ilmeteo.net

Rifugiati climatici urbani durante le ondate di caldo

Molte persone trascorrono le loro giornate all'interno dei centri commerciali nelle giornate estremamente calde. Un rapporto del quotidiano spagnolo El País indica che nei quartieri più poveri il numero di persone che si reca in questi luoghi durante le ondate di caldo è maggiore.

Ola de calor
Durante le ondate di caldo, molte persone vanno nei nei centri commerciali per trovare condizioni climatiche accettabili.

L'ondata di caldo che ha colpito gran parte della Spagna due fine settimana fa ha portato i termometri a battere diversi record, superando massime mai registrate prima. Ad esempio, durante questa ultima ondata di calore è stata registrata in Spagna la temperatura più alta da quando ci sono registri. È stato il caso dei 47,4°C registrati a Montoro, provincia di Córdoba (nel sud del Paese) sabato 14 agosto.

Anche i 42,5°C riportati all'aeroporto Barajas di Madrid sono stati un record di temperatura. Per diversi giorni le temperature sono rimaste molto elevate sia di giorno che di notte. In questo contesto, il quotidiano spagnolo El País ha effettuato un interessante reportage per cercare di capire il comportamento della popolazione durante questi eventi meteo estremi.

Non tutti hanno accesso a un sistema di raffreddamento efficiente nelle proprie case e l'ondata di caldo si è verificata in un momento in cui il costo dell'elettricità ha raggiunto in Spagna massimi storici.

A metà agosto la Spagna ha vissuto una ondata di caldo con record di temperatura mai registrati prima. Molte persone non hanno accesso a sistemi di aria condizionata in casa, e in questo momento storico il costo dell'elettricità ha raggiunto nel paese massimi storici.

El País ha scoperto che in una città come Madrid, le persone usano effettivamente i centri commerciali come luoghi in cui trascorrere la giornata per far fronte a un'ondata di caldo, ma che questo comportamento è molto diverso in relazione al reddito delle persone.

Mentre fuori la temperatura superava i 39°C, nei centri commerciali non si toccavano nemmeno i 25°C.

Differenze a seconda del reddito

Durante le ondate di caldo, molte persone si spostano per molte ore nei centri commerciali per evitare il calvario di resistere in casa a lunghe ore senza la possibilità di rinfrescarsi. Il reportage giornalistico mette a confronto centri commerciali madrileni come Alcalá Norte e Arturo Soria Plaza, distanti fra loro soltanto 1,8 chilometri, ma inseriti in un contesto economico ben diverso.

Il primo è circondato da condomini dove vivono molti immigrati che vivono in affitto in appartamenti in condivisione, molti senza aria condizionata. Arturo Soria Plaza si trova invece in un quartiere più benestante, forse uno dei più cari della città.

Nel centro commerciale Alcalá Norte c'è molta più clientela e, secondo le parole di un negoziante, le vendite salgono fino al 20% in quei giorni di caldo estenuante. La realtà è che molte persone non si riposano di notte durante le ondate di caldo, poiché la temperatura esterna non scende sotto i 25°C negli ambienti urbani nelle ore notturne, e all'interno delle case è significativamente più alta.

El País ha scoperto che le cose non sono le stesse neanche all'interno dei centri commerciali, sempre dipendendo dalla diversa zona economica in cui sono inseriti. I centri commerciali in aree più umili devono risparmiare sull'aria condizionata, quindi le temperature interne non sono così basse.

Alcuni venditori si lamentano che a volte l'aria fresca non scorre attraverso i tubi e l'atmosfera all'interno dell'edificio diventa molto calda. E sembra che non si tratti di difetti, ma di decisioni prese da chi gestisce queste strutture.

Più persone non vuol dire più vendite

Nel caso del centro commerciale situato nel quartiere a più alto potere d'acquisto le cose sono ben diverse e le vendite sembrano in calo. I clienti si presentano la mattina presto, poi tornano a casa e trascorrono la giornata in piscina o sotto l'aria condizionata. A volte tornano nelle ore prima della chiusura. È anche vero che molte persone sono in vacanza ad agosto, qualcosa di simile a quello che succede a gennaio in Argentina.

Centro comercial
All'interno dei centri commerciali la temperatura è di oltre 15 gradi inferiore a quella esterna.

La maggior parte dei centri commerciali consultati ha convenuto che non c'è correlazione tra l'aumento delle persone che li visitano in questi giorni e un aumento medio delle vendite. Molte persone entrano, vanno in giro e bevono solo una bibita. Qualcosa di ovvio perché l'obiettivo è quello di poter respirare aria un po' più fresca.

Fuori il caldo sembra bruciare la pelle, e al sole è impossibile stare più di un paio di minuti. In numeri, l'afflusso è quasi raddoppiato nei centri commerciali dei quartieri operai di Madrid rispetto ai quartieri ricchi durante il picco di caldo della scorsa settimana.

Gli effetti del calore sulle persone anziane o con problemi di salute sono molto importanti, e sono fattori condizionanti che possono anche scatenare la morte. El País indica che la temperatura, la musica o la luce sono vitali per un centro commerciale. Tutto è misurato per influenzare la mente del consumatore per incoraggiarlo all'acquisto, un ambiente con un freddo eccessivo non è conveniente. Il rapporto rileva inoltre che alcuni studi hanno rilevato che i clienti in una stanza calda acquistano più che in una stanza fredda perché migliora la loro percezione dei prodotti.