ilmeteo.net

22 maggio 1960, il grande terremoto del Cile: è il più forte mai registrato nella storia

Oggi ricorre l'anniversario del terremoto più violento registrato dagli strumenti nella storia dell'umanità: il Grande Terremoto del Cile, avvenuto il 22 maggio 1960. 63 anni dopo, ne ricordiamo la storia.

terremoto cile
Il Cile è un paese abituato a eventi sismici regolari.

Poco dopo le 15:00 ora locale di domenica 22 maggio 1960, la terra iniziò a tremare con tale intensità da raggiungere la magnitudo 9,5 Richter. Nessun sismografo aveva registrato in precedenza una tale magnitudo, rendendo questo il più forte terremoto registrato dagli strumenti nella storia dell'umanità.

Il “Grande Terremoto del Cile”, come viene ricordato, ebbe epicentro sulla costa, nei pressi di Lumaco, provincia di Malleco, situata a 120 km dalla capitale della IX regione cilena dell'Araucania. Questo è noto anche come “Terremoto di Valdivia”, per la grande intensità con cui colpì questa città cilena.

Questo evento sismologico si produsse nella zona di subduzione tra la placca di Nazca e quella Sud Americana, che si spostarono per oltre 30 metri, liberando un'enorme quantità di energia, pari a 20.000 bombe di Hiroshima.

Il terremoto venne preceduto da quattro grandi scosse, tra cui una di magnitudo 8,2 della scala Richter il 21 maggio, che aveva già causato gravi danni nell'area di Concepción generando anche un piccolo tsunami. Seguirono molte scosse di assestamento, con cinque di magnitudo 7.0 o superiore entro il 1° novembre di quell'anno. Per avere una migliore dimensione dell'evento, è stato classificato come intensità XII nella scala Mercalli Modificata,

Per avere una migliore dimensione dell'evento, è stato classificato come intensità XII nella scala Mercalli Modificata, l'ultimo grado, che corrisponde ad un livello di distruzione totale delle strutture umane e sconvolgimento del paesaggio. Poiché non sempre una grande magnitudo è sinonimo di devastazione, la misurazione dell'intensità dei terremoti è fondamentale, in quanto tiene conto degli effetti sull'ambiente e sul tessuto costruito.

Una devastazione impressionante

La rottura che causò il sisma, secondo l'Usgs, si estendeva per più di mille chilometri da nord a sud, tra le città di Lebu e Puerto Aysén. Questo terremoto generò uno tsunami distruttivo, con onde che raggiunsero i 25 metri (registrate nell'isola di Mocha, in Cile) ed interessarono non solo la costa del Cile, ma anche l'intera costa del Pacifico, e vennero registrate in altri mari e oceani.

Quindici ore dopo la scossa, uno tsunami si abbatté sulle Hawaii, provocando 61 morti e gravi danni a Hilo, con onde alte oltre 10 metri. Nelle Filippine, le onde causarono la morte di 32 persone e sull'isola di Pasqua, nelle Samoa e nello stato americano della California, vennero segnalati danni materiali.

tsunami terremoto cile
Propagazione delle onde di tsunami causate dal terremoto. Fonte: Servizio meteorologico nazionale, Stati Uniti.

A 17.000 km di distanza, i danni maggiori vennero registrati in Giappone, dove addirittura 22 ore dopo il terremoto, onde di 5,5 metri raggiunsero la regione di Honshu, distruggendo 1600 case e provocando la morte di 138 persone.

Il numero di morti in Cile associate al terremoto e allo tsunami venne stimato tra 490 e 5.700. Le autorità cilene stimarono che 2 milioni di persone rimasero senza casa e il danno fu di oltre 550 milioni di dollari.

Il numero di morti in Cile associate al terremoto e allo tsunami venne stimato tra 490 e 5.700. Le autorità cilene stimarono che 2 milioni di persone rimasero senza casa e il danno fu di oltre 550 milioni di dollari.

Lo tsunami venne registrato anche da strumenti nell'Oceano Atlantico (Regno Unito, Bermuda e Sud Africa) e nell'Oceano Indiano (Mauritius e costa occidentale dell'Australia), rendendolo il primo tsunami globale. Questo evento provocò, il 24 maggio 1960, l'eruzione del vulcano Puyehue, alto 2.240 metri, che fa parte del complesso vulcanico Puyehue-Cordón Caulle, situato nella cordigliera delle Ande. L'eruzione, durata diverse settimane, fu dovuta al movimento delle placche tettoniche.

Una nuova geografia

Il terremoto ridusse in macerie intere città in poco più di dieci minuti e ridisegnò la geografia dell'intera regione. La geografia del Cile è cambiata. Diversi comuni sprofondarono e altre zone si sollevarono di diversi metri, il Puyehue eruttò e diversi fiumi cambiarono il corso che le loro acque avevano seguito fino ad allora.

youtube video id=2jcOJKXvNUM

A Valdivia si stima che la terra sia sprofondata di 2,7 metri. Alla periferia della città diversi fiumi cambiarono corso, alcune pianure divennero zone umide e andarono persi migliaia di ettari di campi coltivati e pascoli. Anche a Maullín e Chiloé la subsidenza del suolo fu notevole. In altri punti il terreno non sprofondò, ma si alzò. L'isola di Guafo, ad esempio, è salita di quattro metri, mentre l'isola di Guamblin è salita di 5,6 metri.

Un paese dove la terra trema

Il "Grande Terremoto del Cile" è stato il più forte mai registrato dall'uomo, ma negli ultimi decenni sono stati avvertiti altri terremoti di magnitudo 9 o superiore, come il terremoto di Sumatra (Indonesia) nel 2004 che ha scatenato uno tsunami che ha causato la morte di più di 230.000 persone e il terremoto in Giappone del 2011, che provocò anche uno tsunami che causò quasi ventimila morti. Il Cile è un chiaro esempio di sismicità unita agli tsunami. Spiccano gli eventi del 1570 a Concepción (più di 2.000 morti), 1575 a Valdivia (1.300 morti), 1647 a Santiago (più di 1.000 morti), 1868 ad Arica (25.000 morti), 1877 a Iquique (2.541 morti), 1906 a Valparaíso (4.000 morti), 1939 Chillán (oltre 30.000 morti), 2010 a Maule (oltre 500 morti).

Video in evidenza