ilmeteo.net

Scoperta una enorme cometa che si muove verso la Terra

Una cometa di 150 km di diametro soprannominata Bernardinelli-Bernstein viaggia verso la Terra. Si tratta della più grande cometa mai scoperta. Ecco cosa sappiamo!

cometa
Bernardinelli-Bernstein: al momento, la cometa larga 150 chilometri si trova nella nube di Oort. (Noirlab/NSF/Aura/J. da Silva/BBC/Disclosure)

Pensa alla distanza che c'è fra Milano e Torino, circa 150 km: questo è il diametro della cometa più recentemente scoperta dagli scienziati. Le dimensioni sono impressionanti, ma spaventose quando si tratta di un corpo celeste che si avvicina alla Terra. La cometa è la più grande mai registrata nella storia e si stima che sia circa mille volte più massiccia di tutte le altre comete mai scoperte. Inoltre, in termini di dimensioni, è circa 31 volte più grande delle comete comunemente viste dagli astronomi.

Per avere un'idea delle dimensioni di questa cometa, bisogna considerare che le 4.743 comete conosciute dalla NASA hanno un diametro di circa 3-5 km, mentre questa ne misura 150.

Il corpo celeste è stato chiamato Bernardinelli-Bernstein in onore dello studente Pedro Bernardinelli, PhD in fisica e astronomia all'Università della Pennsylvania e laureato all'Università di São Paulo (USP), e Gary Bernstein, consulente e partner di ricerca del brasiliano.

La scoperta

Non è la prima volta che questa cometa viene studiata, tra gli astronomi è nota da alcuni anni. La cometa è stata rilevata per la prima volta nel 2014 ed è stata persino scambiata per un pianeta nano a causa delle sue dimensioni.

Ma è solo adesso che Bernardinelli-Bernstein è stata identificata in modo corretto e da allora è stata seguita con attenzione. Gli esperti aspettano ora che la cometa possa essere osservata più da vicino in modo da avere maggiori informazioni sul sistema solare. È interessante notare che questa stessa cometa ha già fatto il giro del nostro sistema solare.

Questo è successo 3,5 milioni di anni fa, secondo gli studi, più o meno alla stessa distanza che c'è fra il pianeta Nettuno e la Terra. Gli astrofisici che hanno dato il nome alla cometa stimano che ci vogliono circa milioni di anni per compiere un giro completo intorno al Sole.

Secondo gli scienziati che la studiano, ci vogliono circa milioni di anni perché questa cometa compia un giro completo intorno al Sole

Questa volta la cometa è più vicina che mai, ma è ancora troppo lontana per essere vista dalla Terra senza un telescopio.

Rischio di collisione con la Terra?

Il brasiliano Pedro Bernardinelli ha affermato che non c'è motivo di farsi prendere dal panico perché la cometa non entrerà in collisione con il nostro pianeta: ci vorranno 10 anni affinché l'astro raggiunga il punto più vicino alla Terra.

La cometa sarà più vicina al Sole solo nel 2031, ma è probabile che sarà necessario un telescopio per vederla.

Nube di Oort

Gli esperti segnalano l'importanza degli studi sulle comete. È fondamentale all'interno della scienza comprendere la storia del sistema solare dal suo inizio, per comprendere il suo sviluppo fino ai giorni nostri. Man mano che gli astrofisici ottengono maggiori informazioni dal sistema solare, è possibile avere maggiori informazioni sulla misteriosa Oort Cloud, la regione in cui si trova attualmente la cometa Bernardinelli-Bernstein.

nuvem
La Oort Cloud, la nube di Oort dove si concentrano una enorme quantità di comete.

La nube di Oort è stata rilevata come una grande concentrazione di comete, che gli esperti ritengono esista ai margini del sistema solare. La sua esistenza fu registrata nel 1932 dall'astronomo Ernst Opik che propose che le comete irregolari provenissero da un'estesa nube di materiale ai confini del sistema solare.