Il Centro-Sud nella morsa del maltempo con nevicate e piogge intense

E' allerta maltempo al Centro-Sud dove l'azione del vortice perturbato sta provocando nevicate abbondanti in collina e piogge intense in pianura, mentre al Nord splende il sole.

Michele Conenna Michele Conenna 25 Gen 2019 - 10:12 UTC
basilicata-neve
Sasso di Castalda (Potenza), foto di Teo Nigro

Dopo aver interessato il Nord con nevicate fino in pianura, il profondo vortice perturbato (987 hpa) sta sferzando le regioni del Centro-Sud con piogge intense, vento forte (fino a 90 km/h) e nevicate abbondanti in alta collina. Il vortice instabile, alimentato da aria fredda da Nord con un richiamo umido da Sud resterà attivo per tutta la giornata di oggi e anche domani, seppur è previsto un miglioramento.

Il vortice ciclonico lentamente traslerà dal Tirreno allo Jonio. Avremo per questo la disposizione dei venti da diversi quadranti, a rotazione ciclonica. Dapprima da SW, poi da Ne e domani da NW, da Maestrale. Le correnti settentrionali richiameranno correnti più fredde che determineranno un ulteriore calo termico sul versante adriatico

Molta neve in Basilicata: a Potenza 35 cm

In modo particolare nevica da ieri sera in Sardegna (dai 400 metri), Sicilia (zone interne, Enna), Calabria (abbondanti precipitazioni in Sila e Aspromonte con accumuli fino ad un metro oltre i 1100 metri). Ma la regione più colpita dal maltempo e sopratutto dalla neve è la Basilicata, dove dalla serata di ieri nevica ininterrottamente sulle zone al di sopra dei 700 metri. Particolarmente colpita dalla super nevicata è Potenza, capoluogo lucano, dove in meno di 18 ore sono caduti più di 35 cm. Accumuli importanti anche sul resto dell'Appennino tra Sellata e Pollino, dove si registrano circa 110 cm e temperature al di sotto dello zero.

Neve sull'Appennino meridionale

Segnalata neve anche in Irpinia e nelle province di Benevento e Avellino, qui però con precipitazioni meno intense. Anche in Molise nevica, ma al di sopra dei 900 metri. Nel corso delle prossime ore, stando alle attuali previsioni, non è previsto nessun miglioramento. Anzi, continuerà a nevicare in Sicilia, Calabria, Basilicata e Campania, oltre che su Gargano, Molise e Abruzzo.

L'ulteriore ingresso di aria fredda farà calare la quota neve fino a 400-500 metri su Puglia e Lucania, pertanto non si escludono nevicate anche sul Sub-Appennino Dauno e Murge. Pioverà invece su Salento e su tutte le zone pianeggianti. Per un deciso miglioramento bisognerà attendere il pomeriggio di domani, quando il vortice perturbato si allontanerà lasciando spazio a schiarite seppur in un contesto freddo e ventoso (arriverà il Maestrale).

Pubblicità