La più grande macchina per la cattura del carbonio è operativa

Orka, la più grande macchina per l'aspirazione del carbonio al mondo, sta già lavorando in Islanda. Purtroppo non è la soluzione al problema dei cambiamenti climatici: ecco perché.

Orca
Orca ottiene la CO2 dall'ambiente e lo inietta nella crosta terrestre.

Orka è il nome della più grande macchina per la cattura del carbonio mai costruita. Il suo scopo è convertire la CO2 in roccia. È stata lanciata in Islanda, dove ha generato una grande euforia, ma non è ancora molto chiaro se funzioni davvero come previsto. Il suo costo di costruzione ha raggiunto i 15 milioni di dollari, come riportato dal National Geographic. Al di là della reale utilità, ciò che è chiaro è che da sola, una macchina con queste caratteristiche è ben lungi dall'essere in grado di contrastare l'emergenza climatica globale.

Il progetto ha richiesto diversi anni di ricerca e la macchina per la cattura del carbonio è stata installata nel sud-est dell'Islanda, presso Hellisheidi. Ad oggi, è il più grande strumento usato nella cattura diretta di CO2 nell'intero pianeta. La rivista The Science Times ha sottolineato che Orka è progettato per assorbire e immagazzinare l'anidride carbonica nel sottosuolo.

L'Islanda è un'isola vulcanica molto attiva e Hellisheidi è nota in tutto il paese per avere enormi strutture geotermiche. La costruzione è stata eseguita dalle società Carbfix of Iceland e Climeworks of Switzerland, che ottengono il carbonio direttamente dall'aria. Hanno scelto di chiamarlo Orka, che nella lingua locale significa energia.

Il modello di business dietro la macchina

Secondo i produttori, la macchina ha la capacità di catturare ed elaborare 4 mila tonnellate di CO2 all'anno. Per capire la scala, questo volume di CO2 è correlato con le emissioni di poco meno di 800 auto private. Si può anche dire che questa quantità di CO2 è ciò che 250 americani producono ogni anno. Pertanto, coloro che inizialmente suggerivano che la macchina sarebbe stata una soluzione contro il cambiamento climatico erano eccessivamente ottimisti.

Un'altra cosa che va detta è che sia Climeworks che Carbix non si guadagnano da vivere con la beneficenza. Il loro modello di business mira specificamente a vendere questa macchina come risorsa ai paesi che potrebbero essere interessati. Anche se intrappola un po' di CO2, ci vorrebbero molte macchine per raggiungere un valore davvero significativo. Finora, lontano da quello che molti supponevano, il beneficio ecologico è trascurabile. Inoltre, non è chiaro come gli investitori saranno in grado di convincere i paesi ad acquistare un numero significativo di queste macchine per la cattura della CO2. Sebbene l'intenzione commerciale alla base del progetto sia valida, la verità è che si è generata un'aspettativa lontana dalla realtà.

Come funziona Orka

Nella presentazione di Orka, tenutasi in Islanda, è stato indicato che la macchina può essere un pilastro per realizzare nel prossimo futuro un ambiente più verde e privo di emissioni nocive per l'atmosfera. Climeworks si propone come azienda impegnata nella ricerca di strategie adattabili alle esigenze della crisi climatica globale. L'impianto raccoglie l'anidride carbonica immettendo l'aria in un collettore che contiene una sostanza filtrante. Il processo di cattura dell'anidride carbonica avviene in due fasi e deriva da otto contenitori di raccolta, che sono scatole metalliche con l'aspetto di contenitori marittimi.

Ventiladores
I ventilatori sono responsabili della cattura di grandi quantità di aria che vengono poi filtrate per ottenere CO2

La tecnologia di cattura diretta dell'aria funziona con giganteschi ventilatori che mettono l'aria ambiente a contatto con una soluzione acquosa che cattura l'anidride carbonica e la spinge in una trappola. Innanzitutto, l'aria viene aspirata nel collettore da un ventilatore. L'anidride carbonica intrappolata all'interno del collettore viene successivamente catturata dal materiale filtrante estremamente selettivo.

In secondo luogo, una volta caricato il materiale filtrante, si chiude il collettore e si alza la temperatura a 80-100°C per rilasciare il gas e raccogliere la CO2 altamente purificata e concentrata. Il carbonio si combina quindi con l'acqua prima di essere iniettato nella roccia basaltica adiacente, dove si pietrifica, a una profondità di 1.000 metri. All'estremo opposto, la macchina rilascia aria pulita senza CO2.