ilmeteo.net

Una vasta ondata di caldo ha colpito gran parte della Groenlandia

Un'ampia ondata di caldo ha colpito la Groenlandia nelle ultime settimane, spingendo le temperature sopra i 15°C nella parte settentrionale dell'isola. Nei settori più freddi, gli scienziati sono stati in grado di stare all'aperto in pantaloncini, cosa che si vede raramente da quelle parti.

Groenlandia ondata di caldo
L'ondata di caldo ha prodotto flussi d'acqua che sfociano nel mare.

Nelle ultime settimane un'intensa ed estesa ondata di caldo ha colpito la Groenlandia con temperature che in alcuni settori hanno superato i 15 °C e hanno permesso di stare in maniche corte in zone normalmente molto fredde. Secondo Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell'Unione Europea, temperature elevate prolungate hanno innescato un rapido scioglimento della calotta glaciale, rilasciando circa 6 miliardi di tonnellate di acqua al giorno nell'oceano tra il 15 e il 17 luglio 2022.

Secondo la CNN, la quantità di ghiaccio che si è sciolta in quei giorni rappresenta il volume d'acqua di 7,2 milioni di piscine olimpioniche. L'acqua al largo della costa nord-occidentale della Groenlandia è rimasta calma, ma le pozzanghere che si accumulano sugli iceberg nella regione sono un segno che una trasformazione sta avvenendo più in alto della calotta glaciale.

Il volume dell'acqua disciolta in questi giorni equivale a coprire l'intera provincia di Jujuy con più di 35 centimetri d'acqua.

Il rapido scioglimento del ghiaccio era ben visibile in questi giorni per la presenza di fiumi di acqua di disgelo che precipitavano nell'oceano. Le temperature si sono aggirate intorno ai 15,6 °C, 10 gradi più calde del normale per questo periodo dell'anno.

Un fenomeno che appare irreversibile

Parlando con la CNN, Ted Scambos, ricercatore senior presso il National Snow and Ice Data Center dell'Università del Colorado, ha dichiarato: "Lo scioglimento del nord la scorsa settimana non è normale, considerando le medie climatiche degli ultimi 30-40 anni. Lo scioglimento è andato aumentando, e questo evento è stato un picco di scioglimento".

Ogni estate la comunità scientifica è preoccupata per il possibile ripetersi dello scioglimento record avvenuto nel 2019, quando 532 miliardi di tonnellate di ghiaccio si sono fuse finendo in mare.

Un'inaspettata primavera calda e un'ondata di caldo nel luglio di quell'anno fecero sciogliere quasi l'intera superficie della calotta glaciale. Di conseguenza, il livello del mare globale è aumentato in modo permanente di 1,5 millimetri. Un'informazione importante per capire l'entità del problema è che se si sciogliesse tutto il ghiaccio presente in Groenlandia, il livello del mare si innalzerebbe di 7,5 metri in tutto il mondo.

A febbraio, uno studio pubblicato ha rilevato che sono stati osservati tassi di scioglimento senza precedenti sul fondo della calotta glaciale della Groenlandia, causati da enormi quantità di acqua di scioglimento che filtra dalla superficie. Quest'acqua è particolarmente preoccupante perché può destabilizzare lo strato sovrastante e potrebbe portare a una massiccia e rapida perdita di ghiaccio.

Problemi per i ricercatori

Nel 2020 gli scienziati hanno scoperto che la calotta glaciale della Groenlandia si era sciolta oltre il punto di non ritorno. Ciò significa che nessuno sforzo per prevenire il riscaldamento globale può impedire che alla fine si disintegri, perché ha ormai perso stabilità. Scienziati della Ohio State University hanno partecipato a questa ricerca. Il tasso di scioglimento negli ultimi anni supera qualsiasi situazione che la Groenlandia abbia sperimentato negli ultimi 12.000 anni, secondo un altro studio, ed è sufficiente per causare un cambiamento misurabile nel campo gravitazionale sulla Groenlandia.

scienziati Groenlandia
Gli scienziati sono stati in grado di giocare a pallavolo in pantaloncini corti nella base situata nel punto più alto e più freddo dell'isola.

In qualche modo paradossalmente, il lavoro degli scienziati per comprendere l'impatto del cambiamento climatico è ostacolato dal cambiamento climatico stesso, in particolare nel campo di ricerca East Greenland Ice-core Project, o EastGRIP, situato nel nord-ovest della Groenlandia. Sono stati fatti tentativi di invio aereo delle carote di ghiaccio raccolte di recente, ma il caldo sta destabilizzando il luogo di atterraggio prescelto sul ghiaccio locale.

Le temperature segnalate sono troppo alte per consentire l'atterraggio di aerei equipaggiati con gli sci. Per evitare di perdere i campioni, le carote di ghiaccio sono state conservate in grandi grotte artificiali che sono state realizzate nella neve per proteggerla dalla calura estiva.