ilmeteo.net

Cambiamenti climatici: "il pianeta brucia ed è urgente agire"

I leader mondiali, le imprese e la società civile si sono riuniti nei giorni scorsi, nel quadro dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (che quest'anno è arrivata alla sua 75° edizione) per chiedere un'azione urgente per il clima.

clima
"Azioni urgenti per frenare il riscaldamento globale" è la richiesta che il segretario dell'ONU ha nuovamente formulato ai Governi mondiali.

In questo autunno del 2020 si compieranno cinque anni dalla firma dello storico Accordo di Parigi e l'umanità è molto lontana dal rispettare gli obiettivi stabiliti di mantenere la temperatura al di sotto dei 2°C e stabilizzarla a 1,5°C entro il secolo, per impedire il peggioramento del riscaldamento globale e gli effetti meteorologici estremi che esso provoca.

I leader mondiali, le imprese e la società civile si sono riuniti nei giorni scorsi, nel quadro dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (che quest'anno è arrivata alla sua 75° edizione) per chiedere un'azione urgente per il clima.

"Azioni urgenti per il clima"

“Il mondo ha la febbre alta e sta bruciando - ha avvertito giovedì scorso il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. "Le alterazioni climatiche - ha aggiunto - sono notizia quotidiana, dai devastanti incendi boschivi alle inondazioni record ".

Durante una tavola rotonda sul cambiamento climatico che si è tenuta nel quadro della 75° sessione dell'Assemblea Generale, António Guterres ha avvertito che è urgente cambiare l'attuale corso del pianeta.

“Il recente rapporto dell'Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) è inequivocabile. L'ultimo decennio è stato il più caldo mai registrato e le concentrazioni di gas serra continuano ad aumentare. Le emissioni di anidride carbonica da combustibili fossili e incendi boschivi hanno raggiunto il massimo storico nel 2019 e sono superiori del 62% rispetto al 1990", ha affermato ancora Guterres.

Leggi anche. Con il 2019 si chiude un decennio di riscaldamento globale eccezionale. Il rapporto WMO durante il vertice sul clima di Madrid

Un evento per il clima il 12 dicembre

Durante l'evento è stato annunciato che Guterres e il Primo Ministro del Regno Unito ospiteranno, il prossimo 12 dicembre, un evento storico che riunirà i leader mondiali per spingere verso un'azione per il clima molto maggiore rispetto a quella vista finora. L'evento avverrà nel quinto anniversario della firma dell'Accordo di Parigi.

Boris Jonhson ha informato i partecipanti alla tavola rotonda che le emissioni del suo paese sono diminuite fino al 10% a causa della crisi del coronavirus, ma che questo sarà un impulso per il Regno Unito, che è impegnato nella ricostruzione dopo la crisi, a portare il Paese vero un futuro più verde.

I piani della Commissione Europea

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha affermato che il coronavirus ha fatto capire a tutti quanto sia fragile la vita sul nostro pianeta. “Abbiamo bisogno di un'azione decisa e sfruttiamo questa opportunità per rendere le nostre economie più sostenibili e le nostre società più sane. La Commissione europea è pronta a fare la sua parte e ci impegniamo a diventare il primo continente a emissioni zero al mondo entro il 2050 ", ha affermato.

Ha aggiunto che l'Europa ha deciso di ridurre del 55% le emissioni di gas serra entro il 2030 e che è stato istituito un fondo destinato specificamente a questo scopo. "Tasseremo il carbone, promuoveremo l'energia rinnovabile, stimoleremo l'economia circolare e ripristineremo la natura, ma l'Europa non può da sola, rappresentiamo solo il 10% delle emissioni globali", ha affermato.

Sia il Segretario generale che Von der Leyen hanno accolto con favore l'annuncio del Presidente della Cina, fatto durante il dibattito generale, che il Paese mira a diventare carbon neutral entro il 2060 e raggiungere il picco delle emissioni entro il 2030.