ilmeteo.net

La serie '1899' ci riporta al Triangolo delle Bermude, cosa succede lì?

La nuova serie horror di Netflix, "1899", tiene milioni di spettatori in uno stato di suspense. Dopo il suo immediato successo, ci sono molti che si chiedono se il dramma raccontato sia basato o meno su eventi reali.

serie 1899
La serie di Netflix '1899' è nella Top 10 sin dalla sua anteprima la scorsa settimana.

Senza entrare troppo nei dettagli e cercando di non fare spoiler il più possibile, la serie parla di un gruppo di immigrati europei che, in cerca di una nuova vita, si dirigono a New York da Londra su un piroscafo chiamato Kerberos. Si scopre che, quattro mesi prima della partenza di Kerberos, la nave Prometheus che seguiva la stessa traiettoria è scomparsa senza lasciare traccia nel Nord Atlantico.

Ebbene, durante il viaggio in America, la Kerberos riceve un misterioso messaggio di soccorso emesso dalla nave Prometheus e il capitano decide di andare in suo soccorso riconoscendo l'ubicazione della nave perduta. Con sorpresa dell'equipaggio, la barca è vuota con un solo sopravvissuto, un bambino. Da quel momento si scatena un'ondata di eventi misteriosi e strani. Dietro questi eventi si nascondono vari casi reali che hanno ispirato i creatori, volete sapere quali sono?

Il misterioso Triangolo delle Bermude

Questa serie horror misteriosa nasce da un'idea di Jantje Friese e Baran bo Odar, che hanno recentemente spiegato come la crisi migratoria europea e la Brexit abbiano influenzato la serie. Inoltre, '1899' si concentra su un luogo enigmatico nell'Oceano Atlantico, famoso per le enormi sparizioni di navi e aerei che lo attraversano, il Triangolo delle Bermude.

Il Triangolo delle Bermude è uno dei luoghi più enigmatici del pianeta. Copre un'area di quasi due milioni di chilometri quadrati in alto mare all'interno di un triangolo equilatero, dove i suoi vertici sono le isole Bermude, Porto Rico e Miami in Florida, Stati Uniti.

triangolo delle bermude
Il Triangolo delle Bermude si trova nel Mar dei Caraibi, nella zona tra Miami, Porto Rico e le Isole Bermuda.

Questo triangolo immaginario racchiude al suo interno un segreto: sono molti i casi di affondamento di navi che sono transitate nella zona con centinaia di marinai dispersi in mare, tra cui la HMS Atlanta nel 1880, la HMS Eurydice nel 1978 e la USS Cyclops nel 1918, tra le tante. Sono tutti in fondo al mare? Sono andati in un'altra dimensione? Come e perché si verifica questo fenomeno? C'è qualche spiegazione scientifica?

Teorie scientifiche

Nonostante tutta la mitologia e le leggende dietro questo grande mistero, ci sono alcune teorie scientificamente fondate. Nel 2010, due scienziati australiani hanno attribuito le sparizioni all'esistenza di grandi sacche di idrati di metano.

Antiche eruzioni sottomarine avrebbero generato enormi bolle di metano che crescono geometricamente man mano che guadagnano quota. Quando le enormi bolle raggiungono la superficie, qualsiasi nave che passa sopra di essa perde completamente le sue proprietà di galleggiamento, provocando un rapido affondamento della nave e togliendo ai passeggeri qualsiasi possibilità di sfuggire al disastro.

Una di queste teorie, con alle spalle poche ricerche, è che l'accumulo di gas dai vulcani sottomarini renda il luogo tossico.

L'ultima teoria, con una base scientifica più solida, è stata pubblicata nel 2018 dal documentario "The enigma of the Bermuda Triangle" realizzato dai ricercatori dell'Università di Southampton.

triangolo bermuda mistero
Zone impossibili da coprire per i radar.

Questa ricerca scientifica sostiene che la causa delle strane sparizioni sia dovuta alle singolari onde che si generano nell'area. Le tempeste che si sviluppano a sud, a nord e le altre provenienti dalla Florida, convergono e creano una formazione potenzialmente mortale di onde anomale. Queste onde potenti e gigantesche possono raggiungere i 30 metri di altezza e, sebbene durino solo pochi minuti, possono spazzare via tutto ciò che incontrano.