La Grande Muraglia Verde: curiosità sulla barriera di alberi in Africa

Undici paesi africani si impegnano da anni per fermare l'avanzata del deserto del Sahara. Andiamo a scoprire che cos'è la Grande Muraglia Verde africana.

Árboles en el desierto
Una barriera di vegetazione per fermare l'avanzata della desertificazione in Africa: ecco che cos'è la Grande Muraglia Verde.

Hai mai sentito parlare della Grande Muraglia Verde africana? Mentre alcuni propongono di creare muri per separare paesi, comunità, persone, undici paesi dell'Africa si sono uniti per combattere la desertificazione. Come? Realizzando un grande corridoio alberato che attraverserà il Sahel dall'Oceano Atlantico al Mar Rosso. È una linea di foreste con un'estensione di quasi 8mila chilometri di lunghezza e 15 chilometri di larghezza che attraverserà da ovest a est le nazioni del Senegal, Mauritania, Mali, Burkina Faso, Niger, Nigeria, Ciad, Sudan, Etiopia, Eritrea e Gibuti.

Il progetto, che ha iniziato a concretizzarsi nel 2010 e dovrebbe essere completato nei prossimi anni, creerà una grande barriera vegetale tra il deserto del Sahara e la savana. Questa divisione naturale è conosciuta come il Sahel e questa iniziativa cerca di fermare l'avanzata del deserto verso il sud del continente.

Gran Muralla Verde; África
La lotta contro l'avanzata del Sahara ha unito 11 nazioni africane per la costruzione di questo grande muro verde, che porterà anche molti altri benefici a questi Paesi e al pianeta. Immagine adattata da greatgreenwall.org

L'iniziativa ha suscitato l'interesse di organizzazioni mondiali come le Nazioni Unite (ONU) e la Banca Mondiale ha annunciato quest'anno che investirà nel progetto 5 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni. Ma al di là di questo, l'importante è che il grande muro verde sia riuscito a coinvolgere i cittadini di tutti gli undici Paesi coinvolti.

E sebbene l'obiettivo sia fermare l'avanzata della desertificazione, ha anche generato e genererà posti di lavoro, mezzi di sussistenza e un futuro sostenibile per i milioni di esseri umani che vivono nel cuore dell'Africa. Secondo l'ultimo rapporto, entro il 2020 erano stati ripristinati quasi 18 milioni di ettari di terra, soprattutto in Etiopia.

Il fantasma della desertificazione

La desertificazione è il degrado di suoli fertili a causa delle variazioni climatiche e/o delle attività svolte dall'uomo. Nel mondo, la desertificazione colpisce gravemente un quarto della superficie terrestre. Questo problema colpisce 6 persone su 10 sul pianeta.

“La priorità nella lotta alla desertificazione dovrebbe essere l'applicazione di misure preventive nelle aree che non sono ancora state colpite dal degrado o sono state colpite in misura minima. Tuttavia, non vanno dimenticate le aree gravemente degradate. È essenziale che le comunità locali, le organizzazioni rurali, i governi, le organizzazioni non governative e le organizzazioni internazionali e regionali partecipino alla lotta contro la desertificazione e la siccità”, hanno esortato le Nazioni Unite.

L'ONU precisa che “il ripristino delle terre degradate contribuisce alla resilienza economica, alla creazione di posti di lavoro, all'aumento del reddito e a una maggiore sicurezza alimentare. Inoltre, aiuta a recuperare la biodiversità, consente di catturare il carbonio (CO2) e favorisce un recupero verde dalla pandemia di COVID-19, poiché il ripristino dei paesaggi naturali riduce il contatto diretto tra fauna selvatica e insediamenti umani, creando una barriera naturale contro le zoonosi ”.