ilmeteo.net

Ghiacciaio "della fine del mondo" al collasso, grave minaccia per le coste

Il ghiacciaio Thwaites, situato nell'Antartide occidentale, è uno dei più estesi del pianeta Terra. A causa del forte riscaldamento del pianeta, il potenziale di ritirata del ghiacciaio aumenta rapidamente e può portare presto alla sua scomparsa. Ciò porterebbe a un aumento da 1 a 3 metri del livello globale degli oceani.

Collasso ghiacciaio Thwaites
Quali sono le risposte dei ghiacciai agli scenari di cambiamento climatico?

Il cosiddetto "Ghiacciaio della fine del mondo" o "Ghiacciaio dell'Apocalisse" si trova nell'Antartide occidentale ed è considerato uno dei ghiacciai più grandi del mondo, con circa 120 km di larghezza e 600 km di lunghezza. Il suo nome originale è ghiacciaio Thwaites e i suoi soprannomi si riferiscono all'alto rischio di collasso e minaccia al livello del mare globale.

Secondo la NASA, il ghiacciaio situato nell'Antartide occidentale contiene abbastanza ghiaccio da aumentare il livello del mare fino a 4,8 metri. E con il progredire della crisi climatica, questa regione è stata monitorata per il suo rapido scioglimento e la sua diffusa capacità di distruzione delle coste.

L'Antartide è più sensibile al riscaldamento globale di quanto pensassero i ricercatori!

Il ghiacciaio Thwaites rappresenta un'enorme sfida per gli scienziati che cercano di fare previsioni globali sull'innalzamento del livello del mare. Questa massiccia massa di ghiaccio è già in una fase di rapido ritiro (un "collasso" se visto su una scala temporale geologica), che porta a domandarsi quando, o quanto velocemente, potrebbe rilasciare il suo ghiaccio nell'oceano.

Secondo gli scienziati, con il suo completo scioglimento, il livello degli oceani tenderebbe a salire tra 0,91 e 3,05 metri, rappresentando una minaccia per circa il 40% della popolazione umana che vive nelle regioni vicine al mare.

Immagine 3D del fondale marino davanti al ghiacciaio Thwaites.
Le immagini raccolte dal veicolo Rán hanno mostrato caratteristiche geologiche nuove per la scienza. Fonte: Alastair Graham della University of South Florida.

Questo ghiacciaio preoccupa gli scienziati da decenni. Nel 1973 i ricercatori si sono chiesti se fosse ad alto rischio di collasso. Quasi un decennio dopo, si scoprì che, poiché il ghiacciaio è radicato sul fondo del mare, le calde correnti oceaniche possono scioglierlo dal basso, destabilizzandolo. Da lì, gli scienziati hanno iniziato a chiamare la regione intorno a Thwaites "il punto debole della calotta glaciale dell'Antartide occidentale".

Nel 2001, i dati satellitari hanno mostrato che la linea di terra si stava allontanando di circa 1 km/anno. Nel 2020 sono state trovate prove che l'acqua calda stava sciogliendo il ghiacciaio dal basso. Già nel 2021, uno studio ha mostrato che la piattaforma di ghiaccio, che aiuta a stabilizzare il ghiacciaio, potrebbe rompersi entro cinque anni. Un articolo pubblicato a settembre su Nature Geoscience da esperti provenienti da Stati Uniti, Regno Unito e Svezia ha analizzato il fondale marino vicino al ghiacciaio e le sue formazioni geologiche, con l'obiettivo di mappare, per la prima volta e ad alta risoluzione, il suo ritiro storico.

La spedizione è stata effettuata nel 2019 e ha avuto la collaborazione di un veicolo robotico all'avanguardia caricato con sensori di immagine, chiamato Rán, in grado di resistere a condizioni estreme di pressione e temperatura. Questa attrezzatura ha impiegato circa venti ore a raccogliere immagini e dati dal fondo dell'oceano che si trova di fronte al ghiacciaio Thwaites. Il robot ha mappato un'area equivalente alla città di Houston (USA) a una profondità di 700 metri. Il team ha documentato più di 160 creste parallele che sono state create, come un'"impronta geologica", quando il bordo del ghiacciaio si è ritirato, salendo e scendendo con le maree, aiutando a capire cosa potrebbe accadere in futuro.

Quali sono i risultati principali di questo studio?

I risultati hanno mostrato che ad un certo punto negli ultimi 200 anni, in un periodo inferiore a sei mesi, la parte anteriore del ghiacciaio ha perso il contatto con una cresta sul fondo del mare e si è ritirata - o è crollata - a una velocità superiore a 2,1 km/ anno. È il doppio del tasso che gli scienziati hanno osservato negli ultimi dieci anni.

Questi risultati mostrano che la massiccia struttura dell'Antartide è in grado di sciogliersi a una velocità maggiore del previsto in un breve lasso di tempo, rafforzando le preoccupazioni sull'innalzamento del livello del mare e sui rischi per le città costiere. Secondo gli scienziati, questa ricerca rappresenta un importante cambiamento di prospettiva.

In passato si pensava che le risposte delle calotte glaciali ai cambiamenti climatici impiegassero più tempo a verificarsi. Oggi, recenti informazioni geologiche mostrano che queste risposte avvengono più velocemente del previsto.