ilmeteo.net

L'intelligenza artificiale supererà la conoscenza umana in 7 anni

Questa tendenza è stata effettuata nel settore della traduzione linguistica, ma molti specialisti ritengono che sia applicabile ad altri campi di sviluppo. La verità è che questo processo di utilizzo dell'Intelligenza Artificiale fa sempre più pressione sul mercato del lavoro.

AI
L'Intelligenza Artificiale avanza a grande velocità. Nel campo della traduzione, ci stiamo avvicinando al superamento delle capacità umane.

Quella che segue è una buona o cattiva notizia a seconda della posizione di ciascun lettore. Nel mondo dell'intelligenza artificiale (AI) viene maneggiato un concetto che sembra preso dalla teoria dei buchi neri: la singolarità. Concettualmente, è il momento in cui l'IA supera il controllo umano, diventa indipendente e trasforma rapidamente la società. È un momento molto complesso da prevedere, ma è più difficile sapere che c'è oltre quella singolarità, un percorso di non ritorno.

È come un "orizzonte degli eventi" tecnologico da cui non sappiamo come tutto possa continuare ad evolversi. Popular Mechanics indica alcuni ricercatori che lavorano per rilevare segni che la singolarità è vicina, quando l'IA raggiunge le capacità e le capacità di un essere umano.

Una di queste misure, definita dalla società di traduzione con sede a Roma Translated, è la capacità di un'intelligenza artificiale di tradurre il parlato con la precisione di un essere umano. Il linguaggio è uno dei punti più difficili dell'intelligenza artificiale, ma un computer in grado di colmare tale divario potrebbe teoricamente mostrare segni di intelligenza artificiale generale (IAG). In una conferenza tenutasi a Orlando, in Florida, Marco Trombetti, direttore generale di Translated, ha sottolineato che "le macchine non sono così lontane dall'accorciare le distanze" e avere le stesse competenze linguistiche delle persone.

Meno di dieci anni

La tecnica utilizzata da Translated mirava a monitorare le prestazioni della sua intelligenza artificiale dal 2014 al 2022 utilizzando una metrica chiamata "Time to Edit" o TTE, che calcola il tempo impiegato dagli editor umani professionisti per correggere le traduzioni generate dall'IA rispetto agli umani. In quel periodo di 8 anni e analizzando oltre 2 miliardi di post-modifiche, l'intelligenza artificiale di Translated ha mostrato un miglioramento lento ma innegabile, riducendo lentamente il divario rispetto alla qualità della traduzione a livello umano.

Translated
Il grafico mostra il percorso verso l'unicità nel campo delle traduzioni secondo l'analisi di Translated.

In media, un traduttore umano impiega circa un secondo per modificare ogni parola di un altro traduttore umano, secondo i dati di Translated. Nel 2015, gli editor professionisti impiegavano circa 3,5 secondi a parola per rivedere un suggerimento tradotto automaticamente. Oggi quella cifra è di soli 2 secondi. Se la tendenza continua, l'intelligenza artificiale di Translated sarà valida quanto la traduzione prodotta dall'uomo entro la fine di questo decennio (o anche prima, tra circa 7 anni).

Questi cambiamenti sembrano impercettibili giorno per giorno, ma quando un decennio viene analizzato nel contesto, ci si rende conto che il progresso è notevole.

Translated usa l'AI ed è la prima volta che qualcuno di quel cambiamento ha fatto un calcolo della velocità con cui sta andando verso la singolarità. Questo concetto è più complesso da applicare ad altri campi di sviluppo, ma il progresso sembra andare più veloce di quanto inizialmente pensato.

La fine del lavoro?

Questo processo di analisi è una novità, ma quantificare quanto l'umanità sia vicina alla singolarità più ampia è complesso e tale definizione incontra molti problemi. Sebbene il perfezionamento del linguaggio umano sia certamente una frontiera nella ricerca sull'IA, questa impressionante capacità non rende necessariamente intelligente una macchina.

In effetti, molti ricercatori non sono nemmeno d'accordo su cosa sia veramente "intelligenza". È vero che un'intelligenza artificiale in grado di tradurre il parlato così come un essere umano potrebbe cambiare la società, ma la "singolarità tecnologica generale" rimane un percorso difficile che apre molti dilemmi etici ed economici.

Un libro rivelatore su questo argomento è “The End of Work”. Nel 1995, il suo autore, l'economista americano Jeremy Rifkin, ha sottolineato che la disoccupazione mondiale sarebbe aumentata poiché la tecnologia dell'informazione avrebbe eliminato decine di milioni di posti di lavoro nei settori manifatturiero, agricolo e dei servizi.

Rifkin ha previsto un impatto devastante dell'automazione su operai, rivenditori e grossisti. Mentre una piccola élite di imprenditori e lavoratori della conoscenza raccoglierebbe i frutti dell'economia globale ad alta tecnologia, la classe media continuerebbe a ridursi e il posto di lavoro diventerebbe sempre più stressante. Su questo si apre un dibattito su come la società dovrebbe gestire questo futuro che sembra sempre più vicino.