StoreWindows10

Alluvioni lampo: cosa sono e come difendersi

Esistono vari tipi di alluvione, fra esse le più pericolose sono le alluvioni lampo. Difficili da prevedere, possiamo comunque difenderci conoscendole e sapendo come comportarsi

Luca Lombroso Luca Lombroso 22 Ago 2018 - 06:17 UTC
flash-flood-alluvione-lampo
Austria, un cartello segnala agli escursionisti un'area a rischio alluvioni lampo. In queste zone, prestare massima attenzione alle previsioni e ai segnali del cielo (foto L.Lombroso)

La tragedia nella Gola del Raganello, nel Parco del Pollino in Calabria, ha posto una volta di più l’attenzione sull’importanza della consapevolezza e prevenzione dei rischi meteorologici, accentuati al giorno d’oggi dai cambiamenti climatici. In particolare i forti temporali associati ad intense precipitazioni in breve tempo (impropriamente detti bombe d’acqua) possono causare le alluvioni lampo, dall’inglese flash flood. Cosa sono e come difendersi?

Le alluvioni lampo

Esistono vari tipi di alluvioni, in genere le alluvioni estese, causate dai grandi fiumi, sono lente e graduali e quindi, pur provocando molti danni su vaste zone, sono più prevedibili ed è relativamente più facile difendersi.

Sono invece molto più pericolose le alluvioni lampo, che come dice il nome sono fenomeni molto veloci, quasi improvvise. Dall’inglese flash flood, termine usato anche in bibliografia scientifica, l’alluvione lampo si verifica a seguito di intensi temporali associati a nubifragi in lento movimento o anche stazionari su piccoli bacini idrici, fiumi, torrenti e perfino ruscelli che prima dell’evento possono essere anche completamente secchi.

Fra la pioggia e l’arrivo dell’onda di piena trascorrono da poche decine di minuti a qualche ora. Possono avvenire anche in città, sotto forma di “alluvione urbana”, per l’ingrossamento di piccoli corsi idrici o le strade stesse che si trasformano improvvisamente in torrenti impetuosi.

Talvolta l’innalzamento dell’acqua può avvenire anche con bel tempo, per rilascio di acqua da bacini a monte o, in casi estremi, rottura di dighe o invasi.

Previsione e prevenzione delle alluvioni lampo

Per loro natura, i temporali sono poco prevedibili nel dettaglio, ma si possono individuare le giornate e zone più a rischio. Se vi trovate a dover pianificare una gita o una attività all’aperto, consultate le nostre previsioni, i bollettini meteo regionali e soprattutto tenete conto degli allerta meteo. È normale e frequente che in una piccola zona piova a dirotto e a breve distanza splenda il sole, dunque se rinunciate a quanto pianificato e non succede niente nella vostra zona, non imprecate ma ritenetevi fortunati.

In genere è bene evitare, in ogni caso, di campeggiare o stare a lungo sul greto di fiumi, torrenti e soprattutto nelle gole e nei canyon.

temporale-nubifragio
Le alluvioni lampo sono causate da temporali molto concentrati e violenti

Nello svolgere attività in zone a rischio, anche se il tempo è buono prestare attenzione ai segnali del cielo. La rapida formazione di nubi verticali o l’udire tuoni a distanza indicano che è bene andare al riparo. In particolare, se notate alzarsi il livello dell’acqua, allontanarsi subito. Attenzione anche a eventuali sirene o altri segnali di allarme che, nelle zone ben organizzate, possono preannunciare l’onda di piena. Inoltre, abituarsi a consultare e conoscere i radar meteo, disponibili in varie zone d’Italia anche se non in modo capillare come in altri paesi europei e USA.

Per proteggersi, portarsi nelle zone più alte o ancora meglio andare altrove, in aree ritenute sicure. In caso di onda di piena, evitare ponti e sottopassi, e come noto mai tentare di attraversare a piedi o in auto aree allagate.

Ricordarsi, infine, un concetto semplice ma poco noto: in breve tempo ci possiamo trovare di fronte al passaggio dalla normale routine di vita all’emergenza. E il primo soccorso viene da noi stessi e da chi ci sta vicino.

Pubblicità