ilmeteo.net

La pioggia di plastica potrebbe diventare presto un grosso problema

Recenti studi scientifici mostrano come la plastica entri nell'atmosfera e precipiti sulla terra, rappresentando una minaccia per l'ambiente e la salute umana.

Le microplastiche possono essere disperse nell'aria e cadere come pioggia sulla terra.
Le microplastiche possono essere disperse nell'aria e cadere come pioggia sulla terra.

La plastica sta cadendo dal cielo, inquinando le regioni remote del Nord America e di altre parti del mondo. Qualcuno ha descritto la pioggia di plastica come la nuova pioggia acida. Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Science ha rilevato che oltre 1.000 tonnellate di microplastiche sono cadute in 11 aree protette negli Stati Uniti occidentali.

Le microplastiche si riferiscono a particelle di plastica inferiori a 5 mm, che si sono staccate da pezzi più grandi di sacchetti e bottiglie di plastica. La plastica si scompone in pezzi più piccoli ma non si disintegra, incapace di decomporsi naturalmente come possono fare i materiali biodegradabili.

Ci vogliono migliaia di anni per la degradazione della plastica. Mentre si decompone, danneggia l'ambiente e la salute degli esseri viventi. Le microplastiche sono state trovate in luoghi sorprendenti, dalla cima del Monte Everest, fino a una placenta umana. Anche la quantità di microplastiche nell'oceano è molto preoccupante e, come vediamo con il fenomeno della pioggia di plastica, l'oceano sta spingendo alcune di queste plastiche sulla terraferma, attraverso l'atmosfera.

Da dove viene la pioggia di plastica?

I modelli pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences mostrano che le microplastiche atmosferiche derivano principalmente dalla polvere sulle strade (84%), dal vento sull'oceano (11%) e dalla polvere del suolo dall'agricoltura (5%).

Le microplastiche possono restare in sospensione nell'aria per quasi una settimana, tempo sufficiente per viaggiare su oceani e continenti. Gli scienziati descrivono i processi ciclici delle microplastiche nella terra come simili agli elementi biogeochimici.

Le microplastiche possono essere trasportate nell'aria per quasi una settimana, percorrendo così grandi distanze.

Anche se le innovazioni sulla plastica biodegradabile sono promettenti, gli autori hanno concluso che le plastiche non biodegradabili accumulatesi nel passato continueranno a circolare nei sistemi terrestri. Si dovrebbe fare di più, inoltre, per approfondire come funziona il ciclo della plastica e il modo in cui vengono distribuite le microplastiche. Gli autori hanno scritto: "con l'attuale tasso di aumento della produzione di plastica (∼4% all'anno), la comprensione delle fonti e delle conseguenze delle microplastiche nell'atmosfera dovrebbe essere una priorità".

Le brezze di mare potrebbero contenere microplastiche

Nel frattempo da un altro studio emerge che la brezza marina che respiriamo potrebbe contenere microplastiche. Secondo lo studio, che è stato pubblicato dall'Università di Strathclyde e dall'Observatoire Midi-Pyrenees (Università di Tolosa), ogni anno centinaia di migliaia di tonnellate di microplastiche potrebbero essere trasportate sulla terraferma dalla brezza marina.

I ricercatori hanno analizzato le microplastiche nello spray di mare, scoprendo che le micro particelle di plastica potrebbero entrare nell'atmosfera attraverso la brezza marina, prima di essere trasportate sulla terra. L'enorme quantità di microplastiche che circolano nel pianeta rappresenta una minaccia sia per l'ambiente che per la salute umana. Commentando la questione online, il CEO di Wildlife Trusts Craig Bennett ha dichiarato: "Questo diventerà un grosso problema negli anni a venire ...".