ilmeteo.net

Scopri il sorprendente segreto che nascondono i fichi

Nonostante sia popolarmente conosciuto come un frutto, il fico è in realtà un fiore. Guarda come si propaga questa pianta dalle mille proprietà!

Fico
I fichi non sono frutti, ma fiori invertiti. I fichi non fioriscono allo stesso modo dei meli o dei peschi.

Un fico non è un frutto qualsiasi. In realtà, non è nemmeno un frutto, è un'infiorescenza, o semplicemente un fiore rovesciato. I fichi non fioriscono allo stesso modo degli altri alberi da frutto, come i mandorli o i ciliegi. I fichi hanno una storia molto curiosa. Oltre a non essere un frutto, hanno bisogno del "sacrificio" di un insetto per riprodursi, un imenottero impollinatore che muore all'interno del fico. Quando l'insetto entra in un fico femmina, perde le ali e muore all'interno senza lasciare le uova.

Il rapporto reciproco tra il fico e il "moscerino del fico" è uno dei più affascinanti in natura. Entrambi hanno una esistenza così intrecciata che l'uno non può esistere senza l'altro. Dove non ci sono moscerini del fico, i fichi non si riproducono e viceversa. Il ciclo riproduttivo di questi insetti avviene solo all'interno dei fichi. In decine di milioni di anni di evoluzione, i fichi sono stati così modificati dall'interazione con questi insetti che ora vengono scambiati per frutti.

"In natura vediamo molta competizione, quindi l'interazione tra il fico e la vespa del fico è sorprendente. I due si muovono insieme per adattarsi l'uno all'altro e cercare di sopravvivere. Se uno muore, anche l'altro scomparirà". Darío Abel Palmieri, Dipartimento di Biologia, Università di São Paulo.

Ma i fichi non sono frutti, sono gusci che contengono al loro interno centinaia di minuscoli fiori che producono internamente semi, grazie al lavoro di impollinazione. Questi insetti trasportano il loro materiale genetico e permettono loro di riprodursi. Essi, d'altro canto, non potrebbero vivere senza i fichi, perché depositano le larve all'interno del frutto. Questa relazione è nota come simbiosi o mutualismo.

L'impollinazione

In generale, l'impollinazione dei fiori è una conseguenza della ricerca di cibo da parte degli animali. In questo caso, la relazione fico-moscerino è un po' più complessa. Poiché il fico è l'unico substrato in cui questi insetti depongono le uova, una volta al suo interno, i discendenti dell'animale "fondatore" posizionano il pungiglione sotto lo stiletto per deporre l'uovo.

Intanto il "fondatore" sparge il polline che ha portato dal fico dove è nato, fertilizza i fiori femminili e garantisce la produzione di frutti e semi e, di conseguenza, la sopravvivenza dei fichi. Una volta completata l'impollinazione, il fico inizia a maturare e cambiare colore. Una volta mature, gli insetti femmina lasciano il frutto di fico su cui sono allevate e vanno alla ricerca dei fichi da impollinare.

A causa della loro breve vita e del lungo viaggio per trovare un albero, solo pochi moscerini possono impollinare un fico. Le femmine riconoscono un albero di fico pronto per l'impollinazione dal segnale chimico rilasciato dagli alberi. Per arrivare al fiore, l'insetto deve entrare nei pori del frutto e raggiungere la sua cavità.

Questi insetti appartengono alla famiglia degli agaonidi. Sebbene questa relazione possa sembrare disgustosa, è necessaria per la sopravvivenza di entrambe le specie. Sebbene questa relazione simbiotica sia considerata alquanto disgustosa e forse inquietante, va ricordato che è necessaria per la sopravvivenza di entrambe le specie e affinché questo ciclo della catena alimentare non si esaurisca.

Minaccia silenziosa per gli impollinatori

Senza impollinatori, la maggior parte delle piante autoctone e coltivate che mangiamo non sopravviverebbero. Il numero di impollinatori sta diminuendo in tutto il mondo e questo calo rappresenta una minaccia per la biodiversità, la salute umana e la nutrizione. Le cause principali di questo declino sono l'uso indiscriminato di pesticidi ed erbicidi, l'esistenza di specie invasive, la perdita e la frammentazione degli ambienti naturali e il degrado ambientale.

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista scientifica PLOS ONE, le unità di conservazione non saranno in grado di contenere questa riduzione. I luoghi che una volta soddisfacevano le esigenze degli impollinatori stanno diventando inabitabili con l'aumento delle temperature e le precipitazioni diventano più imprevedibili e irregolari.

Quello che la maggior parte delle persone non capisce è che la scomparsa degli impollinatori è una perdita economica in agricoltura, silvicoltura e provoca uno squilibrio nella natura. La scomparsa degli impollinatori si traduce in grandi perdite in agricoltura e provoca anche un grande squilibrio nell'ambiente naturale. Diversi studi hanno già dimostrato l'importanza dell'esistenza di un habitat naturale all'interno delle proprietà private per garantire e persino aumentare la produzione agricola. Tuttavia, il rispetto della legislazione ambientale sulla protezione della vegetazione autoctona è una questione di sicurezza alimentare e idrica, poiché la maggior parte degli impollinatori garantisce e aumenta la nostra produzione alimentare.