Poca pioggia negli ultimi 6 mesi: rischio siccità nel Lazio

Una sola perturbazione nel mese di maggio e una primavera meteorologica che si conclude con un terzo delle precipitazioni che normalmente interessano il Lazio, il rischio è che possa ripetersi la crisi idrica del 2018, quando il lago di Bracciano scese a livelli che non si vedevano da 70 anni.

I cambiamenti climatici stanno colpendo in maniera sempre più frequente l'Italia: il Nord-Est e il medio versante tirrenico sono le aree del Paese che maggiormente hanno sofferto la siccità negli ultimi 6 mesi.

L'estate alle porte non è certo la stagione durante la quale i bacini fanno scorta di acqua ed il rischio è che possa ripetersi la grave crisi idrica che nel 2018 colpì il lago di Bracciano.

Siamo andati ad Anguillara Sabazia, cittadina che sorge sulle sponde del lago: nel mese di maggio sono caduti soltanto 30 mm di pioggia, circa la metà rispetto alla media del periodo e negli ultimi 6 mesi le precipitazioni sono state particolarmente scarse.