Meteo, la Pasqua di neve e gelo dell'aprile 2001

La Pasqua del 2001 cadde nello stesso periodo di quella del 2020 ma fu segnata da un'ondata di maltempo invernale, con gelo polare e tanta neve anche in pianura. Ecco cosa accadde ed un ripasso sul tempo previsto per Pasqua e Pasquetta 2020.

Pasqua Consulta il nostro speciale Previsioni meteo per Pasqua
abruzzo-neve
La Pasqua del 2001 portò tanta neve in Italia: nella foto di archivio, Scanno (Abruzzo). foto di Danilo Marabini

La Pasqua del 2001 fu ad aprile, il 14 aprile, due giorni dopo rispetto alla Pasqua del 2020. Quell'anno u n'ondata di gelo e freddo , con neve anche in pianura , interessò tutto il centro-nord ed il versante adriatico, fino alla Puglia. L'inizio della primavera 2001 era stato particolarmente mite, ed il crollo delle temperature fu davvero improvviso.

Pochi gradi di massima, gelate notturne e nevicate a quote basse sia al Nord che al Centro: fiocchi di neve a Viterbo ed anche alle porte di Roma. In Abruzzo la neve cadde fin sulla costa, ci furono vere e proprie bufere e ci furono problemi alla circolazione nel cuore montagnoso dell'Abruzzo per la chiusura di tratti delle autostrade A24 e A25. Insomma, fu una Pasqua nevosa e fredda.

Neve fino in pianura

Sulle Alpi e sull'Appennino le abbondanti nevicate causarono seri problemi alla viabilità. Fu una Pasqua davvero invernale. Ma anche il sabato santo fu segnato dal gelo polare su praticamente tutto il paese: solo in Sicilia e Val d'Aosta il sole fece capolino, come si legge dagli archivi dei giornali di quei giorni. Vennero cancellati eventi all'aperto, partite e messe come quella in piazza San Pietro, spostata all'interno della basilica romana.

L'Appennino imbiancato

La neve scese in pianura in Emilia-Romagna e fu piuttosto abbondante sull'Appennino settentrionale. Nevicò sui container dove erano alloggiati gli abitanti dei comuni di Umbria e Marche colpiti dal terremoto del 1997, avvenuto soltanto 3 anni e mezzo prima.

Caos mobilità alle porte di Roma

Caos mobilità alle porte di Roma, con l'autostrada dei Parchi, la A24, chiusa per neve e conseguenti ingorghi. La neve scese fino alle porte della capitale.

Il freddo ed il maltempo invernale a Pasqua non è una cosa che deve stupire, anche se l'ondata di maltempo del 2001 fu straordinaria. La primavera non è solo stagione di belle giornate e tempo mite, ma anche di episodi invernali di freddo e tempo brutto. Era successo anche altre volte nel passato e in occasione di festività pasquali più tardive, cadute anche dopo il 20 aprile.

E la Pasqua del 2020?

E la Pasqua del 2020? Lo abbiamo scritto negli ultimi giorni, scontentando chi in questo anno eccezionale in cui siamo tutti obbligati a restare in casa per l'emergenza COVID-19 avrebbe preferito il brutto tempo (e dando invece una buona notizia a chi nonostante il confinamento preferisce cielo sereno, tempo mite e sole ): sono giorni, quelli della Settimana Santa 2020, di sole pieno, senza nuvole e con temperature primaverili anche superiori ai 20°C.

A Pasquetta arrivano le nuvole

Sarà invece una Pasquetta con più nuvole: il 13 aprile , come si può vedere dalle mappe meteo di previsione della nuvolosità, la copertura nuvolosa potrebbe essere più estesa sul paese.