ilmeteo.net

Le cinque estinzioni di massa che hanno sconvolto la Terra

Dal periodo Ordoviciano ai giorni nostri, cinque estinzioni di massa hanno segnato la storia del pianeta e la sesta potrebbe essere già in corso. La supereremo?

estinzione di massa Terra
La sesta estinzione di massa potrebbe già essere in corso. Gli esseri umani sopravviveranno?

Tutti gli esseri viventi che conosciamo oggi, noi compresi, rappresentano solo una piccola parte di ciò che esisteva un tempo. Si stima che il 99% delle specie che hanno abitato il pianeta si siano estinte negli ultimi 3,5 miliardi di anni. I reperti fossili e geologici forniscono agli scienziati prove sufficienti per identificare cinque degli eventi responsabili di un tasso di mortalità così elevato.

Sono i cosiddetti eventi di estinzione di massa, quando almeno il 75% delle specie del pianeta scompare in un batter d'occhio geologico, che può variare da migliaia a milioni di anni. Ogni estinzione di massa ha posto fine a un periodo geologico sul pianeta con una serie di calamità mortali. Le specie sopravvissute, a loro volta, prosperavano su ciò che restava, esplodendo nella diversità e nel territorio. Siamo il risultato di questo processo.

Esaminiamo i cinque eventi di estinzione di massa noti agli scienziati:

1 - Fine dell'Ordoviciano

È successo 443 milioni di anni fa e l'evento è stato dovuto a due importanti cambiamenti climatici planetari. In primo luogo, le calotte glaciali sono avanzate, modificando drasticamente le correnti oceaniche e creando condizioni meteorologiche avverse alle medie latitudini e nelle regioni equatoriali. Le specie che riuscirono a sopravvivere al primo colpo cedettero al secondo: uno scioglimento improvviso, che provocò un grande cambiamento nella circolazione oceanica e nel clima planetario. L'86% delle specie e il 57% dei generi esistenti scomparvero.

2. Fine del Devoniano

Non tutti gli eventi di estinzione di massa sono rapidi: ci sono voluti 20 milioni di anni perché si verificassero. Tra 359 e 380 milioni di anni fa, sul pianeta si verificarono una serie di drastici cambiamenti climatici, inclusa la cosiddetta crisi di Hangenberg. La causa di questi cambiamenti è incerta e, sebbene la spiegazione più accreditata sia legata all'elevata attività vulcanica, si ipotizza che possa essere stata addirittura il risultato di una supernova (esplosione stellare) vicina al sistema solare. Circa il 75% delle specie e il 35% dei generi si estinse.

3. Fine del Permiano

251 milioni di anni fa, un altro evento potrebbe essere stato innescato da un'intensa attività vulcanica planetaria, soprattutto in Siberia. Le eruzioni vomitarono gas tossici, acidificarono gli oceani e distrussero lo strato di ozono, consentendo il passaggio della radiazione solare mortale. Si ritiene che l'evento abbia avuto luogo in un periodo di 50.000 anni, con l'estinzione del 96% delle specie e del 56% dei generi. Vennero distrutte così tante foreste che per molto tempo non c'era materiale da bruciare: c'è un "vuoto di carbone" nella documentazione geologica.

4. Fine del Triassico

I vulcani sono implacabili. Ancora una volta, 201 milioni di anni fa, massicce eruzioni in quello che sarebbe diventato l'Oceano Atlantico causarono un'impennata climatica sul pianeta, spazzando via circa l'80% delle specie e il 47% dei generi. Quell'episodio ha aperto lo spazio ai dinosauri sopravvissuti, che esplosero in diversità, proprio come le loro specie più vicine, dominando completamente il pianeta per le ere successive.

5. Fine del Cretacico

Infine, 65 milioni di anni fa, il famoso impatto di un meteorite avvenne nella penisola dello Yucatan, in Messico. Come se non bastasse, è probabile che l'evento abbia innescato un'intensa attività vulcanica in tutto il pianeta. Un aumento delle emissioni di anidride carbonica e un calo dei livelli di ossigeno negli oceani vennero seguiti da un rapido raffreddamento post-impatto. Circa il 76% delle specie e il 40% dei generi si estinsero, ponendo fine al regno dei dinosauri.

Dopo questo evento, i mammiferi si adattarono rapidamente per sfruttare le nicchie ecologiche appena lasciate libere, così come un singolo ramo di dinosauri, meglio conosciuti oggi come uccelli. Ciò ha reso possibile anche l'arrivo degli esseri umani.

6. Sesta estinzione di massa?

Parlando di umanità, ora l'attività umana potrebbe generare la sesta estinzione di massa. Uno studio del 2015 su Science Advances ha stimato che l'attuale tasso di estinzione delle specie potrebbe essere fino a 100 volte superiore al tasso normale attraverso le indagini geologiche.

I principali agenti di questo aumento sono la crescita della popolazione umana, il maggiore consumo di risorse e il cambiamento climatico causato dall'azione umana. Nel tempo, le specie estinte riducono la biodiversità, destabilizzano gli ecosistemi e causano altre estinzioni, generando una marea sempre crescente che non può essere fermata facilmente. Alla fine, l'umanità potrebbe finire per essere non solo l'agente causale della sesta estinzione, ma anche una delle sue vittime. Se sopravviveremo, solo il tempo lo dirà.