ilmeteo.net

In Spagna, Portogallo e Francia è in corso una potente ondata di caldo

È la seconda ondata di caldo che colpisce questa regione. Il caldo è diventato più forte e rischia di estendersi oltre la metà della prossima settimana. Il fantasma degli incendi sta già diventando realtà.

ondata di caldo
L'ondata di caldo sarà eccezionale sia per le temperature estreme sia per la sua lunga durata.

Un'ondata di caldo estremo continua ad aggravarsi sulla penisola iberica e si estende progressivamente a nord sul territorio francese. Questo evento, iniziato come un'ondata di caldo associata al riscaldamento della penisola iberica, si è potenziato a partire da martedì 12 luglio per la circolazione generata da una bassa segregata sull'Oceano Atlantico, tra le isole portoghesi delle Azzorre e Madeira.

Questo sistema costruisce un intenso corridoio di vento da sud che attira aria molto calda dal Sahara, verso Spagna, Portogallo e Francia. Questa massa di aria calda viene ulteriormente compressa da un ampio cuneo di alta pressione che si estende verso il centro dell'Europa. Di conseguenza, le temperature continuano a riscaldarsi. Anche se il peggio dell'ondata di caldo dovrebbe concentrarsi tra questo mercoledì e il fine settimana, non è ancora chiaro con quale intensità potrebbe estendersi oltre quelle date.

Questo martedì, la temperatura massima in Spagna è stata registrata a Mérida, provincia di Badajoz in Estremadura, con un valore di 43,9 °C. Fatto straordinario è stato il valore della temperatura massima a Ribadavia, provincia di Ourense (Galizia), che ha raggiunto i 43,5 °C e ha stabilito un nuovo record per questa zona della Spagna generalmente esclusa da questo tipo di eventi estremi.

Nuovi record di temperatura estrema potrebbero essere infranti nei prossimi giorni

Più a nord la massima è salita a 38,5°C nel sud della Francia, e questi valori dovrebbero persistere nei prossimi giorni. Dal canto suo, in Portogallo, Evora, a est di Lisbona, ha registrato un massimo di 42,1°C. Sebbene questi valori sembrino alti, soprattutto per la Spagna, tutto indica che il peggio deve ancora venire. L'approfondimento di questo schema di circolazione bloccata significherà che, ad esempio, Madrid avrà una serie di massime sopra i 40 gradi almeno fino a domenica, con minime che non scendono al di sotto dei 25 gradi.

Quello che qualche giorno fa sembrava un film di fantascienza guardando i diversi modelli previsionali, si è allineato con la realtà e tutto indica che siamo di fronte a un'ondata di caldo che lascerà il segno. Ad esempio, è molto probabile che alcune massime superino i 47 °C nelle zone dell'Andalusia, della Castilla La Mancha e dell'Estremadura.

È molto probabile che alcune massime superino i 47 °C nelle zone dell'Andalusia, della Castilla La Mancha e dell'Estremadura.

Questo scenario lascia la porta aperta alla rottura del record storico di temperatura massima registrato nel 2021 a Montoro, Cordoba, quando sono stati registrati 47,2 °C. La cosa notevole è che le ondate di caldo non sono più a metà classifica. Tutti lottano per le prime posizioni, e tendono ad essere più estesi con l'aumento delle temperature minime. In effetti, il precedente record di temperatura massima era stato nel 2017 con 46,9 °C. In altre parole, dal 2017 il record di temperatura è stato battuto due volte, e ora è molto probabile che possa essere battuto di nuovo.

La cosa notevole è che le ondate di caldo sono ormai tutte eccezionali, nessuna resta a metà della classifica e tutte lottano per le prime posizioni, tendendo ad essere più estese con l'aumento delle temperature minime. Infatti il precedente record di temperatura massima era stato nel 2017 con 46,9 °C. In altre parole, dal 2017 il record di temperatura è stato battuto due volte, e ora è molto probabile che possa essere battuto di nuovo.

Gli incendi boschivi avanzano nei tre paesi

Il rovescio della medaglia di questo tipo di ondata di caldo, che in gran parte dell'area interessata interagisce con aria estremamente secca e sole estremo, sono gli incendi che possono rapidamente sfuggire al controllo. Nel caso della Spagna, il peggior incendio si sta sviluppando nella regione di Las Hurdes, nel nord di Cáceres, in Estremadura. L'incendio sta avanzando verso nord ed è già passato nella provincia di Salamanca in Castilla y León (regione dove poche settimane si è verificato un terribile incendio nella Sierra de la Culebra).

Secondo il quotidiano El País, più di 400 persone hanno dovuto essere evacuate e alcune piccole città della zona rischiano seriamente di essere avvolte dalle fiamme. La situazione è lungi dall'essere controllata. Questo martedì pomeriggio, invece, un nuovo incendio è scoppiato in un settore della catena montuosa di Madrid, a nord della capitale.

In Portogallo la situazione non è migliore: qui gli incendi hanno già colpito 6.400 ettari. La maggior parte dei focolai è stata contenuta, ma le prospettive non sono delle migliori per i prossimi giorni. Nel paese è ancora vivo il fantasma del grave incendio di Pedrograo Grande, nel 2017, che è costato la vita a 66 persone. Fino a domenica scorsa sono stati segnalati 107 incendi attivi.

Secondo Público, il governo portoghese ha decretato uno stato di emergenza per combatterli. Da parte sua, nel sud-est della Francia un enorme incendio ha consumato 880 ettari ed è stato affrontato da oltre 600 vigili del fuoco, 18 dei quali hanno riportato ferite, secondo quanto riportato da Franceinfo.

E in Italia? Dopo una piccola tregua, prepariamoci a una nuova grande ondata di caldo

Dopo alcuni giorni di tregua intanto, anche l'Italia sta per essere avvolta nuovamente dal grande caldo per il ritorno del promontorio anticiclonico africano. Avremo un importante aumento delle temperature, a cominciare dalle regioni settentrionali.

Video in evidenza