasporto è attraverso il ciclo idrologico: le particelle sono così microscopiche che riescono a muoversi per evaporazione, per poi condensarsi e quindi precipitare in diverse parti del pianeta. Il ricercatore Jing Ming, uno degli autori del suddetto studio, ha sottolineato che lo spostamento aereo è uno dei motivi per cui le microplastiche si depositano in qualsiasi tipo di ecosistema e superficie. Evidenzia inoltre la distinzione tra microplastiche e black carbon, un'altra forma di inquinamento che si accumula anche nella neve.

Contaminación extrema
Le microplastiche sono arrivate fino agli angoli più sperduti della Terra, come gli estremi polari.

Black carbon vs microplastiche

Attualmente la maggior parte degli studi sul black carbon ignora la co-presenza di microplastiche nella neve, un fattore che ha anche un effetto sul processo di scioglimento del ghiaccio. Ming ha spiegato: "Le microplastiche che si depositano nella neve dureranno centinaia di anni o anche di più. Possono assorbire la radiazione solare e ridurre l'albedo della superficie, poiché non sono completamente trasparenti ma sono colorate".

Poiché le misurazioni e gli strumenti attuali non tengono conto della presenza di microplastiche, il loro effetto sui tassi di fusione può essere erroneamente attribuito al black carbon. Ming ha spiegato che, di conseguenza, "potrebbe essere necessario rivalutare la forzante del black carbon nella neve a causa della coesistenza di microplastiche". Ming ha sottolineato che "dovremmo stabilire rapidamente un protocollo per misurare le microplastiche nella neve, differenziare le microplastiche e separare i loro ruoli individuali nell'influenzare la neve".

Inquinamento generalizzato

Lo scrittore ambientale Deneen, ex editore di GlacierHub, ha evidenziato un'altra importante considerazione sulle microplastiche nella neve. "Quello che succede alle microplastiche nella neve o nel ghiaccio, è ciò che chiameremmo un deposito di microplastica". "Quando la neve e il ghiaccio si sciolgono, le particelle vengono trasportate attraverso una varietà di ecosistemi inquinando i fiumi e poi i mari. Quando raggiungono questi ecosistemi, sia attraverso lo scioglimento della neve che in altro modo, le microplastiche raccolgono inquinanti chimici e possono interrompere molte forme di vita: gli animali possono ingerirle, danneggiando non solo se stessi, ma anche gli esseri umani che le mangiano.

Gli invertebrati più piccoli consumeranno microplastiche, quindi saranno consumati dai pesci e la plastica si farà strada lungo la catena alimentare fino al nostro piatto. Ci vogliono molti sforzi per affrontare il problema dell'inquinamento da microplastica. Persone, aziende e governi dovrebbero lavorare su questo problema e dovrebbero unirsi per trovare materiali alternativi ecocompatibili, oltre a cambiare le nostre cattive abitudini di consumo e di rifiuti.