ilmeteo.net

Incredibile, in Europa esiste un paese costruito con diamanti!

Gli abitanti di un piccolo paese della Germania erano convinti di vivere nel cratere di un vulcano. Presto iniziarono a notare che le pareti delle loro case brillavano più luminose del solito. Esiste davvero la città dei diamanti?

diamantes, alemania, volcán
La città è stata costruita all'interno di un cratere.

A metà del XIII secolo, un gruppo di persone che stava cercando un posto dove stabilirsi pensò che il cratere di un vulcano spento fosse una grande idea. La piccola depressione nel terreno offriva protezione, con un muro naturale circondato da un bosco lussureggiante dove raccogliere cibo. Per il Medioevo, il posto era molto comodo. E non si sbagliavano, poiché esiste ancora e il villaggio oggi fa parte della città di Nördlingen, in Germania.

All'interno di questa depressione iniziò a crescere un villaggio, le cui abitazioni furono costruite con pietre ricavate dallo stesso cratere. E mentre le case si alzavano, gli abitanti si accorsero che stava succedendo qualcosa di strano: i muri splendevano al sole. Le pietre degli edifici, che sono conosciute come sueviti, erano incrostate di milioni di piccoli diamanti, con una concentrazione senza pari.

Ma la cosa più sorprendente è che la ragione dello scintillio di queste pietre non è stata scoperta fino agli anni '60. Dopo aver studiato il paesaggio a distanza, i geologi americani Eugense Shoemaker ed Edward Chao notarono che il cratere non soddisfaceva i criteri di un vulcano, così si recarono in città per testare la loro nuova ipotesi: che la depressione si fosse formata dall'alto verso il basso. Dopo aver studiato la regione si arrivò a stabilire che il cratere era stato generato dall'impatto di un meteorite che aveva colpito il suolo 15 milioni di anni prima, creando un cratere largo circa 26 chilometri e profondo 150 metri.

Per le coincidenze della vita, il meteorite caduto 15 milioni di fa era precipitato su un enorme deposito di grafite. L'impatto lo sottopose a temperature e pressioni gigantesche, trasformando quasi istantaneamente il carbonio in milioni di diamanti di diametro inferiore a 0,2 mm. I geologi locali stimano che le mura e gli edifici di questa città unica contengano circa 72.000 tonnellate di diamanti. La suevite può essere trovata in altre parti del mondo dove si sono verificati impatti simili, ma da nessuna parte la concentrazione di gemme è paragonabile a quella di Nördlingen.

Perché non vengono estratti?

Nonostante questa scoperta così preziosa, perché le mura di queste case non sono state abbattute per estrarre le pietre preziose? Il motivo principale è dovuto alle dimensioni di queste pietre, che sono appena visibili ad occhio nudo. Ogni diamante è così piccolo da non avere un valore di gemma. "Ci sono luoghi nel mondo in cui questo tipo di materiale prodotto dall'impatto dei meteoriti è stato utilizzato nelle costruzioni, ma mai nella stessa proporzione di qui", afferma Hölzl, direttore del museo locale. "Qui è stato utilizzato per costruire un'intera città", sottolinea. "Per fortuna sono molto, molto piccoli, altrimenti credo che la torre del paese sarebbe stata demolita molto tempo fa", scherza.

Ti potrebbe interessare.
30 giugno 1908, l'evento di Tunguska

Il cratere di Nördlingen è così caratteristico che gli astronauti dell'Apollo 14 e dell'Apollo 16 hanno visitato il sito prima delle missioni lunari per scoprire quali tipi di rocce potevano trovare nello spazio e quali avrebbero dovuto riportare sulla Terra. Nonostante tutto questo, tuttavia, a molte persone in città non interessa affatto vivere tra milioni di minuscoli diamanti. Non pensano che sia qualcosa di interessante e si chiedono perché le persone vengano da tutto il mondo a visitarli. "Lo vediamo tutti i giorni, per noi non è niente di speciale", commentano tra i turisti che percorrono le strade luminose e antiche.