ilmeteo.net

La neve a novembre in pianura tra meteostoria e previsioni. E quest'anno?

Ferve l’attesa per la neve, fra le opposte speranze e timori per i disagi e consumi energetici. In novembre non sono rare le nevicate precoci sulle città del nord, anche con disagi. Ecco la cronaca di alcuni eventi storici. Quando arriverà la prima imbiancata in pianura?

Modena, stazione ferroviaria il 25 novembre 2005 durante una fitta e abbondante nevicata precoce novembrina. Per ragioni orografiche e di circolazione sinottica l'Emilia Romagna è una delle regioni più spesso interessate da nevicate precoci. Foto Luca Lombroso.

La neve gradualmente sta imbiancando le Alpi che assumono sempre più veste invernale. Anche l’Appennino ha visto le prime, finora timide, apparizioni della Dama Bianca. Ancora nulla invece in pianura.

Come illustrato in un bellissimo libro consigliato agli appassionati dei fiocchi, La neve in pianura padana nella climatologia e nella storia, di R.Ghiselli, M. Pifferetti, P.Randi, Edizioni Ronca non di rado in passato la neve è arrivata, anche intensa, a fine novembre fino in pianura al nord. Ecco alcuni episodi storici e un azzardo di previsione della prima neve in pianura.

Anni 1970 e 1980: La Malaneve e la nevicata precoce a Torino

Negli anni 1970 ci furono diversi episodi di neve novembrina. Fra il 20 e 24 novembre 1971 una serie di fronti fredde portò nevicate soprattutto in Emilia, con una decina di centimetri a seconda delle zone.

Storica fu l’abbondante nevicata del 24-25 novembre 1977, nota come Malaneve perché molto pesante e abbondante. Caddero 40 cm a Bologna con bufera e temporale, 18 a Modena, 13 cm a Reggio Emilia, pochi centimetri a Milano, neve fin quasi in Romagna con 20 cm a Imola. Scarsa invece verso l’asta del Po, quasi nulla più a nord.

Notevoli i danni, con alberi caduti, lunghi black out, nelle campagne anche di una decina di giorni, strade bloccate. La causa, un fronte polare con formazione di una depressione sull’alto Tirreno.

Fu poi quasi bis l’anno dopo, nel 1978, i giorni 28-29 con 15-20 cm in pianura sempre in Emilia Romagna.

Nel 1979 la neve precoce arrivò ancor prima, record assoluto almeno di recente, il 27 ottobre segnatamente su Torino, imbiancata da con 5 cm con danni e disagi per il manto pesante. Fu un episodio inconsueto in quanto dovuto a una nevicata da “cuscino di aria fredda”, aria affluita nei giorni precedenti e su cui arrivò una perturbazione atlantica preceduta da correnti umide mediterranee.

Le rare nevicate precoci degli anni 1980-90

A inizio novembre 1980 si formò un anomalo blocco anticiclonico sulla Scandinavia, con massimo di 1045 hPa. Aria fredda precoce con moto retrogrado irruppe in Val Padana portando freddo e neve i giorni 3-4 soprattutto al nordest e nuovamente in Emilia. I fiocchi però sconfinarono nel Mantovano, a Cremona e a Milano, poi aria più mite prese il sopravvento con passaggio a pioggia nel corso del giorno 4.

Per il resto negli anni 1980 gli episodi di neve in pianura a novembre furono rari, con una apparizione a fine novembre 1985 e un’altra attorno al 21 novembre 1988, mista a pioggia in alcune città Emiliane.

Pressoché assente per quasi tutti gli anni 1990, la neve precoce arrivò poi il 21 novembre 1999, dal Piemonte fino all’Emilia Romagna, con 25 cm a Modena e 30 cm a Cuneo. Artefice fu una classica “depressione tirrenica nevosa” con stau per i flussi da est in Piemonte e attivazione del fenomeno del “cold air damming“ (diga di aria fredda) lungo l’Appennino Emiliano.

Neve accumulata su base ECMWF da oggi al 25 novembre 2022. Le Alpi vedranno importanti nevicate nei prossimi giorni, neve anche in Appennino tosco-emiliano e centrale. Assente ancora, salvo sorprese, il manto nevoso in pianura al nord e ancor più al centro sud.

La neve a novembre nel XXI secolo

La prima importante nevicata a novembre nel 3° millennio arriva il 25-26 novembre 2005, abbondante nuovamente in Emilia con una ventina di centimetri, più scarsa in Lombardia con fiocchi via via più rari a ovest di Piacenza e fino a Milano, ma con 10-15 cm nel Bresciano.

Due belle nevicate si verificarono nel novembre 2008, il 24 fra Emilia occidentale, 12 cm a Parma, Lombardia e Piemonte e il 28 in quasi tutta la Valpadana, con 30 cm a Tortona, 10 cm a Milano, 13 cm a Reggio Emilia. Fu una nevicata da scorrimento di aria mite per la presenza di una depressione sulla Sardegna con un promontorio dell’anticiclone orientale che portava aria fredda sulla pianura padana.

Nuova apparizione poi il 26-28 novembre 2010, imbiancati il basso Piemonte, al solito l’Emilia centro occidentale e anche il vicentino.

Piuttosto precoce infine l’ultimo episodio significativo, il 13 novembre 2017 con bufera e temporale di neve su Bologna e fiocchi più rari e subito fusi dalla pioggia a Modena e Reggio Emilia.

E quest’anno, quando arriverà la neve in pianura?

Dopo la lunga ottobrata record e l’estate di san Martino, ora la circolazione è diventata finalmente autunnale e perturbata. La neve sta gradualmente imbiancando le Alpi, con la prima timida comparsa anche in Appennino. Al momento però le masse d’aria restano relativamente miti e non si delinea aria fredda per portare nevicate a quote basse.

Allungandoci a fine novembre, l’aria sembra più invernale e attorno al 22 novembre la neve potrebbe iniziare a interessare quote mediobasse al nord. Risulta però non sembrano tali da portare nevicate in pianura precoce.

Rimandiamo dunque le speranze a dicembre e all’inverno meteorologico, per sapere quando arriva seguite le nostre previsioni seguiteci, ve lo annunceremo ai primi segnali dai modelli!