Le ultime notizie sull'Uragano Dorian: devastate le Bahamas

L'uragano Dorian ha devastato le Bahamas e si dirige ora verso le cose degli Stati Uniti d'America: ecco gli ultimi aggiornamenti e la situazione.

Lorenzo Pasqualini Lorenzo Pasqualini 04 Set 2019 - 09:07 UTC
uragano-bahamas
Dettaglio dell'occhio dell'uragano Dorian - foto: Nick Hague, NASA.

L'uragano Dorian, che ha devastato le Bahamas settentrionali negli ultimi giorni, si dirige in queste ore verso le coste degli Stati Uniti, in particolare verso la Florida. Massima allerta in Georgia, Carolina del sud e del nord.

Secondo gli ultimi aggiornamenti del National Hurricane Center, alle 4 di mattina ora locale (le 10 in Italia), l'uragano Dorian si trovava circa 160 km ad est di Daytona Beach, in Florida. Le raffiche di vento arrivano a 165 km/h e l'uragano si sposta ad una velocità di circa 13 km/h.

L'uragano, inizialmente di categoria 5 (il massimo nella scala Saffir-Simpson), si è indebolito ed è ora un uragano di categoria 2.

Danni enormi alle Bahamas: "evento senza precedenti"

I danni causati dall'uragano presso le Bahamas sono immensi. Nel fine settimana l'uragano ha investito a lungo l'arcipelago caraibico causando enormi danni. Si contano finora almeno 7 vittime, ma il bilancio potrebbe aggravarsi nelle prossime ore. Le Bahamas settentrionali sono state colpite duramente, e si parla di "evento senza precedenti": almeno da quando esistono rilevazioni non si registrano uragani più forti di questo, sulle Bahamas. Basti pensare che le raffiche di vento superavano i 300 km/h.

Circa tredicimila case sarebbero state spazzate via dalla furia del vento e dalle inondazioni. Secondo l'ONU 60.000 persone hanno bisogno di cibo e acqua potabile. Le più colpite sono state le isole Abaco e Grand Bahama. I video dall'aereo mostrano molto meglio di qualsiasi descrizione la distruzione causata dal ciclone tropicale.

Prima di spostarsi verso le coste statunitensi, l'uragano Dorian è rimasto per lunghe ore "quasi stazionario" sull'isola di Grand Bahama, causando ulteriori devastazioni. Il 60% del territorio dell'isola si trova sott'acqua, ed è inondato anche l'aeroporto.

Pubblicità