ilmeteo.net

Le api giganti asiatiche e l'incredibile tecnica per spaventare i predatori

Le api giganti asiatiche costruiscono grandi alveari per proteggere i loro piccoli. Queste strutture esterne, oltre a fungere da riparo per le larve delle api, vengono utilizzate in modo feroce per spaventare i predatori. Scopri come qui!

Nel video qui sotto, registrato in Asia, ci imbattiamo in una sorta di sorprendente “tenda” esterna formata da api che “brilla” per spaventare i predatori. Questo strato esterno di api, della specie Apis dorsata, originaria del sud-est asiatico, Malesia, Indonesia e Australia, protegge i giovani vulnerabili che rimangono all'interno dell'alveare. L'ape gigante asiatica Apis dorsata forma enormi colonie di alveari che normalmente pendono da un ramo di un albero o dalle grondaie degli edifici. Sebbene intere colonie migrino regolarmente, in uno studio pubblicato nel 2000 gli scienziati hanno scoperto che le colonie madri possono tornare al loro sito di nidificazione originale anche dopo un'assenza di 2 anni. Tuttavia, il modo in cui le api lo fanno rimane sconosciuto, perché le api operaie vivono solo per poche settimane.

Le api giganti asiatiche cucinano letteralmente i loro invasori se riescono ad atterrare nel loro nido.

Per proteggersi dalla minaccia dei loro predatori, come operano le api giganti? La maggior parte delle specie di api evita le vespe e i calabroni giganti quando nidifica in angoli e fessure, ma la nidificazione all'aperto ha costretto le api giganti a sviluppare nuove strategie difensive. È interessante notare che per le vespe, cinquanta centimetri sembrano essere una distanza sufficiente per le api, ma gli uccelli giustificano l'azione a distanze molto maggiori. In un esperimento, le api giganti hanno rilasciato centinaia di difensori quando un pappagallo è apparso a circa 20 metri di distanza.

Quando si tratta di vespe e calabroni giganti, le api giganti usano una tattica chiamata "palla di calore" nel caso in cui un invasore riesca effettivamente ad atterrare sul nido. Uno sciame di api afferra e avvolge l'intruso e inizia a far vibrare i muscoli delle ali. Il ronzio energetico riscalda i corpi delle api fino a 45°C, una temperatura innocua per loro ma letale per le vespe. Le api usano le loro ali per cucinare letteralmente l'intruso (e alcune specie possono persino asfissiare a morte le vespe). Infine, c'è un feromone – Nasonov – che viene rilasciato dalle api operaie giganti per incoraggiarle a stare insieme. Questo feromone viene utilizzato per guidare le api che tornano alla colonia per trovare l'ingresso dell'alveare.

L'odore rilasciato dal feromone si diffonde quando le api sollevano l'addome, che ha le ghiandole di Nasonov, e aprono le ali. Viene rilasciato dai fiori in modo che le altre api sappiano quali fiori hanno il nettare. Il feromone Nasonov può anche essere prodotto sinteticamente per attirare uno sciame di api in un alveare non occupato. La ghiandola Nasonov fu descritta per la prima volta nel 1882 dallo zoologo russo Nikolai Viktorovich Nasonov.