ilmeteo.net

I segreti di Phobos, la luna di Marte avvolta nel mistero

Phobos è noto per essere una luna di Marte che orbita attorno al pianeta ogni 7,4 ore. Ha un enorme cratere da impatto chiamato Stickney, largo circa 9 km. Oltre a questo, Phobos presenta alcuni misteri. Scopri quali qui!

Phobos luna di Marte
Phobos misura 28 km di larghezza sul lato più lungo.

Questo piccolo mondo stranamente oscuro affascina gli scienziati planetari per la sua superficie incredibilmente piena di crateri. Gli investigatori stanno cercando di determinare se si tratti di un corpo solido o di un cumulo di macerie galleggiante. Qualunque cosa sia, come è potuta diventare così? Ancora più importante, vogliono sapere come si è trasformata nel più grande satellite di Marte. Tutte queste domande indicano che, per ora, Phobos rimane un mistero in attesa di risposta.

Esplorazione di Phobos

Di recente, lo strumento orbitante Mars Express dell'Agenzia spaziale europea ha volato su Phobos come parte della sua missione regolare. L'idea era quella di avvicinarsi a questa luna e bombardarla con onde radio a bassa frequenza provenienti dallo strumento MARSIS di bordo.

C'era solo un ostacolo: un tipico passaggio di Phobos da parte della navicella spaziale l'avrebbe posizionata troppo vicino per ottenere dati MARSIS utili. Questo perché questo strumento lavora meglio a distanza. Il software originale gli ha permesso di studiare la superficie marziana (e anche sotto di essa) a circa 250 chilometri di distanza.

L'importanza di MARSIS

Le onde radio MARSIS inviano essenzialmente riflessi dalla superficie di un oggetto e forniscono informazioni preziose sulle condizioni e le strutture dell'oggetto. Alcuni segnali penetrano nella crosta e si riflettono dagli strati più profondi. Queste riflessioni hanno aiutato gli scienziati a mappare le sottostrutture di Marte e scoprire se ci sono diversi strati di ghiaccio, roccia, acqua o suolo. Lo strumento ha anche svolto un ruolo nella ricerca di segni di acqua liquida sul Pianeta Rosso.

Quindi, come può MARSIS aiutare a dare risposta alle grandi domande su Phobos e la sua origine? In questo momento, gli scienziati hanno due ipotesi sul suo passato. "Se le due piccole lune (Phobos e Deimos) di Marte siano asteroidi catturati o fatte di materiale strappato da Marte durante una collisione" è una domanda aperta, ha affermato lo scienziato di Mars Express Colin Wilson. "Il loro aspetto suggerisce che fossero asteroidi, ma il modo in cui orbitano attorno a Marte suggerisce indubbiamente il contrario".

MARSIS dà una prima occhiata

Il modo migliore per scoprirne l'origine è guardare dentro Phobos. Le tipiche immagini ottiche non dicono molto agli scienziati. Ma gli strumenti in grado di sondare all'interno di Phobos possono rivelare molto. È qui che entra in gioco MARSIS. Grazie a un importante aggiornamento del software, MARSIS ha effettuato osservazioni durante il recente approccio di prossimità.

Ora si può "vedere" sotto la superficie di questa minuscola luna mentre vola alla ricerca di indizi strutturali. "Durante questo volo, abbiamo utilizzato MARSIS per studiare Phobos da 83 km di distanza", ha affermato Andrea Cicchetti del team MARSIS dell'Istituto Nazionale di Astrofisica italiano.

"Avvicinarci ci permette di studiare la struttura in modo più dettagliato e identificare caratteristiche importanti che non avremmo mai visto da lontano. In futuro, siamo fiduciosi di poter utilizzare MARSIS a circa 40 km di distanza. L'orbita di Mars Express è andata bene -sintonizzato per avvicinarci il più possibile a Phobos durante alcuni passaggi tra il 2023 e il 2025, il che ci darà grandi opportunità per cercare di saperne di più". - ha affermato Andrea Cicchetti, membro del team MARSIS.

I dati indicano qualcosa all'interno di Phobos

MARSIS ha emesso un radargramma basato sui dati acquisiti il 23 settembre 2022. In sostanza, questo radargramma raffigura gli "echi" creati quando il segnale dell'antenna MARSIS lunga 40 metri colpisce qualcosa sotto la superficie. Ciò potrebbe indicare una struttura a strati, che potrebbe indicare che Phobos è un asteroide catturato.

Potrebbe anche significare che ci sono una varietà di oggetti all'interno di Phobos che potrebbero renderlo un mucchio galleggiante di macerie. Naturalmente, più voli cattureranno più dati, e questo dovrebbe far luce su ciò che si nasconde sotto la crosta di Phobos.

Sebbene questa missione abbia mostrato di più su Phobos, ci sono ancora incertezze sulla sua origine e composizione. Per questo una nuova missione, che dovrebbe rendere disponibili i dati nel 2029, potrebbe aiutare a rispondere a queste domande.

Studi ravvicinati aiuteranno gli scienziati a programmare la prossima missione esplorativa (MMX) sulle lune marziane che atterreranno su Phobos non prima del 2024. Raccoglierà campioni e li riporterà sulla Terra nel 2029. I dati di questi campioni dovrebbero aiutare a risolvere il problema questione dell'origine di Phobos una volta per tutte.