ilmeteo.net

Clima estremo in Siberia: dagli incendi al disgelo del permafrost

La regione russa della Jacuzia sta risentendo degli effetti distruttivi del riscaldamento globale, con intense ondate di calore, incendi frequenti e scioglimento del permafrost. Queste sono alcune immagini dei travolgenti incendi boschivi che hanno colpito la regione.

Incendios en Siberia
Il caldo intenso provoca incendi boschivi in Siberia e nell'estremo oriente russo.

La Siberia è nota per i suoi inverni lunghi e rigidi, con temperature medie che possono scendere fino a -49°C nell'estremo nord-est. Anche con la temperatura media di luglio di 19°C, il clima continua ad essere glaciale e la maggior parte del terreno rimane ghiacciata durante l'estate: si tratta del cosiddetto permafrost.

Le temperature massime nell'estate siberiana possono raggiungere i 30ºC, tuttavia gli scienziati sono in allarme per le ondate di calore degli ultimi anni. Secondo Thomas Smith, assistente professore di geografia ambientale presso la London School of Economics, questa regione è stata particolarmente colpita da decenni di riscaldamento, ed ha visto aumentare le temperature più velocemente che in qualsiasi altra parte del pianeta.

La prima metà di quest'anno è stata eccezionalmente calda, con le temperature di luglio che hanno superato la media di 10ºC. Questo agosto, i termometri nella città di Verkhoyansk - a nord del Circolo Polare Artico - hanno toccato i 38°C: un nuovo record.

O degelo na Sibéria
Le alte temperature favoriscono lo scioglimento del ghiaccio permanente, il permafrost.

Si ritiene che la tendenza al riscaldamento dell'Artico sia due volte più veloce della media globale, in parte a causa del cosiddetto fenomeno di amplificazione polare. La calotta polare bianca brillante riflette circa l'80% della radiazione solare incidente nello spazio.

Tuttavia, le alte temperature hanno fatto sciogliere le calotte glaciali lasciando al loro posto acque più scure, che assorbono i raggi del sole. Ciò accelera il processo di scioglimento e ostacola la formazione di nuovo ghiaccio, accentuando ulteriormente il riscaldamento della regione. Inoltre i venti caldi subtropicali vengono spinti più frequentemente a nord a causa di un cambiamento nelle correnti d'aria, un altro effetto del cambiamento climatico. Tutto ciò ha contribuito negli ultimi due anni ad avere nella regione un clima più secco e stagioni degli incendi più distruttive.

I fenomeni climatici estremi arrivano in Siberia

Ci sono 155 incendi boschivi attivi nella Siberia nord-orientale. Due villaggi hanno già iniziato ad essere evacuati dalle autorità russe e 3.600 persone stanno lavorando per contenere la furia delle fiamme, che hanno già consumato 1,5 milioni di ettari di foresta. Le fiamme hanno distrutto almeno 31 case e otto edifici di manutenzione. Il fumo si diffonde per oltre 3.000 km dalla regione della Yakutia verso il Polo Nord. Questa estate sta per diventare la più calda degli ultimi 150 anni.

Il forte vento, secondo quanto riferisce Alexei Roslyakov, impiegato nel contenimento degli incendi, è il principale fattore che impedisce una più rapida estinzione dei roghi. Negli ultimi anni la Russia ha registrato temperature estremamente elevate e molti specialisti associano questo fenomeno ai cambiamenti climatici. Il clima caldo, unito alla negligenza delle regole di sicurezza contro gli incendi boschivi, ha aumentato il loro numero.

Permafrost, caldo e gas serra

La metà della regione della Yakutia si trova nel Circolo Polare Artico ed è ricoperta da suoli organici ghiacciati che, a seguito di un'ondata di caldo nel 2020, stanno rilasciando anidride carbonica (CO2) e metano nell'atmosfera.

Il gas metano, che ha origine dalla decomposizione della materia organica nel sottosuolo, non sarà più intrappolato a causa dello scioglimento del ghiaccio. Se raggiunge la superficie, il suo potenziale di riscaldamento è molte volte maggiore di quello della CO2. Come se le concentrazioni di metano nell'aria della Siberia non bastassero, ora potrebbero esserci emissioni di questo gas da formazioni calcaree sotto il permafrost in disgelo.

Gli incendi che colpiscono la torba, caratteristica della zona, possono rimanere per mesi sotto la superficie, rilasciando tonnellate di carbonio nocivo per il pianeta. Conseguenze del cambiamento climatico, con impatti drammatici sul clima globale già surriscaldato.