ilmeteo.net

Che nomi avranno gli uragani 2021 nell'Atlantico? Quanti saranno?

Anche se mancano ancora diversi mesi alla stagione degli uragani atlantici 2021, andiamo a vedere qualcosa di più su di loro. Quest'anno la stagione potrebbe essere anticipata, forse molto presto appariranno "Ana" o "Elsa". In che modo influisce il riscaldamento globale?

Huracán Florence
Immagine dell'uragano Florence dalle telecamere della Stazione Spaziale. Anno 2018.

Mancano ancora 3 mesi all'inizio della stagione 2021 degli uragani nell'Atlantico, ma poco a poco arrivano le prime previsioni per quest'anno. Si tratta di quel periodo in cui si formano solitamente le tempeste tropicali nell'Oceano Atlantico. Chi sceglie i loro nomi e quale sarà la tendenza?

I nomi degli uragani sono già noti

Nel Nord Atlantico, quando i cicloni tropicali soddisfano una serie di requisiti, ad esempio un vento che raggiunge almeno i 120 km/h, si parla di uragani, mentre nelle fasi precedenti si usano nomi come "depressioni" o "tempeste tropicali".

La zona atlantica ha presentato una stagione iperattiva nel 2020 che è durata fino al 30 novembre, con la formazione di cicloni nelle acque tropicali - e alcuni oltre - a un ritmo record. In totale ci sono state ben 30 tempeste tropicali denominate e, tra queste, 13 hanno raggiunto la forza degli uragani.

All'inizio la denominazione era arbitraria. Molti uragani, ad esempio, hanno preso il nome dal santo di quel giorno. A metà del 1900 venivano usati solo nomi femminili, una pratica che divenne ufficiale intorno al 1953, quando subentrò il National Hurricane Center (NHC) degli Stati Uniti. Anni dopo, nel 1979, i nomi maschili furono reintrodotti grazie alla perseveranza di Roxcy Boston, una femminista che organizzò mobilitazioni e campagne contro questa pratica.

Oggi ci sono 6 elenchi di nomi che ruotano e si ripetono ogni 6 anni sotto la supervisione dell'Organizzazione meteorologica mondiale. I nomi contrassegnati dalle catastrofi vengono ritirati e sostituiti da altri. Ecco quelli del 2021:

  1. Ana
  2. Bill
  3. Claudette
  4. Danny
  5. Elsa
  6. Fred
  7. Grace
  8. Henri
  9. Ida
  10. Julian
  11. Kate
  12. Larry
  13. Mindy
  14. Nicholas
  15. Odette
  16. Peter
  17. Rose
  18. Sam
  19. Teresa
  20. Víctor
  21. Wanda

Cosa si prevede nel 2021?

Secondo l'NHC, fino a maggio non avremo pronostici ufficiali. Ora si sta valutando di anticipare la data ufficiale di inizio della stagione degli uragani nell'Atlantico, perché negli ultimi 6 anni si è formato più di un ciclone tropicale denominato prima del 1 giugno. Sembra però che quest'anno la stagione non verrà anticipata.

Sebbene non sia possibile fare una previsione e prevedere il numero di tempeste tropicali che ci saranno quest'anno, secondo la Colorado State University la stagione 2021 sarà più attiva del normale. Si prevede che la temperatura dell'acqua di mare sarà più alta del solito e che questa anomalia positiva aiuterà la formazione degli uragani. Inoltre, gli ultimi colpi di La Niña potrebbero favorire condizioni atmosferiche ottimali per la sua gestazione nel Nord Atlantico.

Uragani e cambiamenti climatici, qual è la tendenza?

La comunità scientifica continua a studiare come il riscaldamento globale influenzi l'aumento degli uragani e delle tempeste tropicali. Gli uragani non dipendono dall'attuale cambiamento climatico, ma questo influisce sulla loro frequenza e intensità.

Le acque oceaniche stanno subendo un aumento della temperatura, quindi gli uragani mostrano maggiori precipitazioni, sono più virulenti e alcuni di loro mostrano un movimento lento, come ha fatto Dorian nel 2019. Uno studio pubblicato lo scorso novembre sulla rivista Nature mostra che negli anni '60, quando un uragano nei Caraibi si abbatté, perse circa il 75% della sua intensità in sole 24 ore.

Oggi, dopo una giornata a terra, gli uragani perdono solo il 50% della loro forza. Man mano che il mondo continua a riscaldarsi, il potere distruttivo degli uragani si diffonderà progressivamente verso le regioni continentali interne.