ilmeteo.net

Il cambiamento climatico ci toglierà due settimane di sonno l'anno

Un nuovo studio completo ha analizzato 7 milioni di ore di sonno in quasi 50.000 adulti provenienti da 68 paesi. Tra le tante conclusioni, afferma che entro la fine del secolo potremmo perdere quasi due settimane di sonno all'anno a causa dell'aumento delle temperature.

notte tropicale cambiamento climatico
Lo studio ha analizzato 7 milioni di sogni in quasi 50mila adulti provenienti da 68 paesi.

Sebbene siamo consapevoli dei principali impatti che l'attuale cambiamento climatico ha sull'ambiente e sull'economia, altri impatti secondari passano inosservati, molti dei quali legati alla salute. In estate, in queste giornate soffocanti, di solito si dorme male quando la temperatura non scende a sufficienza, quando si verificano le cosiddette "notti tropicali", e questo si aggrava se ci sono anche condizioni di elevata umidità. Ora, cosa succede se quel disagio un tempo sporadico di passare una brutta notte a causa del caldo, si estende su una scala più ampia a causa del cambiamento climatico?

La nuova ricerca che collega il sonno ai cambiamenti climatici

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Copenaghen (Danimarca) ha analizzato 7 milioni di sonno notturno di oltre 47.000 adulti in 68 paesi. Questi dati anonimi sul sonno globale sono stati raccolti da braccialetti di monitoraggio del sonno basati su accelerometri, che hanno monitorato la qualità e la quantità del sonno.

L'autore principale dello studio, Kelton Minor, sottolinea che il suo lavoro rappresenta "la prima prova su scala planetaria che temperature superiori alla media erodono il sonno degli esseri umani". Questa erosione si verifica soprattutto perché "il calore ritarda il momento in cui le persone si addormentano e anticipa il momento in cui si svegliano", aggiunge. Pertanto, la durata totale viene ridotta. Gli esseri umani del campione preso in considerazione dormono circa 7,1 ore. La metà dei più anziani non ci riesce nemmeno mentre quelli di mezza età hanno veglie più lunghe nei giorni feriali che nei fine settimana.

In che modo la temperatura influisce sul nostro sonno?

Quando è stato introdotto il fattore temperatura, lo studio ha concluso che nelle notti molto calde (più di 30°C) il sonno è diminuito in media di quasi 15 minuti. I dormienti hanno avuto anche problemi a dormire sette ore o più in queste notti più calde. Il lavoro conclude anche qualcosa di noto, ovvero che le persone anziane dormono peggio quando fa caldo e le donne sono più colpite degli uomini. Inoltre, lo studio osserva che l'impatto negativo è più significativo nei paesi a medio e basso livello di sviluppo rispetto a quelli più avanzati. È probabile che l'aria condizionata abbia il suo impatto qui, ma non hanno avuto modo di confermarlo.

Entro l'anno 2099, potremmo perdere dalle 50 alle 58 ore di sonno all'anno, l'equivalente di quasi due settimane.

Nell'ultima parte del lavoro, gli scienziati proiettano i loro dati in due scenari climatici: uno in cui le emissioni sono controllate e un altro in cui continuano ad aumentare. Entrambe le situazioni porteranno comunque a un aumento del numero di notti con valori di temperatura minima elevati.

"In uno scenario di riscaldamento climatico moderato (in cui gli esseri umani riescono a stabilizzare le concentrazioni di gas serra) e senza ulteriori adattamenti, stimiamo che entro il 2099 ogni persona potrebbe perdere in media 50 ore di sonno all'anno a causa di temperature notturne non ottimali", afferma Minor, ma se non si fa nulla, la cifra potrebbe avvicinarsi alle 60 ore. Per aiutare a salvare il nostro sonno (insieme al nostro pianeta), il team di ricerca spera di collaborare con scienziati del clima globale, ricercatori del sonno e aziende tecnologiche per espandere la portata della ricerca globale sul sonno e sul comportamento di più persone e contesti.