ilmeteo.net

Il disgelo dell'Artico russo riporta alla luce resti del Pleistocene

Anche se i ritrovamenti paleontologici sono normali in diverse parti del mondo, negli ultimi anni l'Artico ci ha sorpreso con resti ben conservati dell'epoca del Pleistocene. I ritrovamenti avvengono per il rapido scioglimento del permafrost in questa regione.

Mamut lanudo
I paleontologi hanno assemblato la maggior parte della colonna vertebrale, delle ossa pelviche e di altre parti dello scheletro del mammut lanoso. Fotografia: Novorossia.info

Temperature superiori alla media di oltre 5° C sono state registrate in Siberia da gennaio a giugno 2020, dando luogo a periodo di caldo eccezionale negli ultimi sei mesi. Durante l'ultima settimana di luglio 2020, gli abitanti della penisola di Yamal, hanno trovato in una remota area del lago Pechenelava-To ossa di un mammut lanoso di circa 10.000-20.000 anni, in uno stato di buona conservazione: la maggior parte erano ricoperte di tessuto e pelo.

I resti includono tendini, pelle e persino escrementi; circa il 90% dell'animale è stato recuperato durante due spedizioni. Gli esperti sottolineano che la causa della morte del mammut non è chiara, poiché non sono stati trovati segni di lesioni ossee.

Andrey Gusev, dell'Arctic Research Center, ha dichiarato all'agenzia di stampa Reuters che "la conservazione dell'animale è unica, con la colonna vertebrale ancora collegata da tendini e pelle, quindi l'operazione di recupero è stata accurata". "Abbiamo ipotizzato che le ossa fossero conservate in ordine anatomico. Ma il primo e il secondo giorno della nostra spedizione hanno dimostrato che era vero solo nella parte posteriore dello scheletro", ha commentato lo scienziato.

Testa di lupo di 40.000 anni fa

Nel mese di giugno 2019, che è stato anche particolarmente caldo per la regione siberiana, è stata scoperta una testa di lupo, con segni di essere stata recisa e datata a circa 40.000 anni fa. La cosa sorprendente di questa scoperta è stata l'ottimo stato di conservazione, poiché ha denti intatti, materiale cerebrale ancora presente e pelliccia, parti che sono molto utili per la ricerca.

Abitanti della Yakutia sono stati i protagonisti di questa scoperta sulle rive del fiume Tirekhtyakh, ed in seguito hanno consegnato il pezzo all'Accademia delle scienze della Repubblica di Sakha. Albert Protopopov, un ricercatore dell'Accademia, ha detto a vari media che "questa è la prima volta che viene trovata la testa di un antico lupo adulto i cui tessuti molli sono stati preservati dopo 40.000 anni".

Influenza dei cambiamenti climatici nei ritrovamenti

Il caldo eccezionale registrato quest'anno nella Siberia ha sciolto il permafrost in alcune aree. Gli scienziati della regione affermano che è insolito trovare così tante specie così ben conservate e le attribuiscono agli effetti prodotti dalla registrazione anomala delle alte temperature nella regione, e la mettono direttamente in relazione con il cambiamento climatico.

Di conseguenza, le aree dell'Artico russo che erano state chiuse a causa di spessi strati di permafrost si sono scongelate: questo permetterà di scoprire più scheletri e esemplari molto meglio conservati che sono congelati, affermano i ricercatori.