Caldo e COVID-19, WMO e OMS avvisano: "gravi rischi dalla loro somma"

La WMO, Organizzazione Meteorologica Mondiale e l'OMS avvertono che il cocktail di calore e COVID-19 possono essere elementi ad alto rischio in una determinata fascia della popolazione mondiale.

La WMO e la OMS avvisano: caldo e COVID-19 possono creare un cocktail esplosivo.

Con l'ingresso dell'emisfero settentrionale in quella che si crede sarà un'altra stagione di caldo record, una rete globale di esperti di salute e clima sostenuti dalla WMO, l'Organizzazione Meteorologica Mondiale, ha chiesto una preparazione maggiore per tenere al sicuro le persone in periodi di caldo affinché non aumenti il rischio di propagazione del COVID-19.

La pandemia di COVID-19 in corso aumenta infatti i rischi per la salute delle persone in periodi di caldo. La Rete globale di informazioni sulla salute del calore (GHHIN) invita i paesi e le comunità a prepararsi per un'estate calda.

Saranno inoltre necessarie strategie di comunicazione e di sensibilizzazione adeguate, come azioni comuni per ridurre le malattie ed i decessi legati al calore, per esempio lasciare case pericolosamente calde per spazi pubblici più freddi e climatizzati, visite a domicilio per controllare le persone vulnerabili e ricevere cure.

L'assistenza medica urgente per segni di colpo di calore potrebbe essere impossibile o contraddire raccomandazioni e protocolli di salute pubblica per la riduzione della trasmissione di COVID-19.

Come gestire la pandemia COVID-19 in periodi di caldo

Per aiutare i governi e gli operatori sanitari a prepararsi a queste minacce alla salute pubblica, è stata sviluppata una serie di informazioni per aiutare i responsabili delle decisioni locali a essere più informati su come gestire i rischi sanitari in periodi di caldo durante la pandemia COVID-19.

La serie di informazioni rese disponibili presenta un riepilogo tecnico, con domande e risposte su questioni chiave e una checklist per la pianificazione, che permetta di controllare e gestire il rischio di caldo durante la pandemia. In questo senso, il 26 maggio 2020 è stato lanciato un webinar, organizzato dall'Ufficio Regionale OMS per l'Europa, sulla prevenzione degli effetti del caldo sulla salute nel contesto di COVID-19.

Approfondisce i seguenti temi:

  • Popolazione vulnerabile.
  • Misure di protezione personale e stress da caldo.
  • Lavoratori sanitari e stress da caldo.
  • Febbre Vs stress da calore.
  • Aria condizionata e ventilazione.
  • Opzioni di raffreddamento di bassa tecnologia.
  • Comunicazione e divulgazione.
  • Spazi freschi all'aria aperta.
  • Insediamenti informali
  • Servizi sociali.
  • Centri di raffreddamento.
  • Stagionalità e clima.
  • Ozono, calore e COVID-19.

La Rete Globale di Informazione sulla Salute del Caldo è un'associazione volontaria di scienziati ed esperti di politiche convocati dall'Organizzazione mondiale della sanità e dall'Ufficio dell'Organizzazione meteorologica mondiale per il clima e la salute e dall'Ufficio nazionale per i programmi climatici dell'amministrazione oceanica e atmosferica degli Stati Uniti (NOAA). Tra i partner che collaborano vi sono la Federazione internazionale delle società della Croce rossa e della Mezzaluna rossa, il Consiglio per la difesa delle risorse naturali, la rete C40 Fresh Cities, nonché accademici, agenzie di sanità pubblica e servizi meteorologici di dozzine di paesi.

Cambiamenti climatici e ondate di caldo

Le ondate di calore stanno diventando più frequenti e intense man mano che le concentrazioni di gas serra portano ad un aumento delle temperature globali, con un aumento dei costi per la salute umana e i sistemi sanitari.

Nel 2018, le persone vulnerabili di età superiore ai 65 anni hanno registrato un'esposizione record di 220 milioni di ondate di calore in più, rispetto alla media di base del 1986-2005, secondo la Dichiarazione dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale sullo stato del clima globale nel 2019 .

L'Europa ha registrato due significative ondate di calore a giugno e alla fine di luglio 2019. La Francia ha stabilito un nuovo record di 46.0 ° C il 28 giugno durante l'ondata di caldo che ha colpito l'Europa sud-occidentale e centrale. Gran parte dell'Europa centrale e occidentale è stata colpita alla fine di luglio.

Nei Paesi Bassi, questo evento è stato associato a 2.964 morti, quasi 400 morti in più rispetto a una settimana estiva media. Nella Francia metropolitana, tra l'inizio di giugno e la metà di settembre, sono state registrate oltre 20.000 visite al pronto soccorso e 5.700 visite a domicilio di medici per malattie legate al calore, secondo il rapporto dell'OMM, che includeva informazioni dall'OMS e una vasta gamma di altri partner.

COVID-19 interazioni con tempo caldo

Sebbene le condizioni ambientali svolgano probabilmente un ruolo limitato nel determinare dove e quando si verifica COVID-19, il clima caldo può aggravare gli impatti e peggiorare i risultati per i pazienti COVID-19, potrebbe aumentare le velocità di trasmissione quando le persone si radunano all'aperto e negli spazi pubblici e l'onere aggiuntivo dei pazienti sottoposti a stress termico può esercitare pressioni sulle cure mediche e su altri sistemi critici in un momento in cui molti sono già al punto di sovraccarico.

Nelle aree colpite da un gran numero di casi COVID-19, un grave evento di calore potrebbe causare gravi perdite e impatti significativi sulla salute. COVID-19 ha amplificato i rischi legati al caldo per molti gruppi a rischio che sono vulnerabili sia al COVID-19 che allo stress da calore.

A causa della perdita di posti di lavoro e dell'ordine di rimanere a casa, le persone considerate a rischio di malattie da calore possono trovarsi in condizioni socioeconomiche più precarie. La paura pubblica di cercare assistenza medica durante il COVID-19 può ritardare la ricerca di assistenza medica per problemi non relazionati con il COVID-19, anche se criticamente necessari. Questa percezione e questo comportamento potrebbero comportare la morte prevenibile di persone vulnerabili.

Quali misure vanno prese?

Tutte le malattie e le morti legate al calore sono prevenibili, ma nel contesto della pandemia COVID-19 devono essere adattate ai contesti locali, alle comunicazioni e alla sensibilizzazione, e sono necessari coordinamento e preparazione.

A livello governativo, un maggiore coordinamento e preparazione al calore, compresa la revisione e la modifica dei piani di riscaldamento e del targeting locale, dovrebbero aver luogo subito, prima dell'inizio della stagione calda.

Dispositivi di protezione e caldo, un problema

Nel settore sanitario, i professionisti medici e gli altri lavoratori sanitari dovrebbero essere formati per monitorare i potenziali casi di stress da calore e dovrebbero essere consapevoli dei rischi di calore aggiuntivi che possono affrontare indossando dispositivi di protezione individuale e lavorando in condizioni di caldo.

"Ridurre il numero di persone che sviluppano malattie legate al calore dovrebbe essere una priorità per ridurre al minimo i ricoveri negli ospedali già sovraccarichi", ha affermato Joy Shumake-Guillemot, coordinatore congiunto OMS / WMO per il tempo e la salute e co -GHHIN coordinatore. "È probabile che le autorità municipali e gli operatori sanitari debbano affrontare decisioni difficili su come trovare un equilibrio tra la prevenzione della diffusione dell'infezione e allo stesso tempo la protezione delle persone dalle condizioni pericolosamente calde in cui potrebbero vivere" ha detto.